Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

L’agenzia delle Nazioni Unite afferma che gli investimenti esteri in Brasile diminuiranno del 62% nel 2020 | Economia

Gli investimenti diretti esteri (IDE) in Brasile sono diminuiti del 62% nel 2020, secondo i dati del Global Investment Trends Observatory, pubblicati lunedì (21) dalla Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo (UNCTAD).

L’anno scorso, le risorse estere totali investite in Brasile hanno raggiunto i 25 miliardi di dollari USA, il livello più basso degli ultimi due decenni“Scarico” a causa della scomparsa degli investimenti nell’estrazione di petrolio e gas naturale, fornitura di energia e servizi finanziari, secondo il rapporto. Nel 2019 il volume degli investimenti ha raggiunto i 65 miliardi di dollari USA.

Con la caduta, anche il Brasile è rientrato nella classifica dei Paesi che ricevono più investimenti diretti esteri: dal sesto posto del 2019 è salito all’undicesimo posto.

Investimenti diretti esteri – Classifica 2020 – Foto: G1 Economy

Sebbene il movimento sia stato molto sentito in Brasile, è stato globale: a livello mondiale, il flusso di investimenti diretti esteri è diminuito del 35% nel 2020, a 1 trilione di dollari USA, da 1,5 trilioni di dollari USA dell’anno precedente – Torna al livello 2005 2005.

“La crisi del Covid ha causato un forte calo degli investimenti diretti esteri”, afferma l’UNCTAD.

Secondo il rapporto, i blocchi adottati in tutto il mondo per combattere la pandemia hanno rallentato i progetti di investimento esistenti e la prospettiva di una recessione ha indotto le multinazionali a rivedere nuovi progetti.

Tuttavia, l’impatto dell’epidemia sugli investimenti esteri si è concentrato principalmente nella prima metà dello scorso anno.

Economie in via di sviluppo contro economie avanzate

“Il calo è stato in gran parte diretto verso le economie avanzate, dove gli investimenti diretti esteri sono diminuiti del 58%”, ha osservato l’agenzia. Nelle economie in via di sviluppo il calo è stato più contenuto, all’8%, “dovuto principalmente ai flussi elastici in Asia”.

Di conseguenza, le economie in via di sviluppo sono diventate la destinazione di due terzi degli investimenti esteri globali: nel 2019 ne rappresentavano poco meno della metà.

Ma, nel gruppo delle economie in via di sviluppo, il risultato è piuttosto eterogeneo, con il Brasile che mostra una performance molto negativa rispetto ad altri paesi – anche in relazione a tutta l’America Latina e ai Caraibi, che ha visto diminuire i flussi del 45% nel 2020. Nello stesso periodo, i flussi sono diminuiti del 45% 33% in Cile, del 46% in Colombia e del 38% in Argentina.

In Africa il calo è stato del 16%, mentre l’Asia ha visto un aumento del 4%.

Tra le economie avanzate, lo shock maggiore si è verificato in Europa, dove il flusso di investimenti diretti esteri è diminuito dell’80%. In Nord America, il calo è stato del 42% – con Gli Stati Uniti restano il primo Paese a ricevere questo tipo di investimento.

Per quest’anno, si prevede che gli investimenti crescano tra il 10% e il 15% a livello globale, lasciando gli IDE quasi il 25% inferiori al livello del 2019 e tornando al livello del 2019 di 1,5 trilioni di dollari.

Tuttavia, la ripresa dovrebbe essere irregolare, poiché le economie avanzate guidano la ripresa. Sebbene i flussi verso l’Asia rimarranno probabilmente resilienti, il rapporto rileva che Una ripresa importante in Africa e America Latina è improbabile nel breve termine.

A gennaio, la Banca centrale del Brasile (BC) ha riferito che L’investimento diretto del paese (IDP) ha totalizzato 34,1 miliardi di dollari l’anno scorso, una diminuzione del 50,6% rispetto al 2019.

Questo è stato il più piccolo afflusso di investimenti diretti nell’economia brasiliana dal 2009 (31,480 miliardi di dollari), vale a dire in 11 anni, e si è verificato tra il calo del prodotto interno lordo (PIL) e lo stress del mercato causato dalla nuova pandemia di coronavirus.

READ  Statue della regina Vittoria e della regina Elisabetta in Canada