Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

La Cina elimina la malaria dopo 70 anni | scienza e salute

La Cina ha eliminato la malaria, dopo 70 anni di lotta a una malattia che ha ucciso più di 400.000 persone nel 2019, principalmente in Africa, ha annunciato mercoledì (martedì 29 in Brasile) l’Organizzazione mondiale della sanità.

“Ci congratuliamo con il popolo cinese per aver liberato il Paese dalla malaria”, ha affermato il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus. “La Cina si unisce al numero crescente di paesi che dimostrano che un mondo libero dalla malaria è un obiettivo praticabile. Questo sudato successo è il risultato di decenni di lavoro mirato e continuo”, ha aggiunto.

Il paese, che ha registrato 30 milioni di casi all’anno negli anni ’40, non ha registrato casi interni negli ultimi quattro anni. Questa malattia parassitaria è trasmessa dalla zanzara anofele.

I paesi che non hanno avuto la trasmissione locale per tre anni consecutivi possono richiedere la certificazione dell’OMS per verificare lo stato di assenza di malaria del loro paese. Devono fornire prove molto rigorose e dimostrare che possono prevenire le malattie in futuro.

La Cina è il quaranta paese ad ottenere questa certificazione dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha sede a Ginevra. I più recenti sono stati El Salvador (2021), Algeria e Argentina (2019) e Paraguay e Uzbekistan (2018).

La Cina è il primo Paese della regione del Pacifico occidentale, secondo la nomenclatura dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, ad ottenere questa certificazione in più di trent’anni. Al momento ne sono riusciti solo altri tre: Australia (1981), Singapore (1982) e Brunei (1987).

Dopo un costante calo dal 2000, quando la malattia ha ucciso 736.000 persone, il numero dei decessi è salito a 411mila nel 2018 e a 409mila nel 2019. Più del 90% di questi si è verificato in Africa e ha colpito principalmente i bambini (265mila). Nel 2019 ci sono stati 229 milioni di casi di malaria, un livello che non è cambiato in quattro anni.

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, Pechino negli anni ’50 ha iniziato a identificare i luoghi in cui la malattia si stava diffondendo e a combatterla con trattamenti preventivi. Il paese ha anche eliminato le aree con condizioni ideali per l’allevamento delle zanzare e ha incoraggiato l’uso di insetticidi nelle case.

Nel 1967 la Cina ha lanciato un programma scientifico per trovare nuove cure, che ha portato negli anni ’70 alla scoperta dell’artemisinina, il principale farmaco contro le malattie, estratta da una pianta.

Negli anni ’80, la Cina è stata uno dei primi paesi a sperimentare reti trattate con insetticida. Secondo il bilancio, nel 1988 ne ha distribuiti più di 2,4 milioni su tutto il territorio.

Il numero di casi era sceso a 117.000 prima della fine degli anni ’90 e i decessi erano diminuiti del 95%. Ulteriori sforzi nel 2003 sono diminuiti a circa 5.000 casi all’anno in un periodo di 10 anni.

“La capacità innovativa della Cina ha portato il Paese al successo nella lotta contro la malaria e ha avuto un importante effetto moltiplicatore in tutto il mondo”, ha affermato Pedro Alonso, direttore del Global Malaria Program presso l’Organizzazione mondiale della sanità.

L’Università di Oxford ha annunciato lo scorso aprile che un prototipo di vaccino era efficace al 77% nei test condotti in Africa. Può essere approvato entro due anni.

Video: G1 più visti negli ultimi 7 giorni