Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Cosa sa la scienza finora sulla relazione tra gruppo sanguigno e Covid-19?

Gli studi dimostrano, ad esempio, che le persone con gruppo sanguigno O avranno un minor rischio di contrarre il Coronavirus; I dati, tuttavia, differiscono tra i sondaggi

EFE / Antonio LaserdaLa relazione tra Covid-19 e gruppi sanguigni deve ancora essere studiata

Determinato a scoprire chi è più vulnerabile alle infezioni Covid-19 All’inizio della pandemia, gli scienziati si chiedevano se fosse così gruppi sanguigni Potrebbe essere correlato all’esposizione delle persone a più o meno il nuovo coronavirus. La maggior parte degli studi preliminari ha già analizzato un gran numero di popolazione CinaE il stato unito e EuropaMa secondo Università di Harvard, “Spesso sollevava più dubbi che risposte certe” dei ricercatori. Con poco più di un anno, milioni di infetti e morti, Sars-Cov-2 rimane scientificamente sconosciuto agli ematologi. Verificare la presenza di alcuni dubbi sulla relazione tra gruppo sanguigno e infezione da Covid-19.

I sintomi del Covid-19 potrebbero essere più gravi per alcuni gruppi sanguigni?

Nonostante le indicazioni che la malattia possa essere più “compatibile” con certi tipi di sangue, non ci sono indicazioni concrete che possa essere più mortale per un particolare tipo di persona. Uno studio di Harvard lo scorso anno non ha trovato alcuna associazione tra il gruppo sanguigno e la gravità della malattia. Ciò significa che non è stata dimostrata una relazione diretta tra il mio gruppo sanguigno e se avrei una malattia Covid lieve, moderata o grave “, spiega il direttore della Società brasiliana di malattie infettive, Marco Antonio Cirillo. Anche se lo studio di Harvard non lo ha fatto trovare collegamenti, è stato pubblicato un altro sondaggio su poco meno di 2.000 pazienti ospedalizzati in Spagna e in Italia New England Journal of Medicine Anche nel 2020, è stato dimostrato che i pazienti di tipo A avranno maggiori probabilità di avere insufficienza respiratoria dopo la contaminazione e che i pazienti di tipo O ne avranno meno. Tuttavia, tutti i gruppi sanguigni del mondo sono vulnerabili alla contaminazione e devono essere prese misure preventive.

READ  "La scienza non può perdere la sua credibilità".

Il gruppo sanguigno O può avere meno probabilità di contrarre Covid-19?

forse si. Uno studio pubblicato nel marzo 2021 da cinque ricercatori sulla rivista scientifica Annali di ematologia Hanno incluso 23 studi in tutto il mondo che mostrano associazioni tra gruppi sanguigni e una maggiore possibilità di infezione o morte per malattia. Secondo lui, la maggior parte delle ricerche mostra che il tipo O è un agente protettivo contro Covid-19, che riduce la capacità dei pazienti di contrarre l’infezione. Le pubblicazioni non concordavano, tuttavia, sulle specie più a rischio: A, B o AB. Un vecchio studio condotto all’inizio dell’epidemia dall’Università di Harvard e dall’Emory College of Medicine negli Stati Uniti ha affermato che le persone di tipo A sono le più a rischio.

Citando lo studio, spiega Cirello, “le proteine ​​virali preferiscono legarsi alle proteine ​​nelle cellule respiratorie del naso, della gola e dei polmoni, soprattutto le persone con gruppo sanguigno A”. Secondo lui, anche i pazienti con RH positiva appariranno più frequentemente tra i casi confermati della malattia. La ricerca è stata pubblicata all’inizio di aprile 2021 in Giornale dell’Associazione Medica Americana, Chi ha analizzato 24 ospedali e 215 cliniche negli Stati Uniti, ha indicato che non esiste un legame concreto tra gruppo sanguigno e infezione. Un estratto dal documento afferma: “Il gruppo sanguigno non era associato a suscettibilità o gravità della malattia, inclusa la contaminazione virale, il ricovero in ospedale o il ricovero in terapia intensiva”. Secondo questo studio, la diversità dei gruppi sanguigni in base alla disposizione geografica della ricerca potrebbe indicare che un gruppo è infetto da un altro rispetto a un altro, il che indica che c’è ancora molta strada da fare.

READ  Corinth ha un commento e sei assenze per un duello contro Perol; Vedi posizioni

Il gruppo sanguigno può rendere una persona più suscettibile alla malattia?

La relazione tra il gruppo sanguigno e la contaminazione da Covid-19 rimane poco chiara, ma la scienza ha dimostrato che alcuni tipi di sangue possono essere più suscettibili ad altre malattie infettive a causa della formazione delle loro cellule. Le sostanze sulla superficie delle cellule del sangue hanno recettori. Questi recettori preferiscono che alcuni batteri, virus e funghi si uniscano. Le proteine ​​in queste cellule sviluppano adesione, segnalazione e altra riproduzione cellulare, provocando lo sviluppo del cancro, ad esempio, afferma il direttore dell’SBI. Secondo lui, alcune malattie metaboliche possono anche avere una preferenza per determinati gruppi sanguigni. Tra le malattie che, secondo il medico, sono già state collegate ai gruppi sanguigni ci sono alcune anemia, malattie autoimmuni e vascolari, problemi di demenza, morbo di Parkinson, tubercolosi, morbillo, parotite, varicella, polmonite, tumori, malattie del pancreas. E anche la meningite. .