Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

In che modo la tua casa influisce sulla produttività del tuo ufficio a casa – Época Negócios

Chris Scott lavora a distanza da un’isola in Tasmania (Foto: Chris Scott)

BBC Assinatura (Foto: BBC)

Quando Chris Scott si sveglia nella sua nuova casa sull’isola di Brunei, sulla costa sud-orientale della Tasmania (Australia), di solito cammina per cinque minuti fino al mare per un’ora di surf.

Successivamente, il professionista di 38 anni si reca nel garage in cui si è trasformato Ufficio a casa Per affrontare un’intera giornata di lavoro come Senior Project Manager presso Origin Energy.

Tra una videochiamata e l’altra con la sua squadra di 20 persone, sta vagando per la tenuta di 50 acri per arieggiare la testa – e la giornata potrebbe finire. Lavoro Immergiti con sua moglie alla ricerca dell’abalone, un tipo di mollusco, per cena.

+ 7 incredibili progetti alimentati dall’energia eolica

È molto diversa dalla vita che ha vissuto a Sydney nel decennio precedente alla pandemia di Covid-19, poiché aveva bisogno di essere di persona dalle 9:00 alle 5:00.

“Sono più concentrato sul mio lavoro qui e più produttivo”, dice riguardo al trasferimento nell’isola del Brunei a ottobre.

“Quando voglio fare una pausa, mi sento come se stessi davvero prendendo una pausa quando posso riattaccare. Quindi ho molta lucidità mentale”.

Per chiunque nel caso di Scott, il passaggio improvviso al lavoro da casa è stata un’esperienza molto positiva.

Ma per quelli di noi con condizioni di vita diverse, questa è stata una sfida molto più grande.

Un recente studio condotto dalla Stanford University negli Stati Uniti, ad esempio, ha mostrato che solo il 49% dei professionisti americani accede da remoto da uno spazio di lavoro dedicato, mentre il restante 51% lavora nella stanza del dormitorio o in un’area comune della casa .

Le dimensioni e l’ubicazione dello spazio, così come le persone con cui lo condividi, giocano un ruolo importante nel determinare quanto puoi lavorare da casa durante una pandemia.

Questo aiuta a spiegare perché le percezioni dell’esperienza di lavoro a distanza come opzione desiderabile variano ampiamente a seconda dell’età, del sesso, della classe socioeconomica e possono contribuire a plasmare il nostro futuro di lavoro ibrido.

Lo spazio è lusso

Scott trasforma un garage in un ufficio (Foto: Chris Scott)

Scott trasforma un garage in un ufficio (Foto: Chris Scott)

Nel tentativo iniziale di passare al lavoro remoto, abbiamo fatto ricorso a problemi immediati, come lavorare senza una scrivania adeguata, installare un laptop al momento giusto e coinvolgere intere aziende in Zoom.

Questi problemi a breve termine possono essere risolti, ma è necessario più tempo per pensare a fattori più ampi. Come, ad esempio, la qualità del nostro ambiente di lavoro determina quanto ci sentiamo bene e la possibilità di voler continuare così.

READ  Nel suo primo viaggio internazionale da presidente, Biden arriva in Europa e parla del "ritorno degli Stati Uniti" | Scienziato

Tiffany Filippo, 32 anni, che vive nel nord di Londra, ha un’esperienza di home office completamente diversa da quella di Scott in Tasmania.

L’esperta di comunicazione e branding lavora duramente per rispondere alle chiamate dei clienti e registrare il suo podcast, Is This Working, dal minuscolo appartamento con due camere da letto che condivide con un collega inserzionista.

Il wi-fi è abbastanza potente solo per effettuare videochiamate in soggiorno e in una delle camere da letto, quindi la coppia deve ballare la sedia ogni giorno, lavorare al tavolo della cucina o sulle scrivanie pieghevoli nelle loro stanze murate. Mentre si adattano agli impegni inaspettati l’uno dell’altro.

“Dover spostarsi in un piccolo spazio e interagire con altre persone in questo tipo di finto ambiente di ufficio a casa tua è molto stressante”, dice.

