Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

È ragionevole pensare che i geni spieghino i sentimenti e persino l’amore?

Il libro di Susan MacKinnon Neoliberal Genetics: Myths and Ethics, recentemente curato da Oppo, ha un titolo che potrebbe meritare alcuni adattamenti per la sua accoglienza al pubblico brasiliano. A cominciare dal fatto che non è un libro di economia, ma piuttosto una critica sostenuta dall’antropologia di quella che potremmo chiamare “ideologia genetica”.

Il suo obiettivo è generalizzare le argomentazioni genetiche per spiegare tutto, dalla scelta di partner d’amore al successo professionale. La genetica neoliberista è una sorta di adattamento semiscientifico di concetti e discorsi tratti dalla teoria dell’evoluzione darwiniana, ma applicata illogicamente, da un punto di vista epistemologico e pericoloso da un punto di vista etico-politico.

Un buon esempio di ciò è la psicoterapia evolutiva della parentela, che implica il confronto delle situazioni di vita ancestrale della razza umana con le condizioni reali del modo di vivere di quella persona e quindi la promozione di “adattamenti adattivi”.

Steven Pinker è un ottimo esempio di questo tipo di pubblicazione pratica per Teoria di DarwinPer coloro che si oppongono alle spiegazioni genetiche sono solo pazzi, folli, deliranti che soffrono ancora di “assurdità romantiche”.

Il libro arriva in un momento propizio, quando si discute dell’importanza della scienza, ma anche dei “parassiti ideologici” della scienza, comprese quelle che chiamavo fake science news. In questo caso, spesso si passa da nozioni solide e manifestazioni consensuali di ambizione cosmica ad applicazioni irregolari e insolite. Alla fine ci troviamo di fronte a un dilemma retorico: ma dopo tutto, sei con a Darwin o no?

Sì, sono con Darwin, non solo su “On the Origin of Species”, ma anche con l’autore “Expressing Feelings in Men and Animals”, ho un master in psicologia comparata e animale e ho studiato gli argomenti di etica a il centro.

READ  Bombardamenti israeliani uccidono 42 palestinesi a Gaza | Il mondo e la scienza

Ma all’inizio degli anni ’90 abbiamo esaminato i disastri e i malfunzionamenti della biologia sociale di Edward Wilson e la tentazione sistematica di attribuire la genetica a una determinazione causale diretta dei comportamenti.

Come mostrato Stephen Jay Gould, La storia del darwinismo – dal ritardo nella pubblicazione delle sue scoperte preliminari alla fondazione tedesca da parte di Huxley e alla fusione francese da parte dei positivisti e degli Spencer – è il prototipo dell’ideologia di un’idea quando trascende la linea che separa le scienze naturali da quelle le discipline umanistiche.

Esempio di base. Poiché il genoma umano è uno, sarebbe giusto immaginare che ci sia una sorta di “mentalità di base” alla base della diversità della cultura umana, e quindi la parentela e tutte le relazioni sociali sono il risultato di resoconti genetici.

La logica consiste nel distribuire un punto in una linea reale chiamata natura e un altro chiamato cultura, dopo aver opposto ciò che è innato all’acquirente, ciò che viene dalla fabbrica e ciò che mettiamo in primo piano come accessori, quali sono i componenti del nostro computer, su chi supporta il programma, tutto è facile da spiegare. Una combinazione delle due porterebbe sicuramente la famosa “componente genetica” su ogni linea retta.

Non è sempre possibile spiegare esattamente il ciclo di sviluppo che attraversiamo dalla produzione di proteine, cosa fanno i geni (oltre alla loro associazione con altri geni), per i fenotipi (i fenotipi degli organismi) e cosa fanno per le reazioni. Comportamenti e piani d’azione. In questo spazio “ancora da spiegare” interviene l’ipotesi genetica, da dimostrare attraverso l’attenta scoperta del gene responsabile.

Nei miei corsi di psicologia comparata, abbiamo esaminato il burnout che la funzione e la causa non dovrebbero essere confuse. La funzione è relativa all’evoluzione delle specie e alla loro storia genetica, motivo dell’interferenza con la filogenesi genetica, cioè la storia di quell’esemplare.

READ  HarmonyOS può occupare meno spazio e utilizzare meno RAM del telefono cellulare

Ma ora, sembra che le nozioni iniziali siano state sospese e dobbiamo vivere onestamente con i geni della devozione, dell’altruismo e della formazione del gruppo, geni che ci preparano per i giochi, che ripristinano la gentilezza con la gentilezza, i geni della sottomissione, dell’ambizione e della competitività. , maschio traditore, aiutando i parenti, resistendo ai ruoli sociali.

Un altro errore fondamentale è cercare di umanizzare gli animali leggendone le funzioni e le cause come se fossero sempre uguali o simili alle nostre.

Giusto per tenere il passo con gli esempi di MacKinnon, ci saranno geni che inducono uno scimpanzé a dare a suo fratello 60 grammi di carne (e non di più), geni che consigliano alle scimmie di amare altre scimmie che allattano al seno delle loro madri, geni che causano un bambino che uccide una sorella neonata, geni che fanno sì che una ragazza invecchierà I quindicenni vogliono prendersi cura di un bambino, il gene dominante, e il problema che fa sì che un maschio fertilizzi (o desideri fecondare) tutte le femmine.

Quando ho imparato a conoscere la genetica evolutiva, i geni erano solo catene di amminoacidi disposte a spirale, che si riproducevano e contenevano le basi per lavorare sulle molecole.

Foto: Gerd Altmann / Pixabay

Oggi sono “quasi persone” con motivazioni come l’ambizione o la competitività e sentimenti come la vergogna o l’orgoglio. Oggi hanno “punti di vista e punti di vista”, “vogliono” e “fatti propri”, “calcolano”, “controllano”, “impostano” e “parlano” con noi e “diffondono”.

