Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Il Brasile cambia posizione e accetta di negoziare la sospensione dei brevetti sui vaccini – 06/08/2021

Per la prima volta dall’inizio della pandemia, il Brasile ha indicato oggi all’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) di essere “pronto” per avviare la negoziazione di un accordo sui vaccini che potrebbe includere la sospensione del brevetto. Ma insiste sul fatto che nella discussione la questione centrale dovrebbe essere il processo di trasferimento tecnologico e che gli interessi delle società detentrici dei brevetti dovrebbero essere presi in considerazione.

Tuttavia, il gesto brasiliano all’Organizzazione mondiale del commercio indica un cambiamento nella posizione del Paese che, dall’ottobre 2020, ha resistito a qualsiasi idea di avviare negoziati.

Nel corso dei mesi, il Brasile è stato uno dei pochi paesi in via di sviluppo che ha rifiutato di rispettare l’idea di sospendere i brevetti sui vaccini, strategie che potrebbero espandere la produzione di dosi che hanno ottenuto il sostegno di oltre 60 economie.

Ora, pur non avendo dichiarato il suo esplicito sostegno alla fine dei brevetti, Itmarate ha scelto di non ostacolare l’avvio delle trattative. Per mesi gli autori del progetto originario – India e Sud Africa – hanno accusato il Brasile di ritardare l’iter per evitare di avviare vere trattative.

In un discorso, l’ambasciatore del Brasile presso l’Organizzazione mondiale del commercio, Alexandre Parola, ha osservato che il paese è “fortemente impegnato a fornire soluzioni all’interno dell’OMC per sostenere gli sforzi globali per porre fine alla pandemia”.

“Non esiste una formula semplice per affrontare l’ampia gamma di sfide coinvolte nello sviluppo, nella produzione e nella distribuzione di vaccini e terapie in tutto il mondo”, ha affermato. “Come abbiamo detto più volte, è necessaria una soluzione globale”, ha affermato.

Parola ha anche attaccato la distribuzione disomogenea del vaccino. “È chiaro che il mondo non è ugualmente attrezzato per combattere una simile epidemia e questo squilibrio è qualcosa che dobbiamo affrontare con urgenza”, ha affermato.

Ha difeso questo, dicendo: “La produzione di farmaci e vaccini che salvano vite è altamente concentrata in alcune parti del mondo. Questa pandemia ha dimostrato che questo deve cambiare”.

READ  La Francia inizia ad allentare le misure restrittive dopo il terzo blocco e riprende le lezioni faccia a faccia | Scienziato

Evidenziando quanto siano state critiche le tecnologie nella pandemia, ha insistito sulla necessità di raggiungere tutti “compresi i paesi in via di sviluppo”.

“La diffusione di questa conoscenza cruciale aumenterà sicuramente il livello di preparazione del mondo per le minacce future”, ha affermato.

Secondo Itamaraty, le discussioni all’OMC si sono concentrate in gran parte sulla protezione dei brevetti e “hanno affrontato solo marginalmente il trasferimento di tecnologia e so come [conhecimento], che potrebbero non fluire automaticamente ai produttori di potenziali vaccini e trattamenti una volta che i diritti di brevetto vengono concessi in licenza o assegnati.

Ha suggerito: “Vorremmo vedere discussioni più approfondite sull’operatività di questo importante aspetto pratico che è fondamentale per il successo della strategia di sospensione dei brevetti”.

Ha anche affermato che il Brasile è “interessato a soluzioni che preservino la trasparenza e un livello sufficiente di certezza giuridica per le parti interessate, in modo da non interrompere gli sforzi di cooperazione”.

Ha difeso “Il Brasile sosterrà qualsiasi soluzione che contribuisca a costruire una risposta globale più equa ed efficace a questa pandemia e ai futuri flagelli”.

Ha sottolineato che “il Brasile è pronto ad avviare negoziati testuali sulla sospensione delle disposizioni dell’accordo TRIPS durante la pandemia”. Ha detto che il Brasile agirà in “modo aperto e costruttivo” con l’obiettivo di “raggiungere risultati tangibili nel più breve tempo possibile”.

Una proposta dell’Unione Europea

L’incontro di martedì a Ginevra presso l’Organizzazione mondiale del commercio è stato caratterizzato dalla presentazione della proposta dell’Unione europea, che non prevede una sospensione triennale dei brevetti, come richiesto dalle economie in via di sviluppo.

