Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Chi è Nicolò Barella, il simbolo della nuova Italia, che brilla in Coppa dei Campioni | Europa

Nicolò Barilla. Salva questo nome. Potrebbe non avere più fama tra i giocatori della nazionale italiana. Non è un asso, né agisce come capocannoniere. Ma ha il pieno appoggio di coach Roberto Mancini, veste le credenziali del miglior centrocampista dell’ultimo campionato italiano, e fa smuovere il cuore di Gigi Riva. Il figlio prodigio della Sardegna simboleggia la nuova generazione di visito.

Italia e Spagna si incontreranno martedì alle 16 (GMT). TV Globo, SportTV e Dare Sposta il gioco con l’esclusività.

  • Controlla il programma di Euro-2020

Nicolo Parella, una delle stelle più importanti della nazionale italiana a Euro 2020 – Foto: Getty Images

Insieme ai famosi Jorginho e Verratti, Barella Forma uno dei vertici del triangolo italiano a centrocampo. L’ottima prestazione del settore, per l’unica squadra ad aver ottenuto ancora il 100% di successi (con gli straordinari), è stato uno dei punti di forza della squadra.

I due (Jorginho e Verratti) sono fenomeni che fanno lavorare la squadra. È bello ricevere tanti elogi, perché i giocatori a centrocampo fanno un lavoro molto importante per la squadra. Ma la vera forza dell’Italia sta nel gruppo nel suo insieme. “Sì, è uno dei centrocampisti più forti con cui abbia mai giocato”, ha detto Parilla in una conferenza stampa domenica.

Barilla ha iniziato quattro partite per visito a Euro-2020. Non è sceso in campo contro il Galles perché è sopravvissuto. Il suo momento più bello finora è stato il grande gol sul Belgio.

Al 31′ di tempo e mezzo – gol dall’interno della regione italiana di Nicolò Barella contro il Belgio

Avere una squadra quattro volte campione del mondo non è una novità Per il giocatore 24enne. Parilla ha iniziato a giocare in 24 delle 27 partite giocate per l’Italia dall’ottobre 2018.

Un segno della fiducia nel calcio di Mister Roberto Mancini. Il centrocampista è uno dei pilastri della squadra imbattuta da 32 partite. (27 vittorie, cinque pareggi), record nazionale.

– Come ho detto quando sono arrivato in Nazionale, l’allenatore ci ha dato una mentalità vincente. Ogni partita in cui andiamo ci concentriamo sulla vittoria. Finora sta andando tutto bene, soprattutto per me. Penso che l’allenatore abbia fatto un ottimo lavoro. Questa mentalità ci ha dato molto e ci ha aiutato nelle situazioni difficili. È la visione condivisa che ci ha portato fin qui, ha detto Barilla.

Nicolò Barella è stato supportato dall’allenatore Roberto Mancini fin dai tempi del Cagliari – Foto: Reuters

Mancini punta sulla ruota in un momento delicato per l’Italia, qualche mese dopo Non idoneo per i Mondiali 2018. Alto 1,72 metri, Niccol aveva 21 anni e difendeva Cagliari. A quel tempo la squadra si classificava tra il 12° e il 15° posto nella classifica del Campionato Italiano.

Ma il giovane era già il capitano della squadra ed è visto come un riferimento. Inoltre, ha svolto tutta la sua formazione alla base del club (in prestito per un anno al Como nel 2015/2016) e lì è diventato professionista.

E a luglio 2019, nonostante la concorrenza di altri grandi club europei, L’Inter ha ottenuto il suo contratto giusto. Prima in prestito per una stagione, per un compenso di 12 milioni di euro, e poi infine dopo aver pagato altri 32,5 milioni di euro.

Nicolo Parilla è stata una delle stelle più importanti dell’Inter campione d’Italia nel 2020/21 – Foto: Agence France-Presse

Taglia il film al 2020/21. Barilla è stato eletto miglior centrocampista della Serie A. Chiave per il titolo dell’Inter, con 36 partite e tre gol. Secondo gli indicatori di prestazione della lega, ha raggiunto un’efficienza tecnica del 94,2% e del 94,8% nell’aspetto materiale. Completa più del 60% dei passaggi considerati di media o alta difficoltà.

nella stagione nel suo complesso, Il centrocampista è stato il capitano della squadra negli assist (13) e l’atleta in prima divisione (46 partite).

– C’è una parola che unisce le due squadre (Nazionale e Inter), ma la terrò segreta e la svelerò alla fine dell’Europeo. Con l’Inter l’obiettivo era vincere lo scudetto e l’abbiamo fatto, e qui vogliamo arrivare il più lontano possibile e farlo – ha promesso.

Nicolo Parilla ha segnato uno dei gol della vittoria dell’Italia sul Belgio – Foto: Reuters

  • Vedi le ultime notizie sulla Coppa delle Nazioni Europee

Parlando di rivelazione, È stato l’ex attaccante Luigi Riva a scoprirlo per il calcio, in una piccola scuola della città di Cagliari. “Gigi è il primo marcatore nella storia della Nazionale italiana, con 35 gol. Campione della Coppa dei Campioni nel 1968, ha giocato i Mondiali 1970 e 1974. Ha difeso il Cagliari per 13 anni ed è diventato uno degli idoli della Sardegna.

È una leggenda irraggiungibile e non potrò avvicinarmi a lui per tutta la mia carriera, ma farò di tutto per rendere orgogliosa anche la Sardegna. Ma mi è sempre piaciuta la responsabilità. Sono padre di tre bambine, voglio renderle orgogliose. “Mi manchi così tanto, e in questo momento posso solo mandarti un bacio”, ha detto Barilla.

Per poter replicare l’impresa dell’eroe personale, il centrocampista deve ancora raggiungere la finale a Wembley ed essere un campione. Ma a metà strada c’è la semifinale contro la Spagna, questo martedì.

Sarà una partita molto difficile contro la Spagna. Una volta avevano star come Xavi e Iniesta, che hanno ispirato generazioni. Oggi ci sono Busquets, Koke, Pedri… Sono squadre che ultimamente sono simili nello stile di gioco, a cui piace controllare la palla. Proviamo a farlo e a spezzare il loro ritmo. Sarà una grande partita.

Guarda tutti i gol dell’Italia nella competizione:

READ  L'italo-brasiliana Natalie Mulhausen inizia la sua ricerca di una medaglia nella scherma