Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Gli esperti dicono che c’è più spazio per le manifestazioni nei media, ma la critica di parte mira a delegittimarle


Avenida Paulista il 19 giugno – GIZA Márquez

Di Marilia Liao Bonifacio, da Esquinas Magazine مجلة

In contrasto con la timida copertura delle proteste del 29 maggio contro Bolsonaro, questa volta i media tradizionali erano più presenti. I professori di giornalismo e scienze politiche di quattro facoltà di San Paolo sono dell’opinione che i portali web e le televisioni aperte ea pagamento abbiano dato più tempo e spazio alle manifestazioni del 19 giugno, che si sono svolte in centinaia di città in tutto il paese. Tuttavia, hanno osservato, parte della copertura ha scelto di collegare le azioni a “movimenti partigiani” – una strategia con una connotazione negativa per delegittimare i movimenti, affermano gli esperti.

Per Andre Santoro, coordinatore del corso di giornalismo presso l’Universidade Presbiterina Mackenzie, i media hanno cercato di correggere la timidezza delle rivelazioni della storia precedente. “Penso che la stampa abbia cercato di sbagliare, perché la mancanza di un’adeguata copertura di questi movimenti è stata una cosa molto brutta. Si è reso conto che qualcosa non è andato bene nelle manifestazioni che hanno avuto luogo a fine maggio e in un modo, hanno cercato di aggiustarlo per le nuove azioni.

Sebbene il 19J sia più famoso del 29M, gli specialisti attirano l’attenzione sulla sua presunta faziosità. Alla UOL, ad esempio, Josias de Souza ha stabilito una falsa equivalenza tra le proteste contro e per Bolsonaro. Dall’inizio della giornata, il rapporto “Le proteste contro Bolsonaro acquisiscono carattere partigiano” si concentra sulla vischiosità del Partito laburista e sui dubbi sulla partecipazione di Lula all’evento di San Paolo, che ha finito per non aver luogo. Per Rodrigo Rater, giornalista e professore alla Faculdade Cásper Líbero, la premessa è la delegittimazione dei partiti politici. “Il presupposto è che un movimento è valido solo se è apartitico, il che mi sembra scorretto. Anche i partiti fanno parte della società e possono essere inclusi nelle manifestazioni”.

READ  "Le azioni Vulcabras hanno spazio per crescere", afferma il presidente della società - Mercado - E-Investidor

Sulla stessa falsariga, Fábio Venturini, dottore di ricerca in storia e professore al campus Unifesp dell’Università di Osasco, spiega che associando la presenza della festa a qualcosa di brutto, la stampa mette fuori fuoco la sinistra e lascia il posto a tutti coloro che agiscono contro il governo ad essere etichettato come “Petistas”, ad esempio. “La classe operaia non può rinunciare ai partiti. Che cos’è la politica apartitica? È paghetta e autoritarismo. L’impresa di oggi (19) ha conquistato la faccia del Labour perché lascia nell’aria una domanda: “Dobbiamo liberarci di Bolsonaro , quindi qual è la risposta?” Ratter aggiunge che parte della copertura si piega a mostrare il verbo come “elettivo” – che sarebbe “sbagliato”. “Ci sono più movimenti, dai sostenitori organizzati alle ONG, persone senza alcuna associazione con qualsiasi associazione, e sì, partiti politici. Ciò che spinge le persone in strada è la rabbia per un governo in rovina”.

Ci sono echi del recente movimento anti-regime e rifiuto della politica nella demonizzazione dei partiti. Vitor Marchetti, politologo e professore all’Università Federale dell’ABC, sottolinea che il governo di Bolsonaro ci fa credere che le sue proteste siano spontanee, senza essere legate a un partito, perché la sua logica è antipartigiana e anti-establishment. “Nelle manifestazioni contro Bolsonaro ci sono più partiti disposti a partecipare, ma non solo loro: ci sono anche movimenti sociali di ogni tipo. Conclude che la critica a questa partecipazione è dispregiativa, conseguenza e riflesso degli ultimi anni della politica brasiliana. .”

Esquinas è la rivista laboratorio digitale per studenti e alunni del corso di giornalismo alla Faculdade Cásper Líbero