Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Hamilton vince il Gran Premio di Spagna; Guarda com’è andata la gara

un 100 ° posto per Lewis Hamilton Era un segno di ciò che stava per accadere Gran Premio di Spagna Oggi (9). La Mercedes britannica ha superato Max Verstappen Negli ultimi giri ha raggiunto i 94 punti nella classifica generale della formula 1.

Verstappen ha condotto la maggior parte della gara, ma ha perso terreno contro il campione sette volte al 60 ° giro, dopo che la Red Bull ha scommesso sulla strategia di 80 punti one-stop nel campionato piloti, il vantaggio di Hamilton era 14. Valtteri Bottas MercedesCompleta la piattaforma.

I primi cinque posti in classifica vengono compilati Charles Leclerc (Ferrari) E Sergio Perez (Red Bull).

Hamilton ha avuto un weekend più positivo: Oltre la centesima pole position, Ha vinto la gara spagnola per il quinto anno consecutivo e ha sbloccato un vantaggio in classifica.

“Prima di tutto, vorrei ringraziare tutti i tifosi che sono qui. È bello vederli. Mi sento benissimo, l’allenamento sta funzionando e sta dando i suoi frutti. È stata un’ottima strategia da parte della squadra. Che giornata. ! ” vincitore.

un Formula 1 Ancora tra due settimane, nella tradizionale gara monegasca. un Twitter sport Ha fatto un riassunto di quello che è stato il frenetico Gran Premio di Spagna, che si è svolto sul Circuit de Catalunya. Dai un’occhiata qui sotto:

Max Verstappen prende il comando al via

Max Verstappen della Red Bull guida la gara di Formula 1 spagnola, davanti a Lewis Hamilton della Mercedes

Foto: REUTERS / Albert Gia

Lewis Hamilton ha preso il comando quando le luci si sono spente. Tuttavia, alla prima curva, l’olandese della Red Bull ha sbalordito sette volte il campione britannico e si è piazzato al primo posto. L’inizio non è stato segnato da alcun incidente.

Anche con una brutta pausa in termini di tempo per il cambio gomme, Max ha comunque mantenuto il comando dell’intero circuito fino al 60 ° giro, quando è stato sorpassato (vedi manovre sotto). A differenza del suo diretto avversario, Verstappen ha provato a fermarsi solo una volta: ha fatto il secondo giro più veloce, dopo averlo superato.

Nella fase finale, l’olandese ha vinto il giro più veloce con un punto in più, oltre a 18 e ha conquistato il secondo posto.

Hamilton è ancora al top

Anche dopo aver perso il comando all’inizio, Hamilton è rimasto secondo fino alla seconda pausa, che è stata totalmente strategica. Con i punti conquistati, il pilota della Mercedes è riuscito a mantenere la leadership della stagione.

Lasciando il sentiment alla fase finale, Lewis ha battuto il suo avversario al 60 ° giro. Ora, con 14 punti per Max Verstappen, il britannico continua a guadagnare il vantaggio della prossima sfida, che si svolgerà il 23 maggio.

Potas e Leclerc litigano

Fin dall’inizio, la faida tra il terzo e il quarto è stata con Charles Leclerc e Valtteri Bottas. I due hanno recitato in diversi momenti di battibecco sulla posizione. Il furgone Mercedes è stato il vincitore. La Ferrari Monegasque, che aveva già attirato l’attenzione con i suoi risultati nelle prove libere e il primo posto, questa volta non ha potuto restare sul podio.

Safety car al festival

Al nono giro sono scattate le bandiere gialle dopo un possibile guasto al motore giapponese Yuki Tsunoda, di AlphaTauri. Qualche istante dopo, la safety car è stata attivata e l’auto del pilota in questione è stata espulsa dalle piste del Circuit de Catalunya.

All’inizio del secondo tempo, il francese Pierre Gasly è stato punito in cinque secondi per essersi fermato a pochi centimetri dallo spazio assegnato.

Confusione durante l’arresto

Verstappen si ferma prima di Hamilton e si ferma in una brutta buca. La Red Bull è nota per cambiare le gomme a tempo di record e tenere il pilota per oltre 4 secondi. La Mercedes, però, non ha approfittato dello swing: ha mantenuto Hamilton sulla strada giusta, poiché la cosiddetta “iperbole” non poteva più essere fatta in pochi giri.

In questo momento, Hamilton ha ancora un Mazepin che “blocca la strada” dalla parte anteriore, il che ha indotto il capo della Mercedes Toto Wolf a rilasciare i cani con la FIA. “Quest’uomo ci farà perdere la nostra posizione”, gridò.

Anche Alfa Romeo e Alfa Toure sono inciampate rispettivamente nelle stazioni di Giovinazzi e Gasli. L’italiano è rimasto 35,1 secondi per sempre perché una delle gomme che la squadra stava per posizionare era piatta. Il francese ha impiegato 6,7 secondi per fermarsi perché una delle ruote non si è staccata.

Alfa Romeo Parade - Clone / Twitter - Clone / Twitter

Tappa agitata per Antonio Giovinazzi dell’Alfa Romeo durante il Gran Premio di Spagna

Foto: Riproduci / Twitter

piattaforma

Dopo la chiusura, Verstappen ha espresso rammarico per il risultato e ha affermato di vedere risultati positivi rispetto allo scorso anno. “Non potevamo fare molto, ero un bersaglio facile. Ho provato tutto il possibile. Non siamo dove vogliamo essere, ma rispetto allo scorso anno è stato un grande salto per noi”, ha detto l’olandese.

Terzo posto, Bottas ha parlato anche del risultato. “Ho perso la posizione a favore di Charles [Leclerc] Al primo giro ho finito per contrattare la gara, perché la velocità non era poi così male. Ma è bello poter salire sul podio “.

Vedi la valutazione del GP di Spagna:

1º – Lewis Hamilton (ING / Mercedes)
2º – Max Verstappen (Hall / Red Bull Racing)
3º – Valtteri Bottas (FIN / Mercedes)
4º – Charles Leclerc (MON / Ferrari)
5º – Sergio Perez (Messico / Red Bull Racing)
6º – Daniel Ricciardo (Australia / McLaren)
7º – Carlos Sainz Junior (Spagna / Ferrari)
8º – Lando Norris (ING / McLaren)
9º – Esteban Occon (FRA / Alpine)
10º – Pierre Gasly (FRA / AlphaTauri)
11º – Lance Stroll (Canada / Aston Martin)
12º – Kimi Raikkonen (FIN / Alfa Romeo)
13º – Sebastian Vettel (ALE / Aston Martin)
14º – George Russell (ING / Williams)
XV – Antonio Giovinazzi (Italia / Alfa Romeo)
16º – Nicholas Latifi (Canada / Williams)
17º – Fernando Alonso (Spagna / Alpi)
18º – Mick Schumacher (ALE / Haas)
19º – Nikita Mazpin (Russia / Haas)
Non finito: Yuki Tsunoda (JAP / AlphaTauri)

READ  Le prove libere si mettono nei guai alla Red Bull e vincono