Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Dimissioni di un agente di polizia statunitense che ha ucciso un cittadino nero | La Gazzetta Nazionale

Negli Stati Uniti, dopo due notti di proteste, in un sobborgo di Minneapolis, contro l’omicidio di un cittadino nero da parte di un poliziotto, lei e il presidente hanno rassegnato le dimissioni.

Kim Potter, un veterano di 26 anni del dipartimento di polizia della città di Brooklyn, ha emesso una lettera dicendo: “È nel migliore interesse della società, della direzione e dei colleghi che mi dimetto immediatamente”.

È stata lei a uccidere domenica (11) Don Wright, un maschio nero di 20 anni. Mentre si avvicinava l’attraversamento, la polizia ha scoperto che aveva un mandato di arresto.

Daunte ha cercato di scappare. Poi l’ufficiale di polizia l’ha avvertita che avrebbe usato la pistola elettrica stordente, chiamata pistola stordente, ma che in realtà era stata sparata.

Lunedì (12), il capo della polizia della città ha detto che è stato un colpo accidentale. Si è anche dimesso dal suo incarico martedì (13).

Un mandato di arresto era stato emesso per la sua mancata risposta a un pubblico che gli avrebbe risposto per aver portato una pistola non autorizzata e la polizia in fuga in un avvicinamento nel giugno 2020. Martedì, quando i due poliziotti sono stati annunciati le dimissioni, il sindaco ha detto che previsto questo. Questo porta un po ‘di calma nella comunità.

Questo martedì, la madre di Donut Wright ha ricevuto sostegno dalla famiglia Floyd. Uno dei fratelli di Floyd ha detto: “Minneapolis, non puoi più pulirlo sotto il tappeto. Combatteremo per la giustizia per questa famiglia mentre combattiamo per nostro fratello”.