Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

I SAF stanno guadagnando spazio nella regione del Mato Grosso amazzonico

Otto anni fa, l’agricoltore Eduardo Darvin ha iniziato a implementare sistemi agroforestali biodiversi nel suo sito a Tabuca, in Alta Florista, a nord del Mato Grosso. Funziona in un metodo agro-ecologico, concentrandosi sulla produzione di frutti e radici. Tra le specie più prodotte ci sono manioca, ananas, banana, patata, igname, bobuna, acai, cacao e caffè.

È un biologo qualificato e coordina il programma di social business del Centro de Vida (ICV). Attraverso la ONG, fornisce consulenza tecnica sui SAF a circa 20 agricoltori della zona e assiste nella pianificazione, implementazione, gestione e commercializzazione della produzione.

Il lavoro sviluppato da Eduardo è uno dei responsabili dell’aumento dell’adozione di sistemi agroforestali da parte degli agricoltori familiari nella regione del Portal da Amazonia, nel Mato Grosso.

“I SAF sono il futuro del panorama produttivo. La cosa grandiosa di SAF è portare la componente albero nel panorama produttivo della proprietà. Dobbiamo fare il SAF per soddisfare la domanda del mercato, ma si adatta alla realtà del prodotto”, lui dice.

Per Eduardo, la maggiore adozione di sistemi agroforestali è il risultato di un uso stimolante di questa tecnologia. Parte di questa stimolazione è stata eseguita da Embrapa Agrossilvipastoril (Sinop-MT).

Dal 2011 l’ente ha avviato un processo di formazione continua di tecnici e operai nel campo dell’estensione rurale. Circa 100 persone hanno esaminato le dieci unità giustiziate. Uno di loro è stato addirittura detenuto a Setio Taboca. Come Eduardo Darvin, un gruppo di circa 30 di questi tecnici qualificati sta aiutando a moltiplicare le conoscenze acquisite e ad assistere le famiglie contadine del Mato Grosso.

Una delle tecnologie implementate dalla formazione è AmazonSAF, un foglio di calcolo che aiuta nella pianificazione dell’installazione di un sistema agroforestale. La tecnologia sviluppata da Embrapa alcuni anni fa permette la simulazione di ricavi e costi per ogni tipologia. Utilizzando queste informazioni, un tecnico e un produttore possono dimensionare il sistema e determinare la specie, la quantità di piantine, semi, input e lavoro.

Attraverso i progetti finanziati da Pisa, il processo Arco Verde, il Fondo Amazon e lo stesso sistema di gestione Embrapa, è stata creata un’unità di validazione e validazione della tecnologia, dove le colture, le varietà e le pratiche di gestione vengono verificate prima di essere rilasciate al pubblico. Produttori della regione.

READ  Il Palmeiras ha schiacciato l'Universitario 6-0 e ha concluso la fase a gironi con il secondo miglior campionato assoluto

L’ingegnere forestale e coordinatore delle attività, Diego Antonio, ricorda che quando ha iniziato a lavorare con la SAF c’era molta sfiducia anche da parte dei produttori. Molti vedevano il SAF come un’alternativa solo per ripristinare le aree di protezione permanente degradate (APPD) su proprietà più piccole. Tuttavia, con maggiori informazioni sulle tecniche di produzione, un aumento del numero di esempi di successo e l’emergere di politiche di incentivazione, questa realtà sta cominciando a cambiare.

“Abbiamo fatto molto trasferimento di tecnologia, ma abbiamo anche condiviso le conoscenze. Non ci limitiamo a prenderle, condividiamo informazioni con produttori, tecnici e direttori generali. Diego Antonio dice:

Tutti i lavori sviluppati da Embrapa e dai suoi partner come il Centro de Vida (ICV), Ouro Verde (IOV), ONF Brasil, Unemat, UFMT, tra gli altri, hanno contribuito all’aumento dell’interesse e all’aumento dell’adozione delle istituzioni SAF nella regione. Come stimato nella Valutazione di Impatto Tecnologico di Embrapa Agrossilvipastoril, dal 2016 al 2019, l’area con SAF nella regione settentrionale del Mato Grosso è aumentata di circa 1.000 ettari, da 706 ettari, secondo il censimento agricolo, a 1.700 ettari. La maggior parte di questa espansione si è verificata con SAF biologicamente diversi (vedi tabella corrispondente), che sono stati effettuati in transizione ecologica agronomica o organica e coltivati ​​al di fuori di aree di conservazione permanente degradate.

Il maggior interesse per i SAF si vede sia nelle richieste che giungono ad Embrapa attraverso i canali di servizio al cittadino, sia nella ricerca di tecnici e nell’aumento di iniziative e politiche pubbliche per favorire l’utilizzo della tecnologia.

“Abbiamo sempre più politiche pubbliche federali, come il Fondo Amazon, e politiche statali, come il programma PCI (Production, Save and Inclusion), in cui SAF è in primo piano. Siamo stati invitati a contribuire alla preparazione di avvisi pubblici , come REM Mato Grosso, e per valutare i progetti. Questo è che l’impatto va oltre lo sviluppo tecnologico stesso, ma è anche il sigillo dell’efficienza della tecnologia come mezzo per generare reddito insieme alla salvaguardia dell’ambiente “, analizza Diego Antonio.

