Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

La terza dose è necessaria? Queste e altre domande che sorgono con i progressi nell’immunizzazione

La polemica sulla necessità di una dose di richiamo è cresciuta tra gli esperti nelle ultime settimane

  • In tutto il mondo, alcuni paesi hanno fatto progressi nella vaccinazione al punto da puntare a un ritorno alla “normalità”.

  • Anche con l’immunizzazione avanzata in tutto il pianeta, il pericolo di nuove varianti preoccupa gli esperti

  • La necessità di potenziare il vaccino sta generando polemiche nel campo della salute in tutto il pianeta

Sono passati sette mesi da quando era la prima persona al mondo Vaccino contro il Covid-19 Al di fuori degli studi clinici, paesi come Regno Unito, Israele e Stati Uniti sembrano essere vicini al livello di immunizzazione necessario per considerare un ritorno alla “normalità”.

Gli ultimi sette mesi sono stati caratterizzati da un ritmo irregolare di immunizzazione tra paesi ricchi e poveri poor La minaccia di nuove variabili. Sebbene la maggior parte dei vaccini approvati mostri un’elevata efficacia nei casi gravi e prevenga la morte per malattia causata da SARS-CoV-2, durante le campagne di vaccinazione sono emerse molte incognite.

Un'infermiera prescrive una dose di vaccinazione per gli anziani in Israele

Israele sta già somministrando una terza dose ai pazienti più a rischio

Sarà necessaria una terza dose?

La necessità di rinforzi è stato uno dei dubbi sollevati di recente e che nelle ultime settimane ha suscitato polemiche tra gli esperti.

Leggi anche:

Pfizer ha detto che si stava preparando a richiedere alle autorità di regolamentazione negli Stati Uniti una terza dose del suo booster del sistema immunitario.

Il sistema sanitario pubblico del Regno Unito sta studiando l’applicazione della dose di richiamo ai pazienti dei gruppi più vulnerabili.

Israele, a sua volta, ha già iniziato a somministrarlo a malati di cancro, trapiantati e altri che potrebbero aver ridotto la protezione del vaccino.

Il Regno Unito e Israele hanno notato per diverse settimane una diminuzione del volume di casi COVID-19, ricoveri e decessi, ma recentemente hanno visto un aumento significativo delle infezioni dovute alla variante delta, che è più contagiosa delle altre.

Pertanto, gli specialisti di questi e altri paesi stanno studiando la possibilità di applicare una terza dose. Tuttavia, l’OMS ha contestato questo, sostenendo che la priorità in questo momento dovrebbe essere quella di dare la priorità alla donazione di dosi alle aree dietro ai loro programmi di immunizzazione.

“Attualmente non ci sono dati sufficienti per supportare l’uso di una dose di richiamo per qualsiasi paziente”, afferma il dott. Andrew Badley, della Mayo Clinic, USA. “I vaccini come Pfizer, Moderna o Janssen sono molto efficaci nella protezione da forme acute di malattia, ospedalizzazione e morte di qualsiasi tipo, inclusa Delta”, afferma in un’intervista a BBC News Mundo, il servizio di lingua spagnola della BBC.

READ  I sostenitori di Pedro Castillo e Keiko Fujimori scendono in piazza. Le elezioni in Perù continuano senza un vincitore ufficiale | Scienziato
donna che guarda fuori da una finestra & # xf4;  autobus a londra

La rapida espansione della variante delta ha aumentato la velocità di immunizzazione nel Regno Unito

“Ci sono casi di persone che hanno avuto il programma vaccinale completo, ma questa non è una priorità, dal punto di vista della salute pubblica, come lo è nei ricoveri e nei decessi. Sebbene ci siano casi che sono stati vaccinati con sintomi di infezione, afferma Wilbur Chen, della University of Maryland School of Medicine, USA USA: “La gravità generalmente non era elevata”.

Badley ripete che “la vaccinazione continua a proteggere dalle forme più gravi di malattia”. Tuttavia, potrebbero esserci delle eccezioni in futuro. “È possibile che un tipo di vaccino più resistente richieda una dose sviluppata appositamente per questa mutazione”.

Chen dubita che “questo potrebbe accadere nel prossimo futuro”. Va tenuto presente che ogni individuo risponde in modo diverso alle vaccinazioni. “Soprattutto quelli con un sistema immunitario compromesso, come i pazienti sottoposti a trapianti di organi”.

Ecco perché, sebbene il problema non sia stato ancora risolto, “sarebbe una buona idea avere dosi di richiamo approvate dai regolatori e pronte se necessario”, osserva William Schaffner, MD, professore di medicina preventiva presso la Vanderbilt Medical University nel Tennessee (USA). ).

A questo punto, è difficile determinare se il pubblico in generale avrà bisogno di una dose extra del vaccino. Tutto dipende da quanto dura l’immunità fornita dal sistema immunitario e dalle varianti che compaiono. Il che ci porta alla domanda successiva.

Una donna in attesa di essere vaccinata in Nicaragua ad aprile

L’OMS chiede la donazione prioritaria di dosi in ambienti con bassa copertura vaccinale

La protezione del vaccino diminuisce nel tempo?

Con solo sette mesi di vaccinazione di massa, non ci sono ancora prove conclusive per la durata dell’immunità che l’immunizzazione garantisce. Solo con il tempo gli scienziati saranno in grado di valutare meglio quando e se la protezione ha cominciato a calare.

“Alcuni vaccini sono noti per proteggere solo per un breve periodo di tempo, come il vaccino annuale contro l’influenza o il tifo, e richiedono dosi di richiamo. Altri sono di lunga durata, come la febbre gialla o il morbillo”, spiega Wilber. Chen dell’Università del Maryland.

