Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Come si sta evolvendo la variante delta nel mondo e quali sono le prospettive per il coronavirus brasiliano

noi stato unitoSi stima che sia già responsabile del maggior numero di casi. Delta si trova in Brasile circa un mese fa e provocare 2 morti. È stato identificato questa settimana per la prima volta in a Paziente di San Paolo.

Di seguito, in questo articolo, capiscono:

  • Come si è comportata la variabile nei paesi che sono diventati prevalenti?
  • Brasile: il numero totale di vaccini e il conflitto con la variante gamma faranno la differenza?

Chief Scientist dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)Chi è il), Somaya Swaminathan, ha avvertito il mese scorso che La variante Delta è diventata la varietà dominante in tutto il mondo. Secondo lei, l’alto tasso di trasmissione di questa particolare variante ha giocato un ruolo importante nel suo dominio, ma i vaccini hanno continuato a essere efficaci nel combattere il virus.

  1. Regno UnitoIl Regno Unito è stato il primo a rendersene conto Sostituzione variabile alfa delta. All’inizio di giugno, era già responsabile di oltre il 70% nuovi casi. L’alto tasso di vaccinazione e il mantenimento delle misure di distanziamento sociale hanno impedito alti tassi di infezione e morte per malattia. All’inizio di quest’anno, il Paese ha registrato un picco di morti superiore a 1.200 vittime ogni 24 ore, ma mantiene questo numero Media di meno di 20 decessi giornalieri Entro Covid-19 da o fine aprile.
  2. Israele: Anche con il 60% della popolazione vaccinata, Israele ha riadottato le restrizioni dovute alla prevalenza della variante delta. La preoccupazione è aumentata dopo Sono state registrate più di 100 nuove infezioni al giorno, a condizione che zero sia il numero all’inizio del mese. La maggior parte dei nuovi contagiati sono giovani e bambini in età scolare, che non sono ancora stati vaccinati. Nonostante l’aumento del numero di casi, il Paese continua a controllare l’epidemia e i vaccini utilizzati sono in grado di proteggere la popolazione dai casi della malattia più grave. a La mortalità resta vicina allo zero Dall’inizio di giugno.
  3. Messico: Solo un quarto della popolazione ha ricevuto la prima dose del vaccino e le autorità messicane sono preoccupate per la variante delta, prevalente nelle città più grandi. I dati del governo messicano indicano un aumento del 64% delle infezioni da Covid-19 in sole 3 settimane di giugno.
  4. Belgio: Una proiezione fornita dall’Università belga di Hasselt/Leuven indica che oltre il 50% delle nuove infezioni registrate nella prima settimana di luglio sono effettivamente di tipo delta del coronavirus. All’inizio del mese scorso, questa cifra non ha raggiunto il 25% di tutte le infezioni nel paese, il che indica una rapida trasmissione di questo ceppo, soprattutto nei giovani. Il paese sta inoltre lentamente facendo progressi nella sua campagna di vaccinazione e solo il 44% della popolazione adulta ha ricevuto due dosi del vaccino.
  5. Stato unito: I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) rilevano una stima secondo cui al 3 luglio i delta rappresentavano il 52% dei casi nel paese. I decessi nel paese sono diminuiti da febbraio, con una robusta campagna di vaccinazione guidata dal governo della Repubblica Ceca Joe Biden. Il problema ora è convincere una parte della popolazione che rifiuta la vaccinazione, cosa che ha costretto gli Stati Uniti a non rispettare la legge sulle vaccinazioni Obiettivo 70% vaccinato entro il Giorno dell’Indipendenza (il 4 luglio).
READ  Il Texas esegue la prima esecuzione di un prigioniero nel braccio della morte dall'inaugurazione di Biden

Per elencare i paesi in cui predomina il delta, il primo 1 I dati disponibili sulla piattaforma sono Il nostro mondo nei dati, un progetto associato all’Università di Oxford. Inoltre, è stato aggiunto il Belgio perché uno studio locale mostra una predominanza delta nei nuovi casi di Covid.

