Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Evandro Santo affronta la tossicodipendenza dopo essere entrato nel quinto ospedale della clinica

#baci iconici#pubblico

Il comico Evandro Santo, ex Panico, ha parlato pubblicamente per la prima volta della sua dipendenza. droghe. Usa il social networks Per pubblicare il suo account registrato all’interno della clinica di riabilitazione.

“Questo è l’IGTV più difficile e importante che abbia mai fatto in vita mia”, inizia il comico. “Inizierò con una frase che molti di voi potrebbero non sapere, ma molti di voi potrebbero sapere: sono Evandro, ho 46 anni e sono un tossicodipendente in via di recupero. La dipendenza è una malattia che può insorgere con compulsione e può svilupparsi attraverso il sesso, il cibo, la droga, e nel mio caso sono le droghe”. Instagram.

Evando si dice anche al quinto ricovero per droga, ma solo ora ha deciso di aprire il caso al pubblico.

“Ho portato tutto sul mio petto e ho finito per usarlo, dal 2014 al 2020. Mi sono registrato per la quinta volta nella clinica di un amico. Pensavo di poter smettere di usare la ketamina da solo. Poi ho avuto una ricaduta ed ero nel ospedale per un mese”, ha detto.

Credito: Riproduzione / Instagram / EvandrosantoEvandro Santo ammette di essere tossicodipendente e pubblica un videoclip all’interno di una clinica di riabilitazione

La ketamina è un farmaco usato come anestetico per i cavalli ed è sempre più utilizzato e commercializzato alle feste. Provoca effetti simili all’LSD.

“Mi dispiace informarvi, ma questa malattia non sceglie un livello intellettuale, non sceglie un livello sociale, non sceglie se [você] È bella o è brutta. È una malattia che si diffonde a tutte le classi sociali.

READ  "Chama-me Pelo Teu Nome": un sequel con Timothée Chamalet e Armie Hammer una priorità per Luca Guadagnino - attualità

Come è iniziato tutto?

Evandro Santo sta ancora attraversando un tranquillo periodo adolescenziale e ha scoperto la droga solo anni dopo, quando ha iniziato la sua carriera artistica. “Sono andato a bere per la prima volta, avevo 25 anni a Rio de Janeiro, e non lo dimentico mai. C’erano tre caipirinha perché ho preso un corno da un ragazzo che amavo; sì, la frustrazione porta a questo, solo per farti sapere , va bene? (…) Poi , un mio caro amico, qualcuno a cui devo molto nella mia carriera, ha usato l’ecstasy. Poi ho preso la prima, che era bello, diciamo che è brutto?”

Il comico ha anche affermato che persegue un trattamento umano di sua spontanea volontà. “Questa quinta volta che sono stato ricoverato in ospedale, sono stato finalmente in grado di dire: ‘Sì, sono malato. Sì, ho bisogno di aiuto. Era la prima volta che venivo ricoverato volontariamente e penso che abbia fatto la differenza'”, ha disse.

“Ci vuole coraggio per chiedere aiuto, ci vuole umiltà e per rompere il velo di ignoranza che ci circonda. Essere dipendenti non è la fine, può essere l’inizio di una nuova vita”.

Vedi il post qui sotto:

trattamento della tossicodipendenza

La dipendenza chimica è cronica, incurabile e in crescita. Pertanto, l’individuo ha bisogno di un trattamento continuo indipendentemente dal fatto che stia assumendo o meno il farmaco.

Per questo è importante affidarsi all’aiuto di specialisti come psicologi e psichiatri. Questo sostegno dovrebbe estendersi anche ai membri della famiglia, poiché la dipendenza chimica colpisce non solo il dipendente, ma anche l’intero ambiente.

Parenti e amici hanno bisogno di ricevere istruzioni su come affrontare una persona dipendente e su come organizzarsi emotivamente per questo compito.

READ  Indietro Carros à moda: Ferrari investe nel prêt-à-porter

Se conosci o conosci qualcuno che ha sintomi di alcol eccessivo o altre sostanze chimiche, non aver paura di vedere uno psichiatra. È la persona migliore per aiutarti a capire la tua immagine.

Nel caso della terapia, il ruolo dello psichiatra è principalmente quello di aiutare a riscoprire fonti di piacere che non dipendono dalle sostanze chimiche.