READ  Ancora scontri tra manifestanti palestinesi e forze di sicurezza in Israele | Scienziato

Un altro motivo per cui è difficile sapere quanto durerà la protezione da un vaccino è il tipo di difesa che i nostri corpi usano per neutralizzare il virus.

“I livelli di anticorpi non sono sempre predittivi della protezione. I dati attuali suggeriscono che la memoria delle cellule B potrebbe essere un marker più affidabile. Quando questo sarà compreso meglio, possiamo vedere la necessità di una dose di richiamo per prevenire la diminuzione dell’immunità. Nel tempo”, afferma Badley della Mayo Clinic. .

Turisti che camminano a Barcellona

Le prove suggeriscono che l’umanità dovrà convivere con COVID-19 per molto tempo

Gli esperti sottolineano che c’è differenza tra una dose di richiamo e un vaccino modificato: il primo obiettivo è estendere la protezione; In secondo luogo, per combattere le nuove varianti.

“Se una nuova variante sfugge alla nostra protezione vaccinale, è qualcosa di completamente diverso. Sarà necessario un nuovo vaccino per neutralizzare la nuova variante”, sottolinea Schaffner, della Vanderbilt University Medical School.

In questo caso, gli esperti dicono che modificare un vaccino è un processo più semplice che creare un vaccino da zero, qualcosa che può essere fatto in tempi relativamente brevi, nel giro di settimane o pochi mesi.

La scienza ha già molta esperienza nella modifica dei vaccini.

“Ogni anno vengono analizzati diversi tipi di virus influenzali circolanti nel mondo, che non sempre corrispondono nello stesso emisfero o continente. E ogni paese prepara vaccini specifici per queste varianti. Qualcosa di simile accadrebbe con il virus Corona, se fosse alcuni mesi fa, José Manuel Bautista, professore al Dipartimento di Biochimica e Biologia Molecolare dell’Università Complutense di Madrid, in Spagna, ha spiegato alla BBC Mundo.

In ogni caso, per evitare che nuove variabili minaccino gli attuali sforzi di immunizzazione, è essenziale controllare il virus e proteggere il più rapidamente possibile il maggior numero possibile di popolazione mondiale.

Ecco perché l’Organizzazione Mondiale della Sanità si è pronunciata contro la possibilità di dosi di richiamo senza prima aver raggiunto alti livelli di immunizzazione universale.

Quanto tempo ci vuole per vaccinare il mondo intero?

In molti dei paesi più ricchi, come Stati Uniti, Regno Unito, Israele o membri dell’Unione europea, la copertura vaccinale raggiunge in media il 50% della popolazione.

READ  Il presidente di Cruzeiro cita "l'immoralità" di Palmeiras nel caso in cui Messinho se ne andasse Viaggio in mare

Tuttavia, i paesi con meno risorse stanno immunizzando a un ritmo molto più lento. In America Latina, ad eccezione del Cile, la maggior parte dei paesi ha vaccinato tra il 10% e il 40% della propria popolazione. In America Centrale le percentuali sono inferiori. In Africa, molti paesi non hanno ancora superato il limite di vaccinazione del 10%.

In una recente intervista con BBC News Brazil, John McConnell, caporedattore di The Lancet, una delle riviste scientifiche più rispettate al mondo, ha affermato che, al ritmo attuale, i vaccini saranno disponibili per tutti solo nel 2023. il mondo.

“La comunità internazionale deve aiutare molti paesi che non dispongono di programmi di immunizzazione efficaci. Oltre alle cause umanitarie, deve esserci un interesse locale nel contenimento globale del COVID-19 per evitare che nuove varianti a rischio di diffondersi ulteriormente emergano troppo tardi ” dice Schaffner.

“Non possiamo dividere ulteriormente il mondo dando la priorità alle dosi di stimolanti in alcuni luoghi quando non ci sono prove scientifiche per giustificare questa strategia. Ciò andrà a beneficio solo dei paesi ricchi”, osserva Chen dell’Università del Maryland.

La vaccinazione universale significa la fine del Covid-19?

Gli scienziati hanno ribadito che la pandemia sarà tenuta sotto controllo quando la vaccinazione consentirà di raggiungere l’immunità di gregge, un livello di vaccinazione sufficiente a contenere la diffusione del virus.

Il controllo non è la stessa cosa dell’eradicazione. L’estinzione del COVID-19 è una prospettiva che molti esperti considerano inverosimile, persino impossibile.

“Parlare di ‘la fine del coronavirus per sempre’ è qualcosa che dovremmo evitare. Non è possibile. Come il virus dell’influenza, Sars-CoV-2 fa già parte del nostro ambiente microbico e dobbiamo affrontarlo. Fa parte del ‘ nuova normalità'”, sottolinea Schaffner, della Vanderbilt Medical University.

Questa è l’ipotesi che alcuni governi iniziano a ipotizzare.

Il Regno Unito ha suscitato polemiche quando ha deciso di revocare tutte le restrizioni alla circolazione il 19 luglio, in uno scenario di un aumento significativo dei casi dopo che più della metà della popolazione è stata vaccinata.

Il ministro della Sanità britannico Sajid Javid ha difeso il provvedimento, affermando che “dobbiamo imparare a convivere con il virus” e che “non c’è stato un momento ideale per riaprire il Paese”.

Gli scienziati hanno confermato che la comprensione del virus che causa il Covid-19 è un processo continuo e che richiede tempo. Alcune domande verranno chiarite e ne appariranno di nuove. Chiaramente, l’arma migliore, i vaccini, è ora disponibile.

Hai visto i nostri nuovi video su Youtube? Iscriviti al nostro canale!