Com’è il Brasile? Presentazione delle opinioni su tre argomenti:

1- Totale dei vaccinati e dei deboli: Con il ritmo lento della vaccinazione, il 37% della popolazione del paese è stato vaccinato con la prima dose. il numero in 13% quando si valuta la proporzione della popolazione che è stata completamente immunizzata.

Per cercare di semplificare il processo, un file deve essere acro E alcune capitali, come RecifeE il Goiania e soccombereAstraZeneca sta sviluppando una seconda applicazione di dosaggio. In precedenza, il periodo tra un’applicazione e l’altra dell’agente fortificante era di 90 giorni. Con il cambiamento di queste aree, l’intervallo è stato ridotto ad almeno 60 giorni.

Il capo del Programma di emergenza dell’OMS, Maria Van Kerkhove, ha spiegato che i vaccini sono efficaci contro i casi gravi di delta – Se vengono applicate entrambe le dosi.

Ciò significa che oltre il 70% della popolazione adulta del paese è ancora suscettibile a questo tipo e anche coloro che sono già stati vaccinati possono ancora portare il virus.

2- Orari diversi in India: Esther Sabino, immunologa e ricercatrice presso l’Istituto di Medicina Tropicale della Scuola di Medicina dell’Università di San Paolo (USP), stima che la situazione in Brasile in questo momento sia diversa da quella trovata dall’India quando è emerso il delta. Secondo lei, abbiamo appena assistito al picco della malattia, che potrebbe contribuire a ridurre il numero di contagi del nuovo tipo.

“Quando Delta ha iniziato in India, era un po’ come Manaus, nella fase di perdere gli anticorpi dopo 7 mesi mentre il virus si ritira. Quindi, le persone perdono l’immunità (acquisita dopo una malattia) nel tempo. Qui, ora, le persone sono state appena infettate e molte persone sono state infettate.” È lì? [delta] In un momento in cui l’epidemia si sta diffondendo”, ha spiegato Esther Sabino. “Non sappiamo ancora quanto dura l’immunità, ma c’è un’immunità generata e la persona non si re-infezione rapidamente”.

Camila Malta Romano, ricercatrice presso l’Hospital das Clinicas, Università della Scuola di Medicina del Sud Pacifico e Istituto di Medicina Tropicale di San Paolo, ha una visione simile a Sabino e crede anche che viviamo in un contesto epidemiologico diverso da quello indiano alla luce di la nuova alternativa.

“Ora, i paesi, non tanto il Brasile, stanno aumentando il numero di persone che sono completamente vaccinate e immunizzate. A seconda della velocità con cui il delta inizia a diffondersi qui, penso che probabilmente non avremo una nuova ondata molto pericolosa”, valuta .

Camilla analizza: “Potremmo avere un quadro molto più mite della variante delta che se non avessimo la vaccinazione”.

3 – Disaccordo con la variabile gamma: È ancora troppo presto, secondo Sabino, per dire se il delta possa dominare il Paese al posto della variante gamma, precedentemente denominata P.1. Uno studio europeo con ricercatori dell’Organizzazione mondiale della sanità e dell’Imperial College di Londra indica che rispetto alla variante originale del virus Corona, il gamma è circa il 50% più trasmissibile. Delta 100% in più.

“È troppo presto per dire se il delta diventerà P.1, ma c’è una possibilità. In tutte le regioni che è p.1, il delta è arrivato prima, e ha finito per rianimarsi ed espandersi più velocemente di P.1 ma qui in Il Brasile è un po’ diverso perché P.1. Molto diffuso, per questo potrebbe non avere un’espansione così grande, ma è difficile dirlo oggi, lo sapremo tra poche settimane”, riassume Sabino.

G1 lancia il canale YouTube