Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Articolo | Chiese e diversità sessuale

In questi giorni la Chiesa cattolica fa notizia sui giornali internazionali. Mercoledì 17 giugno, l’arcivescovo Paul Gallagher, responsabile dei rapporti con gli altri stati in Vaticano, ha consegnato Holly all’ambasciata italiana, chiedendo al governo italiano di respingere una legge che sarebbe stata attuata in Senato. Rende l’omosessualità un crimine ed è una legge che dichiara la discriminazione sessuale e qualsiasi espressione culturale, politica o religiosa che inciti le persone all’omosessualità.

Nonostante il papa abbia fatto molti gesti e parole a sostegno degli immigrati, il Vaticano non ha mai intentato un’azione diplomatica contro le azioni razziste del governo italiano. Ora protesta contro la legge perché impedisce alle scuole e alle chiese cattoliche di pubblicizzare eventi come la “Giornata nazionale contro l’omosessualità”. Secondo il Vaticano, impedire a scuole e chiese di predicare contro la diversità sessuale è un attacco alla libertà religiosa. Il governo italiano ha risposto: L’Italia è un Paese laico, aperto a tutte le religioni, ma non legato a nessuno.

In questi giorni, a Washington, un documento approvato dalla maggioranza dei vescovi degli Stati Uniti esclude i cattolici dell’unità caritatevole che si esprimono a favore di qualsiasi aborto, anche di chi lo cura. Questo è un tema importante dopo l’elezione di molti vescovi del Paese, Joe Biden.

L’economia degli Stati Uniti produce 44 milioni di persone che vivono in povertà nel paese. E sempre di più, la polizia attacca, ferisce e uccide i neri. I presidenti incitano alle guerre e uccidono migliaia di persone per ottenere più consensi nei sondaggi di opinione. I vescovi ne sono consapevoli e non hanno mai negato l’unità con questi individui, ma sono disgustati quando si tratta di aborto, matrimonio tra persone dello stesso sesso o moralità sessuale.

READ  Rocce vulcaniche e nubi di cenere sull'isola italiana di Strompoli - Osservatore

La maggior parte dei cattolici non accetta la posizione ufficiale della Chiesa sull’etica sessuale. Papa parla di sincronizzazione e consultazione con i siti, ma ci sono lezioni proibite in cui non c’è dialogo.

In tutto il mondo, vescovi e sacerdoti sono spesso persone etiche e oneste. Tuttavia, nella struttura del clero, c’è ancora un interesse per l’apparenza ipocrita e la morale che non supportano la testimonianza del Vangelo. In Brasile, viviamo in situazioni politiche in cui non possiamo tacere. Tuttavia, la maggior parte delle dichiarazioni episcopali sulla politica ribadiscono i denominatori comuni della giustizia e del diritto. Molti vescovi e sacerdoti parlano chiaro e forte solo quando questo tema è legato alla disciplina sessuale.

I precetti tribali della cultura antica non possono davvero essere applicati alle realtà di oggi. Ai nostri giorni parlano alcuni gruppi cristiani

La Bibbia vieta le trasfusioni di sangue. Nessuno protegge la schiavitù perché la Bibbia lo consente. Come spiegare che ci sono ancora vescovi e sacerdoti che usano argomenti biblici per giustificare l’omosessualità?

Gesù accusò il clero del tempio di peccare con la loro arrogante santità e idolatria. Nell’etica sessuale, nessuno dei Vangeli registra le parole dirette di Gesù. Nessun testo dell’Antico o del Nuovo Testamento tratta di omovulnerabilità o di etica sessuale.

Nel Vangelo letto dalle comunità questa domenica, Marco parla delle due guarigioni operate da Gesù (Mc 5,21-43). Prende la risurrezione della donna come figlia di Zeus come cornice per la scena centrale: il trattamento della donna anonima che soffriva di emorragia, ed era quindi emarginata e considerata peccatrice. Il Vangelo fa di quella donna un simbolo di ogni persona condannata dalla legge. Ai nostri giorni, ci sono ancora persone considerate impure dalla religione: quelle che si identificano come LGBTQI+.

READ  Italia: Portidu deve 500500.000 alla Lega Bologna

Questa è una contraddizione: le Chiese che dovrebbero essere i riti dell’umanizzazione amorosa giustificano la discriminazione e la violenza. LGBTQI + non riguarda il perdonare le persone perché non hanno commesso alcun peccato. Al contrario, aiutano l’umanità a realizzare la segregazione di genere come contributo alla fratellanza umana proposta da Papa Francesco.

Questo è un pezzo di commento e il filmato presentato qui non riflette necessariamente le opinioni di Brazil de Foto

Edizione: Rodrigo Duro Goelho