Valutazione dell’impatto

Calcolare l’impatto economico dell’adozione della tecnologia nella regione settentrionale del Mato Grosso è stato impegnativo data la difficoltà di arrivare sul campo nel mezzo della pandemia COVID-19. Secondo Andrés Villafuerte, analista del trasferimento tecnologico di Embrapa Agrossilvipastoril, la valutazione dell’impatto è stata eseguita sulla base della metodologia adottata da Embrapa, che include l’uso del programma AmbitecAgro e la consultazione con il pubblico esterno, come tecnici, produttori ed educatori coinvolti in SIMAH. Tuttavia, la fase di visitare i produttori e raccogliere informazioni sul posto non è stata possibile.

READ  Papa Francesco dice: “Non c'è conflitto tra scienza e fede” - 07/02/2021

Pertanto, il team responsabile ha utilizzato i dati economici ottenuti dall’unità dimostrativa situata all’interno di Embrapa, a Sinop, come riferimento. L’analisi economica è stata quindi un’estrapolazione, dato che ogni SAF ha caratteristiche individuali, di diversa tipologia e in proporzioni decomponenti.

Data l’estrapolazione effettuata, è stato stimato per il 2020, con un aumento di R $ 19.069.313 nell’economia rispetto all’allevamento da latte, un’attività precedentemente più popolare tra gli agricoltori familiari della regione. Dato il risultato individuale di una proprietà condizionale, con 40 ettari di SAF, si ottiene un profitto mensile netto di 1.800 BRL.

“Questo valore sembra essere insufficiente per sostenere una famiglia in campagna, quindi sostituire un ettaro di pascolo avrà scarso effetto sul reddito. Tuttavia, aumentare un ettaro di SAF può aumentare l’approvvigionamento alimentare nella proprietà e generare eccedenze per integrare il reddito. “, spiega Diego Antonio.

Un altro fattore importante che dovrebbe essere evidenziato è la creazione di posti di lavoro. Mentre la tenuta standard della zona, con 40 ha, richiede 0,05 uomo / ha, la stessa proprietà con SAF richiede 0,21 uomo per ettaro. Dato l’aumento dell’area con il SAF nella regione settentrionale del Mato Grosso, negli ultimi anni sono stati creati 160 nuovi posti di lavoro.

Secondo l’analisi dell’impatto dell’adozione dei SAF al Mato Grosso, è stato osservato che dal 2016 al 2019 sono stati pompati nell’economia del paese 0,91 Rial per ogni Rial investito in tecnologia da Embrapa Agrossilvipastoril. Che sarà creato dalla vasta tecnologia zootecnica precedentemente utilizzata in queste aree.

Nuove iniziative con le forze armate sudanesi nella regione

Se si basa su nuove iniziative emergenti nella regione settentrionale del Mato Grosso, i sistemi agroforestali continueranno ad essere sempre più utilizzati. Un esempio è il Gaia Network for Collaboration and Sustainability, creato da UFMT e Unemat e che ha una partnership con Embrapa. Il gruppo composto da professori, ricercatori, studenti universitari e laureati, lavora con gli agricoltori delle aree rurali e semiurbane di Sinop, diffondendo tecnologie e fornendo assistenza tecnica in SAF e agroecologia.

READ  Senza pensione Bruno, il figlio di Samudio vuole affrontare l'ex portiere del Flamengo | calcio

A tal fine, un modulo educativo è stato condotto all’interno del campus UFMT e viene utilizzato per visite tecniche e lezioni pratiche. Il gruppo cerca anche di organizzare la catena di commercializzazione e distribuzione dei prodotti prodotti dagli agricoltori assistenti.

In Alta Florista le iniziative ICV e IOV forniscono assistenza tecnica e piccoli prestiti ai produttori. Il sistema di economia solidale aiuta nella commercializzazione e nel trasporto dei prodotti prodotti nei SAF.

Entrambe le iniziative sono state approvate da Funbio e hanno risorse dai governi di Germania e Regno Unito, attraverso REM Mato Grosso.

Il programma globale REDD Early Movers (REM) (in breve REDD for Pioneers) è l’iniziativa di compensazione dei servizi ambientali. Premia gli stati o le nazioni impegnate a ridurre le emissioni di anidride carbonica attraverso misure di conservazione delle foreste. Il Mato Grosso ha iniziato a trarre vantaggio dal programma nel 2017 a causa di una riduzione di oltre il 90% della deforestazione dal 2004 al 2014.

puro

I sistemi agroforestali sono forme di produzione sostenibile in cui le specie agricole e arboree vengono coltivate in modo unitario, con l’obiettivo di imitare le sinergie che si verificano in natura. Poiché sono una strategia di utilizzo del suolo con colture perenni, i SAF contribuiscono al sequestro del carbonio, migliorano le proprietà del suolo, trattengono l’acqua e si infiltrano e riducono le perdite di suolo.

I SAF possono essere utilizzati con un piccolo numero di specie arboree, come nei sistemi silvopastorali o agrosilvipastorali, o biodiverse, che impiegano un gran numero di specie. Quest’ultimo è un sistema che è stato esplorato dalle famiglie di agricoltori a nord del Mato Grosso.

La grande diversità di specie consente al prodotto di diversificare le fonti di reddito e di espandere la produzione durante tutto l’anno. I SAF nella regione utilizzano varietà di frutta come banana, pekoe, anacardi, cupuaçu, cacao, caffè, baro e castagni; Specie boscose, esotiche o autoctone, come mogano africano, teak, eucalipto, ibe, jatoba, jquitiba, copaiba e coumaru; E tipi di servizio, come gliricidia, old man, ingas e yellow, tra gli altri