Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Boris Johnson revoca le restrizioni sull’epidemia nel Regno Unito | Scienziato

L’ufficio del primo ministro britannico Boris Johnson ha dichiarato lunedì (9) che le restrizioni legate all’epidemia di Covid-19 saranno allentate, sulla base del miglioramento della situazione sanitaria, ha detto il suo ufficio domenica (9).

Il leader conservatore annuncerà la terza fase del piano deflazionistico lunedì pomeriggio dopo aver discusso in mattinata con i suoi ministri. La sospensione entrerà in vigore il 17 maggio, in concomitanza con l’allentamento di alcune restrizioni ai viaggi all’estero.

Da quella data in poi, i britannici potranno incontrarsi al chiuso, con un massimo di sei persone o due famiglie. Il segretario di Stato Michael Gove ha detto domenica alla BBC che il governo voleva ancora una volta consentire “il contatto tra amici e famiglia”, che avrebbe potuto coccolare.

Bar e ristoranti famosi potranno servire nuovamente i loro clienti all’interno e i matrimoni possono ricevere fino a 30 ospiti. All’aperto, le folle di oltre 30 persone saranno comunque vietate.

Il coronavirus ha ucciso più di 127.000 persone nel Regno Unito, il paese più colpito in Europa. Ma Downing Street ha affermato che i tassi di infezione sono scesi al livello più basso da settembre, mentre anche i casi di ospedalizzazione sono in calo, raggiungendo livelli bassi in alcune aree.

Valutazioni ONS Ha dimostrato che una persona su 1.180 ha il Covid-19, rispetto a una persona su 480 all’inizio di aprile.

“I dati riflettono ciò che già sapevamo: non permetteremo a questo virus di vincere”, ha detto Boris Johnson in una dichiarazione rilasciata da Downing Street.

“Il nostro programma di vaccinazione continua ad avere successo. Più di due terzi degli adulti nel Regno Unito hanno già ricevuto la prima dose, e ora possiamo dubitarne saggiamente, ma in modo irreversibile”.

Trova altre notizie sul vaccino Covid-19