Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Gli scienziati stanno sviluppando, per la prima volta, un embrione ibrido di scimmia con gli esseri umani: la scienza

Studiosi di istituzioni in CinaDare Spagna E il stato unito Cellule embrionali umane coltivate in una blastocisti (uno stadio di sviluppo embrionale) Scimmie per la prima volta. I ricercatori responsabili dello studio affermano che si tratta di un importante passo avanti nello studio delle malattie genetiche, ma l’iniziativa solleva anche dilemmi etici. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista scientifica cellula in questo mese.

Per la funzione, gli scienziati hanno iniettato cellule embrionali umane in 132 blastocisti di scimmia. Una blastocisti è un gruppo di cellule con un lume. In questa cavità sono entrate le cellule embrionali umane. I ricercatori hanno etichettato queste cellule iniettate e sono stati in grado di monitorare la loro evoluzione.

All’undicesimo giorno dell’impianto, 91 alveari erano ancora vivi. Poi ci fu un brusco calo e solo tre raggiunsero il diciannovesimo giorno, ma finirono per morire. L’intero esperimento è stato fatto in laboratorio Gli scienziati dicono che non intendono piantare questa illusione in me grembo. Lo studio è stato condotto da ricercatori del Salk Institute for Biological Studies (USA), dell’Università Cattolica di Santo Antonio de Murcia (Spagna) e dell’Università di Scienza e Tecnologia di Kunming (Cina).

I ricercatori hanno provato a fare lo stesso esperimento qualche tempo fa, con embrioni di maiale, ma non hanno avuto successo. un secondo Mayana Zatz, Professore presso il Dipartimento di Genetica e Biologia Evolutiva presso l’Università del Sud Pacifico, il primo tentativo non ha avuto successo perché c’era una grande differenza tra cellule di maiale e cellule umane. Tra umani e scimmie ci sono più somiglianze.

Il professor Carlos Mink, del Dipartimento di Microbiologia dell’Università del Sud Pacifico, afferma che la creazione di chimere è un evento comune nella comunità scientifica. Tuttavia, è più comune farlo con i topi. Una chimera è una combinazione di cellule embrionali di un animale con una blastocisti di un altro.

READ  Analisi della quota di mercato spaziale per Habitat, sviluppo aziendale, dimensioni del settore, tendenze, principali produttori, tasso di crescita e prospettive per il 2024

Mayana ritiene che il modello sviluppato potrebbe aiutare a studiare come avviene la comunicazione intercellulare. Dice: “La domanda che ci interessa molto è come le cellule” sappiano “quale organo formare e come si verifica questa connessione”. Altre possibilità che ha indicato sarebbero lo studio delle malattie ereditarie o persino il test di determinati farmaci.

Nello studio, i ricercatori hanno indicato che l’illusione uomo-animale potrebbe contribuire alla medicina rigenerativa e allo sviluppo di tessuti e organi per il trapianto. Può anche servire ad approfondire gli studi sulla formazione iniziale di un essere umano.

Mink non è d’accordo con i potenziali benefici associati alle chimere. Indica che l’embrione ibrido è sopravvissuto solo 19 giorni in laboratorio e che il tempo non sarebbe stato sufficiente per condurre gli studi suddetti. Dice anche che ci sono altre alternative meno controverse, come l’utilizzo di cellule pluripotenti, per ottenere i risultati attesi. Le cellule pluripotenti sono quelle che possono capovolgere quasi tutti i tessuti.

Il dilemma etico

Gli Stati Uniti non consentono l’utilizzo di finanziamenti federali per la ricerca sulle delusioni umane e animali perché ritengono che siano coinvolti problemi etici. Pertanto, secondo la rivista ScienzaLo studio è stato condotto in Cina, in quanto non ci sono ostacoli alla sua indagine.

Mayana Katz non vede problemi etici coinvolti nella ricerca perché non c’è stato l’impianto di un embrione nel grembo materno e non è un feto vitale, ma un ibrido senza possibilità di vendetta. “Sarebbe completamente immorale farlo in un embrione umano, la legislazione non lo consente. Ma, dato che sei un ibrido, non ci sono problemi”, spiega Mayana.

READ  La Cina lancia la prima unità della sua futura stazione spaziale | Scienza e salute

Carlos Mink ritiene che dietro la ricerca ci sia un problema etico. Sebbene gli scienziati abbiano affermato che non intendono impiantare questo tipo di embrione ibrido nell’utero, Mink afferma che ciò potrebbe essere necessario per mantenerlo in vita più a lungo e per essere in grado di sviluppare studi oltre a quello. “L’impianto sarebbe un disastro etico”, commenta.

Dice anche che eticamente sarebbe meglio condurre questo tipo di ricerca con specie più diverse e più distanti dagli umani. Tuttavia, è probabile che questo non raggiunga il risultato atteso, come è accaduto nei test sulle blastocisti dei suini.

“Mi chiedo perché abbiano fatto questo esperimento. È così limitato, e l’illusione fa fatica a sopravvivere. Non siamo stati in grado di studiarne molto. Non vedo nulla di nuovo e questo mi preoccupa moralmente”, Mink dice.