Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Gli scienziati affermano che l’immunità al virus Corona può durare per anni – 28/05/2021 – Equilibrio e salute

immunità al virus corona Durano almeno un anno e migliorano nel tempo, soprattutto dopo la vaccinazione, secondo due nuovi studi. I risultati possono aiutare a dissipare i timori persistenti che la protezione dal virus sarà di breve durata.

Presi insieme, questi studi suggeriscono che la maggior parte delle persone che si sono riprese dal Covid-19 e poi sono state vaccinate non avranno bisogno di un’iniezione di richiamo.

Le persone che sono state vaccinate e che non sono state infettate avranno probabilmente bisogno di più dosi, così come una minoranza che è infetta ma non ha prodotto una forte risposta immunitaria.

I due documenti hanno esaminato le persone che erano state esposte al coronavirus circa un anno fa. Uno studio, pubblicato lunedì sulla rivista scientifica Nature, ha dimostrato che le cellule che conservano la memoria del virus rimangono nel midollo osseo e possono produrre anticorpi quando necessario.

L’altro studio, anch’esso in fase di revisione per la pubblicazione su Nature, ha scoperto che queste cellule B di memoria continuano a maturare per almeno 12 mesi dopo l’infezione iniziale.

dice Scott Hensley, un immunologo dell’Università della Pennsylvania, che non è stato coinvolto nella ricerca.

Gli studi possono placare i timori di una diminuzione dell’immunità al virus, come nel caso di Coronavirus che causano il comune raffreddore. Tuttavia, questi virus cambiano drasticamente ogni pochi anni, afferma Hensley. “Il motivo per cui riceviamo i coronavirus così frequentemente nel corso della vita potrebbe avere più a che fare con la diversità di questi virus che con l’immunità”.

In effetti, le cellule B di memoria prodotte in risposta all’infezione da SARS-CoV-2 e che sono potenziate dalla vaccinazione sono così potenti da sopraffare persino le varianti del virus, eliminando la necessità di booster, ha affermato. Il brasiliano Michel Nussenzweig, un immunologo della Rockefeller University di New York che ha condotto lo studio sulla maturazione della memoria.

READ  Il nuovo governo in Israele: vedi Q&A sulla possibile fine dell'era Netanyahu | Scienziato

“Le persone che sono state infettate e poi vaccinate hanno davvero una reazione eccellente, un ottimo set di anticorpi, perché continuano a svilupparne di propri”, ha detto. “Penso che durerà a lungo.”

La scoperta potrebbe non applicarsi alla protezione ottenuta dai soli vaccini, perché è probabile che la memoria immunitaria sia regolata in modo diverso dopo l’immunizzazione rispetto alla successiva infezione naturale.

Ciò significa che le persone che non hanno avuto Covid-19 e sono state vaccinate potrebbero aver bisogno di una dose di richiamo, ha affermato Nussensweg. “È il genere di cose che sapremo presto.”

Quando il virus viene rilevato per la prima volta, le cellule B si moltiplicano rapidamente e producono grandi quantità di anticorpi. Quando l’infezione acuta si risolve, un piccolo numero di cellule si deposita nel midollo osseo e pompa continuamente piccoli livelli di anticorpi.

Per esaminare le cellule B della memoria del nuovo coronavirus, i ricercatori guidati da Ali Al Yabidi della Washington University di St. Louis hanno analizzato il sangue di 77 persone a intervalli di tre mesi, a partire da circa un mese dopo aver contratto il coronavirus. Solo sei su 77 sono stati ricoverati con Covid-19; Altri avevano sintomi lievi.

I livelli di anticorpi di questi individui sono diminuiti rapidamente quattro mesi dopo l’infezione e hanno continuato a diminuire lentamente nei mesi successivi. I risultati sono in accordo con quelli di altri studi.

Alcuni scienziati hanno interpretato questo calo come un segno di ridotta immunità, ma è esattamente quello che ci si aspettava, affermano gli esperti. Se il sangue contiene elevate quantità di anticorpi contro ogni agente patogeno che il corpo ha incontrato, si trasformerà rapidamente in una sostanza densa e appiccicosa.

READ  Un pompiere trova la figlia morta che allevia un incidente d'auto nel Regno Unito | Scienziato

Invece, i livelli di anticorpi nel sangue diminuiscono drasticamente dopo una lesione acuta, mentre le cellule B della memoria rimangono nel midollo osseo, pronte a funzionare quando necessario.

Il team di Ellipedi ha ottenuto campioni di midollo osseo da 19 persone circa sette mesi dopo l’infezione. Quindici avevano cellule B di memoria rilevabili, ma quattro no, suggerendo che alcune persone potrebbero avere pochissime o nessuna di queste cellule.

“Questo mi dice che anche quando qualcuno è infetto, non significa che abbia una risposta immunitaria significativa”, ha detto Ellipedi. Ha affermato che i risultati rafforzano l’idea che le persone che si sono riprese dal Covid-19 dovrebbero essere vaccinate.

Il team di Nussensweg ha studiato come maturano le cellule B di memoria nel tempo. I ricercatori hanno analizzato il sangue di 63 persone guarite dal Covid-19 quasi un anno fa. La stragrande maggioranza dei partecipanti ha avuto sintomi lievi e 26 hanno anche ricevuto almeno una dose del vaccino, da Moderna o da Pfizer/Bio-N Tech.

Il cosiddetto anticorpo neutralizzante, necessaria per prevenire la reinfezione con il virus, è rimasta invariata tra 6 e 12 mesi, mentre gli anticorpi correlati ma meno importanti sono lentamente scomparsi.

Mentre le cellule B di memoria continuano a svilupparsi, gli anticorpi che producono hanno sviluppato la capacità di neutralizzare una gamma più ampia di varianti. Questa maturazione continua può derivare dall’isolamento di un piccolo frammento del virus da parte del sistema immunitario.

I risultati dello studio di Nussenzweig suggeriscono che le persone che si sono riprese dal Covid-19 e vengono successivamente vaccinate continueranno ad avere livelli estremamente elevati di protezione contro i ceppi che stanno già emergendo, anche senza ricevere un vaccino di richiamo.

READ  Le aziende canadesi offrono opportunità di lavoro ai brasiliani | Rede Jornal Contábil

“Sembra più o meno quello che ci aspetteremmo da un’interazione di cellule B con buona memoria”, ha detto Marion Pepper, immunologa dell’Università di Washington a Seattle, che non è stata coinvolta nella nuova ricerca.

Tradotto da Luis Roberto M. Gonsalves