Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Film d’animazione: le donne guadagnano più spazio nella creatività e nella regia – 13/06/2021

Questa settimana è iniziato lo spettacolo animato “Spirit – O Indomável” diretto da Elaine Bojan ed Ennio Torrisan. È uno dei rari film d’animazione in uscita quest’anno e ha una donna tra i suoi registi. “Luca”, che ha debuttato nel 18, è la nuova animazione della Pixar. La produzione presenta diverse donne della squadra, tra cui le brasiliane Nancy Cato e Bruna Muniz Burford, ma è stata ideata e diretta da Enrico Casarosa.

Secondo uno studio della University of Southern California del 2007, solo il 3% delle animazioni è stato diretto da donne e solo un film, “Kung Fu Panda 2” di Jennifer Yeoh Nelson, è stato diretto da una donna non bianca. Solo il 17% dei film d’animazione al 120 più grande botteghino degli Stati Uniti tra il 2007 e il 2018 ha avuto una protagonista o co-protagonista femminile.

Di recente, Women in Animation ha lanciato un database di talenti femminili per raggiungere l’obiettivo di avere il 50% di donne entro il 2025: oggi, il 60% degli studenti di animazione sono donne, ma solo il 20% delle posizioni creative nell’animazione le detiene.

Ma parliamo del bello: all’Anim Festival! Arte Online, che termina domenica (13), il 58% delle produzioni è diretto o co-diretto da donne. In totale, ci sono 262 cortometraggi con una persona che si identifica come una donna responsabile. “Vediamo una presenza molto forte delle donne nelle produzioni studentesche, il che è un fatto rilevante, così come nei professionisti”, ha affermato. Tutti Direttore del festival Alexandre Gorwena. Ci sono anche cortometraggi realizzati da ragazze, come la russa Evangelina Sarett, la filippina Jade Dandan Evangelista e la regina indiana Diya M.

Bahian Pamela Peregrino si ispira alla cultura africana per i suoi film in stop motion

Foto: riproduzione / Instagram

Pamela - Comunicato stampa - Comunicato stampa

“Porto e Rise”, il suo film sul maestro di capoeira P. de Chombo, proiettato all’An! Marte

Immagine: divulgazione

Tra le donne selezionate ci sono registi come l’italiana Paola Sorrentino, che nel suo primo cortometraggio “Girls Talk About Football” ritrae ragazze, anche brasiliane, che parlano di calcio. Tutto è iniziato perché un giorno all’università, mentre studiava pittura, lei e altre ragazze hanno deciso di fare un gioco.

“È stato uno dei momenti più belli e divertenti del mio tempo all’università”, ha detto. Tutti. “Poi mi sono chiesto perché non avessi mai giocato a calcio in vita mia. E ho capito che in Italia abbiamo l’idea che il calcio sia uno sport da uomini. E se sei una ragazza che vuole giocare, è molto difficile”.

Dopo un periodo a Parigi mentre era ancora all’università, si è unita a un team di ragazze e ha deciso che questo sarebbe stato il suo tema di laurea: un documentario animato sulle gioie e le difficoltà delle ragazze che amano lo sport.

Per le brasiliane Paola de Abreu e Pamela Peregrino, il cartone è apparso nelle loro vite un po’ per caso. Paula, di Minas Gerais, ha sempre amato disegnare. Pensavo che sarebbe diventata un’illustratrice di libri per bambini. Nel corso di Graphic Design, ha avuto l’opportunità, attraverso il programma del governo federale per incoraggiare la ricerca all’estero, Science Without Borders, di studiare nei Paesi Bassi.

Paula de Abreu - Riproduzione - Riproduzione

Paula de Abreu, di Minas Gerais, ha già lavorato per Cartoon Network e Netflix

Foto: riproduzione

È stato ispirato da un gatto precedente "Gato il gatto - il gatto senza scarpe"  - divulgazione - divulgazione

È stata ispirata da un ex gatto per realizzare “Cat the Cat – The Cat Without Boots”

Immagine: divulgazione

“Lì ho incontrato alcune persone che hanno lavorato con le illustrazioni e l’animazione di giochi. E questo mi ha aperto la mente. Sono tornato a concentrarmi sull’animazione. Ed è stato un momento molto buono perché c’era molto avviso pubblico, molti finanziamenti”, lui dice. Presto iniziò a lavorare su Cartoon Network, Netflix e Disney. E ora sta girando il suo primo cortometraggio, “Gato the Cat – O Gato Sem Boots”, nato dall’esperienza personale del regista con l’animale del suo ex fidanzato. Il gatto della storia è un po’ goffo, ama il sushi, ma riesce comunque a salvare il mondo.

