Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

L’aeronautica cinese pilota 16 aerei vicino allo spazio aereo malese in un’esercitazione su larga scala – Kavuk Brasil

Sedici aerei della People’s Liberation Army Air Force (PLAAF) hanno condotto un’esercitazione di trasferimento su larga scala sul Mar Cinese Meridionale vicino al Borneo lunedì ed sono entrati nello spazio aereo della Zona Economica Esclusiva della Malesia (ZEE), secondo la Royal Malaysian Air Force. RMAF) in un comunicato diffuso il 1° giugno.

L’aeronautica militare marocchina ha dichiarato che la sua stazione radar nello stato orientale del Sarawak ha individuato l’aereo lunedì (31/05) alle 11:53 ora locale e che l’aereo stava formando un percorso di recinzione tattica di 60 chilometri. . O circa 37 miglia. L’aereo stava volando ad un’altitudine compresa tra 23.000 e 27.000 piedi ad una velocità di 290 nodi attraverso la Singapore Flight Information Region (FIR) prima di attraversare lo spazio aereo della zona economica esclusiva della Malesia e FIR Kota Kinabalu (KK FIR).

Mentre l’aereo si stava dirigendo nello spazio aereo nazionale della Malesia, la RAF ha messo in allerta l’aereo da caccia Hawk 208 – parte dello Squadrone n. 6 della base aerea RAF di Labuan sull’isola di Labuan – mentre tentava di contattare il PLAAF. Lo squadrone n. 6 è lo squadrone di caccia della RMAF con sede permanente nella Malesia orientale, sebbene quattro distaccamenti di F/A-18 Hornets dello squadrone n. 18 e Sukhoi Su-30MKM di 12 squadroni siano ruotati dalla Malesia peninsulare alla base Labuan RMAF. Non è noto se anche questi velivoli siano stati attivati ​​in quel momento.

Dopo aver ricevuto alcuna risposta, RMAF ha lanciato gli Hawks alle 13:33. Intercettare ed eseguire un esame visivo. La RAF non ha detto quanti Hawks ha sparato, ma lo schema di intercettazione predefinito della RAF è due. L’identificazione visiva ha confermato che i velivoli sono aerei da trasporto Ilyushin IL-76 e Xian Y-20.

READ  Fortaleza annuncia la partenza di Anderson Moreira | Fortaleza Sport Club | Tempo - notizie

La formazione, seguita dai caccia della RAF, continuò attraverso i Luconia Breakers, raggiungendo circa 60 miglia nautiche al largo della costa del Sarawak prima di tornare. Luconia Breakers è stata un’area rivendicata dalla Cina e la Cina mantiene una presenza continua e regolare di navi della Guardia costiera cinese nell’area, mentre questa presenza è costantemente monitorata dalla Guardia costiera malese, RMAF e dalla Royal Malaysian Navy.

Mappa degli incidenti e traiettoria di volo. (Foto: forze armate malesi)

RMAF ha anche rilasciato una mappa del percorso dell’aereo insieme alle immagini scattate durante l’intercettazione e ha affermato che l’incidente ha rappresentato una minaccia per la sovranità nazionale e la sicurezza del volo a causa del traffico aereo nel KK FIR.

La Malesia ha subito molti di questi incidenti per mano di aerei navali PLA e PLA nella regione, sebbene questo sia il primo incidente che coinvolge un gran numero di aerei. La maggior parte degli incidenti non è stata segnalata pubblicamente e la dichiarazione pubblica di RMAF è considerata una deviazione dalla norma.

Porzioni delle acque al largo della Malesia orientale e delle rivendicazioni dell’isola di Spratly in Malesia si trovano sotto le rivendicazioni della Nine Dash Line in Cina.

I vincoli di budget hanno comportato l’incapacità di RMAF di sostituire la sua flotta di aerei da combattimento obsoleti e più piccoli, sebbene si prevede che le capacità di sorveglianza marittima miglioreranno con il completamento della conversione di tre velivoli da trasporto RMAF CN-235 in velivoli di sorveglianza navale finanziati dagli Stati Uniti. La prima conversione del velivolo è prevista per quest’anno. Sei droni Scan Eagle sono stati forniti in Malesia lo scorso anno come parte del programma Maritime Safety Initiative, con altri 12 veicoli consegnati.

READ  Rio lancia le prime unità dello spazio maternità