Per gli europei, l’obiettivo della risposta globale dovrebbe essere il tentativo di concludere accordi di licenza con le aziende farmaceutiche. Solo come ultima risorsa ea condizioni rigorose sarà consentito l’uso degli strumenti di proprietà intellettuale esistenti e la violazione dei brevetti. Tuttavia, in questo caso, i titolari del brevetto originale devono essere adeguatamente ricompensati.

READ  Stampa britannica: Boris Johnson sposa uno scienziato "segreto"

Attivisti e paesi poveri temono che la proposta sia una difesa degli interessi delle compagnie farmaceutiche e non porti al previsto cambiamento profondo nella produzione di vaccini.

Con un’alta concentrazione di immunità in soli dieci paesi nel mondo e con Cina, Stati Uniti e India che rappresentano il 60% di tutte le dosi somministrate, la preoccupazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità è che l’obiettivo di vaccinare un miliardo di persone contro il COVID- 19 nei paesi in via di sviluppo non sarà in alcun modo raggiunto anno 2021.

Negli ultimi mesi, con quel rischio già evidente, India e Sudafrica hanno iniziato a guidare un blocco di paesi emergenti che chiedono all’Organizzazione mondiale del commercio di sospendere i brevetti sui vaccini. L’obiettivo era quello di consentire, durante la pandemia, di ripensare il monopolio delle grandi aziende e che i laboratori di tutto il mondo potessero realizzare versioni generiche dei prodotti.

Pertanto, l’offerta può essere facilitata, soprattutto nei paesi più poveri.

Sorprendi il mondo, governo Joe Biden Ha annunciato il suo sostegno al progetto di start-up. Nei giorni successivi anche Cina e Russia hanno annunciato che preferirebbero sospendere i brevetti.

Nonostante il sostegno degli Stati Uniti, l’Unione Europea non si è mossa. Sperando di rompere lo stallo di otto mesi, i funzionari di Bruxelles propongono un nuovo percorso, che include una strategia in cui si tiene conto dell’interesse delle aziende farmaceutiche.

Nessun riferimento al progetto di sospensione del brevetto triennale, come vogliono più di 60 Paesi, per tutti i prodotti che potrebbero funzionare per fermare l’epidemia.

Tuttavia, Bruxelles riconosce che, in caso di pandemia, “si può derogare all’obbligo di negoziare con il titolare del brevetto”. Ma questo significa che il titolare di un brevetto assegnato a un’azienda in un paese in via di sviluppo viene pagato in modo adeguato e si basa sui valori che vengono praticati nel mercato in cui verranno distribuiti i prodotti pubblici.

READ  Tank Drone fornisce aerei da combattimento militari a metà volo negli Stati Uniti; guarda | Scienziato

Inoltre, gli europei insistono sul fatto che non c’è motivo di creare nuove regole e che gli accordi sui brevetti esistenti sono già sufficienti.

Prima di qualsiasi violazione di brevetto, i governi devono negoziare accordi di licenza volontari con il settore privato.

Gli europei continuano a sottolineare che la questione dei brevetti è solo una parte della strategia e che un maggiore accesso alle dosi non avverrà a causa della violazione dei diritti di proprietà intellettuale.

Per l’UE, il pacchetto dovrebbe includere agevolazioni commerciali e controlli per ridurre le restrizioni all’esportazione. In pratica, ciò su cui gli europei insistono è che la strategia dovrebbe concentrarsi soprattutto sul mantenimento delle catene di approvvigionamento aperte.

L’Unione europea sostiene che “i paesi produttori di vaccini dovrebbero esportare una quota equa della loro produzione nazionale”.

Un altro aspetto della proposta è “incoraggiare e incoraggiare vigorosamente i produttori e gli sviluppatori di vaccini ad espandere la produzione e garantire forniture di vaccini adeguate e convenienti ai paesi a basso e medio reddito durante la pandemia”.

Ciò includerà accordi di licenza che prevedono la condivisione so comee prezzi differenziati, produzione a contratto e nuovi investimenti in impianti di produzione nei paesi in via di sviluppo.

Sempre, però, d’accordo con il settore.

“Possedere la proprietà intellettuale di un prodotto non è l’unico fattore che determina se un particolare vaccino può essere prodotto, per non parlare se può essere prodotto in modo rapido e sicuro”, afferma l’UE.

Il documento di Bruxelles afferma che “soluzioni volontarie e cooperazione tra i settori pubblico e privato sono il modo più efficace per garantire un accesso globale equo alle cure e ai vaccini Covid nel più breve tempo possibile”.