Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

I sostenitori di Pedro Castillo e Keiko Fujimori scendono in piazza. Le elezioni in Perù continuano senza un vincitore ufficiale | Scienziato

Migliaia di concorrenti sostenitori Pedro Castillo e Keiko Fujimori Sono scesi in piazza sabato (26), in Un altro giorno per aspettare l’annuncio ufficiale del risultato delle elezioni presidenziali atto Perù, in un’immagine sfocata che dura 20 giorni.

Castillo festeggia la vittoria in Perù, ma Fujimori si lamenta della frode del conteggio tal

Castillo festeggia la vittoria in Perù, ma Fujimori si lamenta della frode del conteggio tal

Il voto del 6 giugno si è concluso con un margine molto stretto per il socialista Pedro Castillo, ma il candidato di destra Keiko Fujimori mette in dubbio la validità di una serie di voti. Scopri di più nel video qui sopra.

I sostenitori di Castillo hanno marciato attraverso il centro di Lima vicino alla sede del tribunale elettorale. I manifestanti hanno affisso manifesti chiedendo che il candidato di sinistra fosse dichiarato vincitore. Ha terminato il conteggio con 44.000 voti. Alcuni hanno accusato Keiko – la figlia dell’ex dittatore Alberto Fujimori – di aver tentato di tramare un colpo di stato.

I sostenitori di Keiko Fujimori chiedono “rispetto per il mio voto” durante una protesta a Lima, in Perù, questo sabato (26) – Foto: Gerardo Marin/Reuters

Nelle vicinanze, migliaia di sostenitori di Keiko Fujimori hanno portato bandiere e allestito una piattaforma dove il candidato ha parlato. Gli estremisti di destra hanno accusato Castillo di aver truffato i voti e di aver affisso manifesti che dicevano “No al comunismo”, ed è già il candidato di sinistra. Dichiarò di non essere comunista.

Finora non è stato dimostrato alcun illecito e gli osservatori internazionali, tra cui بما stato unito, hanno detto che Le elezioni si sono svolte in modo pulito come “modello di democrazia”.

La sinistra Pedro Castillo e la destra Keiko Fujimori si sfidano al secondo turno delle elezioni presidenziali in Perù – Foto: Ernesto Benevides/AFP e Gian Masco/AFP

Il processo elettorale in Perù è diventato più teso questa settimana dopo le dimissioni di uno dei quattro giudici del tribunale che hanno esaminato il numero di voti espressi da Kiko. Questa è stata vista come una manovra da parte di un giudice più di destra per ritardare l’annuncio del risultato.

Questo sabato, la corte ha aperto un nuovo giudice. Il capo della giuria nazionale, Jorge Salas, ha criticato i tentativi di ostruzione. “La giustizia elettorale non può essere paralizzata o bloccata, figuriamoci a questo punto del processo”, ha detto.

“Queste arti disabilitanti non prospereranno”, ha avvertito Salas.

Le schede elettorali discutibili continueranno a essere riviste da lunedì. Solo dopo una revisione completa verrà annunciato il risultato ufficiale.

READ  La pesca illegale di cocaina marina minaccia specie rare e causa conflitti in Messico | natura