“La tua mente può gestire solo un numero di decisioni ogni giorno, e più ne hai bisogno, meno energia e capacità ha per altre cose”.

Filippo dice di aver assistito a una crescente disconnessione tra i professionisti più giovani e quelli più anziani.

“Penso che ci sia questo divario, in cui manager e capi che hanno un buon ufficio a casa non si rendono conto di quanto sia difficile per le persone più giovani o meno abbienti che hanno bisogno di condividere lo spazio in questo nuovo contesto aziendale”.

Storicamente, i millennial sono stati visti come i più entusiasti di lavorare a distanza. Tuttavia, ricerche recenti indicano che potrebbero incontrare maggiori difficoltà oggi rispetto alle generazioni precedenti.

Tiffany Philippou condivide un appartamento con due camere da letto nel nord di Londra, dove il wifi non è affidabile (Foto: NICOLE ENGELMANN / HEY SABATO)

Tiffany Philippou condivide un appartamento con due camere da letto nel nord di Londra, dove il wifi non è affidabile (Foto: NICOLE ENGELMANN / HEY SABATO)

Uno studio globale su 12.000 dipendenti, manager, responsabili delle risorse umane e dirigenti di livello C della società tecnologica Oracle ha mostrato che l’89% delle persone di età compresa tra 22 e 25 anni e l’83% delle persone di età compresa tra 26 e 37 ha dichiarato di soffrire di stress e ansia, quest’anno più grandi di prima, poiché i problemi di lavoro si sono riversati nella vita personale a causa della mancanza di barriere.

Questo rispetto a solo il 62% delle persone di età compresa tra 55 e 74 anni.

Un altro studio su 2.300 dipendenti americani remoti presso il Gensler Research Institute ha dimostrato che, nonostante un’attitudine tecnologica per il lavoro mobile, i professionisti della generazione Z e dei millennial erano significativamente meno propensi dei Boomer a provare un senso di realizzazione sul posto di lavoro. Fine della giornata o anche completare le attività quotidiane.

READ  Il presidente colombiano invia rinforzi a Cali dopo nuovi scontri nella regione | Scienziato

Circa il 50% dei professionisti della generazione Z e della generazione Y ha trovato più difficile evitare le distrazioni (rispetto al 33% dei baby boomer), mentre il 37% ha trovato difficile mantenere l’equilibrio tra lavoro e vita privata (rispetto al 25% dei baby boomer).

“È un vero problema per i giovani professionisti che non hanno pace a casa perché i manager si aspettano che tu vada avanti, ma se non hai un posto allora come lavori?” Chiede Nicholas Bloom, professore di economia alla Stanford University.

L’anno scorso, ha intervistato 2.500 professionisti americani per vedere quanto spesso vogliono lavorare da casa dopo che la pandemia è finita.

“Circa un quarto delle persone non vuole davvero lavorare da casa nell’era post-pandemia, e sono per lo più giovani e single in piccoli appartamenti”, spiega.

“Un altro quarto vorrebbe lavorare da casa per sempre; tendono ad essere più grandi, sposati, avere figli e vivere a casa”.

Hey Babel facendo som
Katie Bidetto, psicologa del design ambientale presso la US Air Force Academy, afferma che, indipendentemente dall’età, ci sono una serie di importanti fattori ambientali – comportamentali e fisici – che possono svolgere un ruolo importante nelle prestazioni e nella soddisfazione sul lavoro.

Alcuni professionisti si rivolgono a soluzioni simili a capsule per creare spazi di lavoro confortevoli in casa, ma è un lusso che poche persone possono gestire (Foto: MODULR SPACE LTD)

Alcuni professionisti si rivolgono a soluzioni simili a capsule per creare spazi di lavoro confortevoli in casa, ma è un lusso che poche persone possono gestire (Foto: MODULR SPACE LTD)

“Il suono è importante perché evidenzia davvero molte delle disuguaglianze che vediamo in termini di telelavoro e produttività”, afferma, sottolineando che le persone non bianche a basso reddito vivono in modo sproporzionato in luoghi con livelli di rumore più elevati.