Bahian Pamela, che parteciperà a tre cortometraggi al festival Spirito!, era un insegnante in una scuola pubblica di Rio de Janeiro quando ho avuto l’opportunità di seguire un corso chiamato Animare la classe in Stop Motion – una tecnica in cui viene filmato ogni millimetro di movimento dei personaggi e poi si uniscono all’assemblaggio.

“Amavo la scenografia ei costumi, e avevo un’affinità con le arti, ma quello è stato il primo contatto che ho avuto con la possibilità di fare animazione”, ha detto. I suoi film sono “ppá de Ósún: When Everything is Born”, in stop motion, su un orixá d’acqua dolce, Oríki, che usa disegni e dipinti per affrontare la morte, la malattia e la cura, e “Porto e Raiz” che mescola azione dal vivo e animazione per parlare del maestro della capoeira BD Chombo. Entrambi sono stati realizzati durante la pandemia.

“Negli ultimi anni ho sviluppato, sia nella ricerca che nella pratica artistica e nell’insegnamento, la prospettiva della cultura, dell’arte e della conoscenza degli africani e afro-discendenti e della diaspora afro-discendente in Brasile. Le tre animazioni in questo senso sono mostrare la conoscenza e la cultura, la bellezza e l’estetica di questa conoscenza”, ha spiegato il regista.

Ci sono più donne che studiano animazione, ma gli uomini sono i capi negli studi

Tutti i registi sperano che la situazione nell’animazione migliori davvero. Paola Sorrentino, ad esempio, parla di studi di animazione italiani che si sono impegnati a essere 50% uomini e 50% donne. Ma ha notato, parlando con i suoi colleghi del paese e del resto d’Europa, che il problema di solito è lo stesso in Brasile e negli Stati Uniti. “Oggi la maggior parte delle persone che studiano animazione all’università sono donne. Ma quelli ai livelli più alti negli studi sono uomini. La cosa buona è che questo sta lentamente iniziando a cambiare”.

Pamela Peregrino ha affermato che dai suoi inizi nell’animazione nel 2012, ha notato un’enorme crescita del numero di donne che realizzano i suoi film. Ha spiegato: “Quando ci sono avvisi di finanziamento pubblico e avvisi di politiche positive, vediamo una crescita molto maggiore. A causa della capacità, della disposizione e delle storie da raccontare, li abbiamo. Ma le risorse non sempre arrivano”.

La mancanza di avvisi pubblici in questo momento, con la quasi totale paralisi del settore audiovisivo, potrebbe incidere ulteriormente sulla crescita che si è verificata. “Ci sono molti prodotti che sono stati realizzati senza, o con pochissime, risorse sulla base della convinzione che si possa raccontare una storia e farla. Da un lato, è così bella, siamo così combattivi e la rincorriamo , ma d’altra parte è una denuncia perché manca di risorse. Se ha risorse per alcuni, deve avere risorse per tutti, tutti, tutti».

Peggiora quando ti tagli, come fanno le donne di colore. “Ci sono alcune animazioni, molto produttive e fantastiche, il che mi rende molto felice di non essere solo, ma non sono ancora molto espressive. Di nuovo, che risorse abbiamo per realizzare queste animazioni? E i lungometraggi che abbiamo non ho ancora.”

Paola Sorrentino ama citare Kitty Turley, produttrice esecutiva dello Strange Beast Studio di Londra: “L’insicurezza è l’arma più pericolosa del patriarcato”. In altre parole, il dubbio sulle proprie capacità e l’idea che non ci sia spazio per tutti colpisce tutte le donne. La via d’uscita è l’unione.

Le donne dovrebbero sostenersi a vicenda e diffondere il lavoro dell’altra”.

Paula de Abreu afferma che una sorellanza era essenziale per il suo lavoro. “Penso che sia molto bello perché gran parte della persona che sono oggi era perché sono stata abbracciata da donne nel campo dell’audiovisivo, comprese donne che hanno affrontato enormi difficoltà. Il mercato ha incoraggiato le donne a entrare, ma sempre in posizioni basse. Quindi l’ho creato io.” E l’illusione che gli studios volessero il lavoro femminile, ma fino a un certo punto, perché non si fidavano di loro in posizioni manageriali. E questo è cambiato molto nei 10 anni in cui sono stato nel mezzo , grazie alla Gilda delle Donne.”

L’animazione è visibile sul sito di An!Festival. marte: https://animarte.kinow.tv/pt/

READ  spazio aperto | Dalla California in Brasile a Colonia International