Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

La morte di una donna infetta da due ceppi di Covid-19 solleva preoccupazioni sul rischio di coinfezione

L’anziana non è stata vaccinata e vive da sola e riceve assistenza in casa di cura Il caso è stato registrato nella città belga di Aalst


Iscriviti alla nostra newsletter 247

Sputnik – I nuovi coronavirus mutano molto rapidamente, con nuove varianti scoperte in brevi periodi di tempo poiché il virus si replica più volte nel corpo della stessa persona infetta.

Attualmente, la variante delta, che è stata rilevata per la prima volta in India nell’ottobre 2020, è in procinto di dominare il mondo a causa della sua rapida diffusione.

Bloomberg scrive che il caso di una donna di 90 anni, morta subito dopo aver contratto due diversi tipi di Covid-19, solleva nuovi interrogativi sul raro fenomeno della doppia infezione, nonché sull’efficacia dei vaccini.

Un documento di ricerca, presentato questa settimana alla Conferenza europea sulla microbiologia clinica e le malattie infettive, ha rivelato che una donna infetta da due ceppi di coronavirus è morta a marzo presso l’ospedale OLV nella città belga di Aalst.

L’anziana, non vaccinata, viveva da sola e riceveva assistenza domiciliare. È stata ricoverata in ospedale con buoni livelli di ossigeno, ma è morta cinque giorni dopo dopo che i suoi sintomi sono rapidamente peggiorati.

I test hanno rivelato che aveva contratto due dei due ceppi di Covid-19: la variante alfa, scoperta per la prima volta nel Regno Unito, e il ceppo beta, scoperto in Sud Africa.

“All’epoca, entrambe le varianti circolavano in Belgio, quindi è probabile che tu sia infettato da virus diversi da due persone diverse”, ha spiegato Anne Vankerbergen, biologa molecolare dell’ospedale OLV che stava conducendo la ricerca.

READ  L'India batte il record di casi Covid per il terzo giorno consecutivo e crea un nuovo epicentro dell'epidemia | Scienziato

Secondo il biologo, l’incidenza globale del fenomeno della doppia infezione “potrebbe essere stata sottostimata” a causa di “test limitati per le varianti di interesse e della mancanza di un metodo semplice per determinare la coinfezione con il sequenziamento dell’intero genoma”.

“Rimane essenziale essere vigili per le infezioni concomitanti”, ha aggiunto il ricercatore.

Questo caso solleva interrogativi su come i vaccini possano essere efficaci nella protezione contro le molteplici varianti di Covid-19 che coesistono nell’organismo della stessa persona.

La variante Delta, scoperta per la prima volta l’anno scorso, è la razza più preoccupante al mondo a causa della sua natura infettiva. Si diffonde circa il 225% più velocemente rispetto alla variante SARS-CoV-2 originale.

partecipazione a Canale Curtis 247 E scopri di più:

Gruppi di conoscenza gratuiti. saperne di più. seguici no cavo.

a te che sei venuto qui, Grazie mille per aver valutato i nostri contenuti. A differenza dei media aziendali, il 247- Brasile è a TV 247 Si finanziano attraverso la propria comunità di lettori e spettatori. Puoi supportare TV 247 e Brasil 247 in diversi modi. Guarda come in brasil247.com/apoio