Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Jorgenho, campione di Euro Cup con l’Italia, gioca su rigore in finale: “Tutte Combinate” | Buoni amici!

Il centrocampista Jorgenho, uno dei punti salienti del campione italiano di Euro 2020, è stato uno dei principali ospiti di Calvio Bueno allo spettacolo “Pem, Amigos” di questo lunedì. Inoltre, in un’intervista molto divertente e approfondita, il 29enne, nato a Imbiduba, Santa Catarina, ha scherzato sul fatto di aver sbagliato il rigore finale in una polemica che ha santificato le partite che hanno visto due campioni d’Italia.

Dopo il pareggio per 1-1 con l’Inghilterra nei tempi regolamentari e supplementari, Jின்rginho è stato ancora una volta al comando della “palla del gioco”, battendo il rigore finale della Spagna in semifinale per portare l’Italia in finale. Il quinto tiro italiano è stato suo, ma si è fermato al battitacco e alla traversa brasiliani. Tuttavia, il portiere Donorumma ha sostenuto il partito di Assura nel sostenere l’accusa di Saga.

Jorkinho, esonerato dall’aiuto dell’asso dell’Euro Cup, ha giocato con un errore davanti al portiere inglese.

– Era tutto organizzato. So che Donaruma lo prenderà (ride). Hai una brutta sensazione perché vuoi aiutare la tua squadra nel miglior modo possibile. Do sempre tutto quello che ho per la squadra, ma purtroppo non basta. Non ho visto il rigore, ea quel punto è stato anche triste che non abbia dato la vittoria prevista. Per fortuna questo evento è sul bersaglio per potermi salvare.

Jorkinho gioca con il rigore perso: “Era tutto sistemato”

– Mi ha rotto. Non l’ho colpito bene, lui l’ha fatto. Trasporta e colpisci il ragazzo sulla schiena, Nostra Signora (ride)! Sogno altre due settimane con questa penalità.

Jorkinho festeggia la vittoria della nazionale italiana in Euro Cup 2020 – Foto: Getty Images

Jorkinho parla dei sentimenti del popolo italiano

Jorkinho ha raccontato di aver vissuto a Roma un lunedì speciale quando ha lasciato Impitupa, dove era stato da quando aveva 15 anni, quando i tifosi in Italia festeggiavano il raddoppio degli Europei di Assura, record che non vedeva dal 1968. L’italiano naturalizzato brasiliano ricorda il fatto che il Paese è stato fortemente colpito dall’essere una figura centrale negli episodi del corona virus ha reso la celebrazione ancora più emozionante.

– È stato stupefacente. Credo che la nazionale sia stata battuta nel 2018 non qualificandosi per il trofeo che si terrà in Russia. Quando questo nuovo progetto è iniziato con un nuovo allenatore e tutti gli aggiornamenti, molte persone non ci credevano. Sono giocatori giovani e situazioni diverse. Siamo insieme, ci fidiamo del piano, ci fidiamo l’uno dell’altro. Quando tutti guarderanno nella stessa direzione, verrà la fine. Poi il paese è esploso.

– Oggi c’è stata la festa qui a Roma, ed è stato qualcosa di indimenticabile. Il paese si è fermato. Rivedere questo Paese felice, radicato nel calcio italiano, non ha avuto di recente questa gioia con la Nazionale per via dei risultati passati… Rivederci soprattutto tutti, tifare, tifare con noi, così emozionante. Dico con il cuore che amo questo paese. Questo paese mi ha accettato e tengo questo paese nel mio cuore.

Scegli l’Italia al Brasile nel 2017

Prima dei Mondiali del 2018, nel 2017, durante le qualifiche, Jorginho ha dovuto scegliere di difendere professionalmente la squadra italiana. Edu Gaspar, all’epoca coordinatore tecnico della squadra brasiliana, lo stava cercando e una telefonata lo scosse. Ma, considerando tutto quello che aveva vissuto in Italia e la necessità per Assura di poter contare su giocatori determinati in tempi difficili, non ci ha pensato due volte a scegliere un Paese europeo.

– Ho anche giocato nell’U21 per l’Italia. Non appena mi è arrivata la chiamata, ho accettato immediatamente. Onestamente ho visto la squadra brasiliana in lontananza. Il fatto di essere cresciuto in Italia e in Italia mi ha aperto le porte, onestamente non ci ho pensato due volte. Ma a quel tempo, dopo l’U21, giocavo solo con gli amici (nella Nazionale maggiore dell’Italia). Quando è arrivato il 2018, all’ultima chiamata, per la partita con la Svezia, è arrivata la chiamata e anche il Brasile mi cercava. Questo momento è molto complicato.

– A quella distanza, non posso dire di non aver mai sognato di giocare con la campana. Quello era il mio sogno d’infanzia. Quando arrivò la chiamata da Caspar, disse: “George, volevamo chiamarti, ma non posso garantire nulla. So che è difficile, parla con la tua famiglia”.

– Ho parlato molto con la mia famiglia e quando sono venuto in Italia non mi sentivo bene dopo aver giocato con l’Under 21 e soprattutto per amicizia… Un tempo la nazionale italiana era molto dura per quella partita finale con la Svezia. Sentivo che l’Italia aveva bisogno di aiuto. Quando ho avuto bisogno di aiuto, l’Italia mi ha aiutato, mi ha abbracciato e mi ha aperto le porte. In quel momento non mi sentivo al fianco dell’Italia. Il mio cuore ha detto “No, l’Italia ha bisogno di te”. Quindi ho fatto quella scelta e onestamente sono molto felice.

Sogni una palla d’oro?

– Viviamo per i sogni. Ma sarò molto onesto: dipende da come si fa. Se parliamo di talento, non sono la persona migliore del mondo. È questo il criterio per essere un giocatore o chi ha vinto più titoli? Perché nessuno ha vinto più di me come giocatore quest’anno. Come mi confronto con Messi, Cristiano Ronaldo o Neymar? Onestamente, sono proprietà completamente diverse, ma dipende dai criteri.

Il cambio di stile nel gioco italiano e il feeling della squadra nell’inno

– La questione del cambio di stile di gioco è un grande merito per Mancini. È molto intelligente per identificare le caratteristiche dei giocatori e adattare il gioco in base alle caratteristiche dei giocatori. Spero che abbia molto sulla sua mano. L’inno che abbiamo sentito così tanto. Questa è una squadra molto speciale. Non c’è un solo giocatore alla forza di questa squadra. Era una squadra umile, che ha lavorato molto. L’uno è sempre radicato nell’altro. I due pionieri sono i migliori amici in nazionale. Sappiamo che questa partita è molto importante per la ripartenza della squadra. Insieme abbiamo detto che il paese è stato afflitto da questa epidemia. Non c’è modo di spiegare questa energia.

Come vedi la squadra brasiliana?

– Guarda i giocatori che hanno, la squadra brasiliana sarà sempre una delle migliori al mondo. Se vedi i numeri, sono chiari. Subisce qualche gol e domina le partite. Purtroppo non ha vinto la Copa America. La squadra brasiliana ha ancora un po’ di tempo per tornare a brillare così. Questo è normale, ci sentiamo. Il supporto è molto importante. La squadra brillerà ancora, vincerà titoli, non contro di noi (ride), ma è tutto.