La selezione naturale era un processo con dimensioni temporali gigantesche che coinvolgeva ecosistemi, ere geologiche, cambiamenti climatici e cambiamenti inaspettati nelle relazioni tra le specie.

Ho imparato che il punto focale di questa storia era la diversità e la serendipità.

Oggi tutto sembra essere diventato più semplice e diventare:

(…) è raffigurato come un “burattinaio”, “legislatore”, “programmatore cieco” e ingegnere che “progetta” organismi, organi mentali e adattamenti volti ad aumentare la diffusione dei geni. In qualità di gestore finale della produttività genetica, “la selezione naturale si fa carico del pensiero”, ha “obiettivi” e “strategie”, “afferma la sua volontà” e “attua le sue politiche”. La selezione naturale ha sia desideri che il potere di soddisfarli: “vuole” e “fa sì che gli esseri umani facciano certe cose – come, ad esempio,” essere gentili con i loro fratelli “, ma solo” apparire gentili “con gli amici. “

Gli argomenti di MacKinnon per mostrare come l’emergere del discorso genetico sia coinciso con l’ascesa del neoliberismo sono stranamente simili a quelli che abbiamo sviluppato, all’interno del Laboratorio di Teoria Sociale, Filosofia e Psicoanalisi presso l’Università del Sud Pacifico, per mostrare come il neoliberismo ha sviluppato un tipo di politica globale di governance umana. Sofferenza, flessione secondo una legge, un modo per capire l’economia, un modo per praticare la scienza e giustificare la conoscenza.

Credo che parte del malcontento della gente comune nei confronti della scienza e dell’università, e quindi della sua condivisione, che spesso è una reazione alla negazione, che ci colpisce brutalmente di fronte al COVID-19, derivi dall’uso eccessivo della scienza per giustificare le politiche, soprattutto quando si tratta di economia.

Steven Pinker, biologi sociali e psicologi evoluzionisti perdono la loro causa quando escogitano un’applicazione del darwinismo senza conoscerne i limiti e introducendo un finale dove tutto è al servizio della riproduzione genica.

Le emozioni, ad esempio, sono invenzioni genetiche al servizio della sostenibilità genetica, perché “i nostri obiettivi sono sotto-obiettivi dell’obiettivo supremo dei geni, che è la riproduzione”.

L’amore e l’amicizia non sono altro che “garanzie fiduciarie”.

L’intesa è “solo una raccomandazione di investimento molto convincente”.

Prendersi cura dei propri figli è, dopotutto, una forma molto perspicace di organizzazione del portafoglio.

La compassione è solo un altro nome per “la nostra migliore formula di affare”.

I geni sono orientati a “produrre risultati” sotto forma di comportamento appropriato.

Notiamo come il vocabolario retorico di questo tipo di scienza viene importato sempre più dall’economia: investimento, transazione, portafoglio, credito, produzione.

Ma è l’economia che giustifica questa comprensione della teoria evoluzionistica, o è la psicologia evolutiva che viene utilizzata per giustificare e rendere popolare il neoliberismo come la nostra ultima realtà genetica?

Tuttavia, la cosa più curiosa di questa generalizzazione ideologica è che eleva allo stato di una macchina che ha le intenzioni sconosciute della coscienza individuale, è in grado di trasmettere interessi sconosciuti agli agenti che colpisce, il che spiega quasi tutto e soprattutto il nostro amore relazioni. E le emozioni, che richiedono la futura presentazione delle ipotesi avanzate, la genetica di questo tipo è come l’inconscio in ogni cosa.

Non il subconscio freudiano, ma per la sua generalizzazione retorica, che era estremamente potente prima che il neoliberismo arrivasse sulla scena.

Freud Vorrei chiamare questa forma psicoanalitica preinconscia “inconscia” o “inconscio descrittivo”, ben illustrata qui:

Gli esseri umani pensano, decidono, scelgono, risolvono problemi e bilanciano costi e benefici nello stesso modo in cui le ghiandole sudoripare controllano la termoregolazione: senza dover percepire il processo “.

Questo spiegherebbe, infatti, perché questa psicologia evolutiva deve sminuire la psicoanalisi. Dopotutto, il lettore freudiano di Darwin, che era stato addestrato nella biologia evolutiva di Structure e Brooke, e attraversato da tesi sulla vita e la sua selezione naturale, doveva essere ripulito dalla scienza, affinché questa nuova scienza psicologica potesse emergere.

In altre parole, in entrambi i casi, la psicoanalisi come teoria sociale generalizzata e la psicologia evolutiva, soffriamo di una sorta di ipercoscienza piuttosto che della sua assenza.

Questo subconscio, un archivio morto infinito di comportamenti e contenuti storici, è stato oggetto della critica di Lacan in particolare. In altre parole, il surplus dell’inconscio nell’ideologia neoliberista richiede l’esclusione del concetto corretto e accurato di inconscio, nonché l’uso della genetica come forza ambigua che dobbiamo accettare, anche se le sue cause. Misterioso, bisogna usarlo, anche se i suoi risultati sono scarsi, proprio come la “mano invisibile” Adam Smith.

Politiche di austerità, riduzione dello Stato, finanziarizzazione dell’economia, accumulazione flessibile, indebitamento generalizzato, con responsabilità rigorose e controllo monetario del governo, l’egoismo della lotta di tutti contro tutti, tutto ciò che abbiamo è visto come produrre più povertà e disuguaglianza sociale , quindi dovrebbe essere accettato perché non c’è alternativa nella considerazione della scienza?