Anche la voce ha un ruolo quando i bambini condividono. Avere figli a casa può portare a quella che Peditto chiama una “distrazione dalla responsabilità”, che studi hanno dimostrato colpisce le donne molto più degli uomini che lavorano da casa.

“Le persone che amano il lusso di avere uffici separati con porte chiudibili a chiave o che possono permettersi un asilo nido o una babysitter faranno meglio in termini di produttività”, afferma.

Creare uno spazio di lavoro separato è stata la soluzione che ha funzionato per Jo van Riemsdijk, co-fondatore dell’agenzia di reclutamento CX Talent, che vive nell’Hertfordshire, in Inghilterra, con suo marito e due figli.

READ  Il nuovo governo in Israele: vedi Q&A sulla possibile fine dell'era Netanyahu | Scienziato

Quando l’epidemia ha costretto tutti a lavorare e studiare nella stessa casa con stanze integrate, hanno costruito un ufficio di 3,9 metri quadrati in un giardino insonorizzato e riscaldamento a pavimento.

“Per me, questi cinque passaggi per arrivare in ufficio aiutano davvero a creare confini tra lavoro e casa”, spiega il 48enne.

“La mia produttività e concentrazione sono molto più elevate rispetto a casa mia perché c’è molta luce naturale. È acusticamente piacevole e non ci sono distrazioni, tranne forse un colibrì”.

Invasione spaziale
Potrebbe esserci anche un vantaggio psicologico di avere uno spazio di lavoro dedicato separato dal tuo spazio personale.

Prima della pandemia, l’ufficio funzionava come un’area estetica neutra in cui tutti avevano accesso alle stesse risorse.

Ma ora il processo di “invito” dei colleghi a casa tua tramite videochiamate può consentirti di analizzare il tuo ambiente fisico, il che può essere impegnativo per coloro che non hanno uno scaffale perfettamente organizzato da posizionare dietro una webcam.

“Invece di giudicare il nostro aspetto fisico e la nostra professionalità – i vestiti che indossiamo, quanto bene ci prendiamo cura di noi – diventa improvvisamente” che attrezzatura hai, qual è la definizione della tua fotocamera, che chiarezza è il tuo microfono, com’è il tuo l’illuminazione dell’ufficio e non hai nemmeno un ufficio a casa “, spiega Bidetto.

La videoconferenza abbatte anche le barriere di vecchia data tra la vita professionale e quella personale, lasciando i lavoratori vulnerabili a confronti espliciti e impliciti dei loro spazi di lavoro, qualcosa che puoi sentire più intensamente dalla camera da letto che dall’ufficio del giardino.

Bloom, della Stanford University, sottolinea che prima della diffusione della pandemia, coloro che lavoravano da casa avrebbero scelto di farlo – e afferma che le questioni relative alla privacy, allo spazio, alla scelta e ai bambini sono i quattro fattori principali che compongono l’attuale esperienza di lavoro lontanamente unico.

Con gran parte della forza lavoro globale costretta a lavorare da casa, crede che ci sia ancora molto da imparare sulle condizioni locali che fanno prosperare alcuni e altri falliscono.

“Quando parlo alle aziende di chi tornerà in ufficio, uno dei fattori principali è:“ Qual è l’ambiente domestico più problematico? Lui dice.

“Prima di Covid, la regola era che avresti dovuto avere il tuo spazio durante il giorno, quindi non dovevi lavorare dalla camera da letto perché i datori di lavoro sapevano che era un problema di salute mentale. Ora, sono testimoni delle sue conseguenze”.

Bloom vede il modello di lavoro post-pandemia come un piano ibrido, in cui chi può lavorare da casa lo fa due giorni alla settimana, negli stessi giorni degli altri membri del suo team.

È fondamentalmente una concessione, un felice compromesso per accontentare coloro che hanno apprezzato l’esperienza di lavoro a distanza e coloro che preparano le giornate per rivedere la loro bancarella.

BBC footer (Foto: BBC)