Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Disprezzare e decostruire la scienza brasiliana

Disprezzare e decostruire la scienza brasiliana, articolo di Gaudêncio Torquato

È una crisi di ritiro della crisi. Un altro si sta sviluppando e minaccia di gettare la bandiera brasiliana o, in altre parole, le sue macerie, in fondo al pozzo.

L’istruzione superiore e le istituzioni tecniche ricevono solo il 2,22% delle risorse annuali a cui hanno diritto, il che sconcerta i presidi delle università federali, spaventa gli studenti che ricevono borse di studio scientifiche, indebolisce l’assistenza agli studenti, lascia i ricercatori frustrati di fronte a interruzioni in breve e seppellire scoperte scientifiche in un buco profondo.

La decostruzione è qualcosa di inedito, il che solleva immediatamente la domanda: qualcuno conosce il nome del ministro dell’Istruzione? È triste vedere che parallelamente alla smentita che i nostri amministratori pubblici affrontano, a cominciare dal più forte, il Presidente della Repubblica, gestendo la pandemia Covid-19, stiamo assistendo al crollo dell’istruzione pubblica nel Paese.

Gli effetti si possono sentire non solo nei tagli alle risorse che paralizzano le attività, ma anche nell’estetica del campus, come quella dell’Università Federale di Rio de Janeiro, che è già stata celebrata come centro di eccellenza nell’insegnamento e ricerca, tra le migliori al mondo. Quelli erano gli ultimi giorni dell’Università del Brasile. Cosa diranno alcuni dei suoi ex rettori di questo disastro, come Benjamin Franklin Ramiz Galvão, primo rettore dell’università ed ex membro dell’Accademia brasiliana di lettere (ABL); Dr Raul Letao da Cunha, ex Ministro dell’Istruzione e della Salute Pedro Calmon; Immortal è anche per ABL Deolindo Couto; L’ex ministro dell’Istruzione Raymondo Augusto de Castro Moniz de Aragão; E l’economista Carlos Lisa, ex presidente della Banca nazionale per lo sviluppo economico e sociale (BNDES)? Si vergogneranno del Brasile.

READ  In un raro record, Hubble cattura la nascita di un esopianeta gigante: il Revista Galileo

Che delusione vedere che i servizi di monitoraggio, pulizia e pulizia non vengono pagati a causa della mancanza di risorse. L’elettricità e l’acqua non sono state tagliate dalle società. Le crepe negli edifici e la mancanza di conservazione spaventano i visitatori. A Bahia, Paraná, Rio sono emerse prove di abbandono, ma il brutto quadro è lo stesso in tutti i luoghi occupati dalle università federali.

Cosa si può pretendere? Sconti per rendere possibile il cosiddetto “limite di spesa”. Tuttavia, questo taglio brutale alla spesa è giustificato? L’immagine è crudele, ma necessaria: per salvare la vita di una persona, invece di amputare un dito, un braccio, le vene vengono rimosse. Ovviamente non ci sarà alcun risparmio. Così fanno i burocrati, quelli che, nei loro scompartimenti dell’Esplanada dos Ministérios, con una lama affilata, tagliano le vene del corpo nazionale.

Ora, l’istruzione è il fondamento di una nazione. Senza istruzione, non c’è processo civile, progresso, progresso e vita sana. Senza istruzione, la regione non torna dall’essere una nazione per rimanere un pezzo di terra cruda.

La più grande rivoluzione della nazione è la rivoluzione dell’istruzione. Senza di essa appare la cornice descritta dal filosofo argentino Jose Ingeneros: “In certi momenti, la nazione dorme dentro la campagna. Le piante dell’organismo. L’anima è cambiata. Le concupiscenze infastidiscono gli ideali e li rendono dominanti e aggressivi. Ci sono nessuna stella all’orizzonte e nessuna orifama nelle costellazioni. Non ci sono urla. Dalla gente. Le voci di grandi applausi non echeggiano. Tutti si sono radunati attorno ad abiti formali per prendere qualche briciola dal pranzo. È un’atmosfera di mediocrità. .. L’adorazione della verità entra nell’ombra, così come il desiderio di ammirazione, la fede in ferme convinzioni, l’esaltazione degli ideali, il disinteresse, l’abnegazione – Tutto ciò che ostacola la virtù e la dignità “.

READ  Trasmissione in diretta: Figuerci e Chapecoense duellano all'Arena Conda per un posto in semifinale

Dov’è il campo politico in questa crisi di mediocrità? Ti senti in ansia per altre cose che potrebbero farti guadagnare premi, ritorni, punteggi e voti. Soldi per comprare trattori, giunti per poter fare aggiustamenti di budget e per partecipare a forum che danno maggiore visibilità informativa. Così è la vita nello spazio di rappresentanza parlamentare. Potrebbe essere che le Eccellenze, nelle cariche di ministeri, comuni e consigli congressuali, non debbano nulla al motore educativo che ha rafforzato la loro vita? Quando prendono una decisione, usano l’equilibrio del pragmatismo. Pensano: cosa potrebbe esserci di meglio per me adesso?

Così, la scienza, anche sotto le lodi e gli applausi di alcuni, finisce per essere sacrificata per il bene di “altre priorità”. Cosa dice il MEC? Le risorse, purtroppo, sono “condizionate”. Non può essere utilizzato. In altre parole, l’istruzione è “condizionale”. A questo punto qualcuno sa come rispondere alla domanda di cui sopra: come si chiama il ministro della Pubblica Istruzione?

Gaudêncio Torquato è giornalista, scrittore, professore a tempo pieno e consigliere politico per Twitter @ gudêncio.com

Nota: le proteste sono state così intense che il governo ha finito per dare più risorse alle università.

In EcoDebate, ISSN 2446-9394, 19/05/2021

La rivista elettronica EcoDebate può essere mantenuta grazie al supporto tecnico e all’hosting di e-magazine Porto Fasil.

[CC BY-NC-SA 3.0][ O conteúdo da EcoDebate pode ser copiado, reproduzido e/ou distribuído, desde que seja dado crédito ao autor, à EcoDebate com link e, se for o caso, à fonte primária da informação ]

Inclusione nella lista di distribuzione della newsletter quotidiana online di EcoDebate, ISSN 2446-9394,

READ  Royal Defense Force: "Il Flamengo ha sconfitto Velez e il suo sistema difensivo" - 21/04/2021

Se vuoi essere incluso nella lista di distribuzione della newsletter quotidiana, invia un’e-mail a [email protected] La tua email sarà inclusa e riceverai un messaggio che ti chiederà di confermare la tua iscrizione.

EcoDebate non pratica lo SPAM e il requisito di conferma per l’e-mail originale ha lo scopo di impedire che la tua e-mail venga inclusa in modo errato da terze parti.

Rimuovere la lista di distribuzione dalla newsletter quotidiana della rivista online di EcoDebate

Per annullare l’iscrizione a questo gruppo, invia un’e-mail a [email protected] o [email protected] La tua email verrà rimossa e riceverai un messaggio di conferma della rimozione. Notare che la rimozione è automatica, ma non immediata.