Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

L’alto comando militare degli Stati Uniti si prepara a frenare il tentativo di colpo di stato di Trump

Washington – Tentativi dell’allora Presidente degli Stati Uniti, Donald TrumpL’inversione dei risultati delle elezioni del 2020 ha allarmato così tanto i capi di stato maggiore del paese, Mark Milley, che i vertici dell’esercito hanno discusso i piani per fermarlo in caso di tentativo di colpo di stato. Le informazioni sono state rivelate in un libro che uscirà martedì dai giornalisti del Washington Post Carol Lenig e Philip Rucker, estratti da cui la CNN ha ottenuto in esclusiva.

Guarda anche:Il libro dice che Trump ha chiamato Merkel “quella puttana” durante un incontro alla Casa Bianca

Only I Can Fix It: Disastrous Final Year di Donald J Trump (Only I Can Fix It: Disastrous Final Year di Donald J Trump, in traduzione libera) descrive come Milley e i leader militari hanno discusso della possibilità di dimettersi uno per uno, se il presidente avesse emesso loro Ordini ritenuti illegali o pericolosi di rimanere al potere, ma non è chiaro quando si terrà l’incontro.

Il militare più anziano del paese avrebbe parlato con amici, legislatori e colleghi del pericolo di un colpo di stato e ha pensato che avrebbe dovuto essere “in allerta” contro i rischi:

“essi [Trump e seus aliados] Possono provare, ma non capiranno le stronzate”, secondo quanto riferito Mielle ai suoi subordinati, secondo il libro. Non puoi farlo senza l’esercito. Questo non può essere fatto senza la CIA e l’FBI. Noi siamo gli uomini armati”.

Gli autori paragonano il piano dell’alto comando militare al “massacro del sabato sera al contrario”. È un riferimento all’episodio dell’ottobre 1973, quando l’allora presidente Richard Nixon ordinò al procuratore generale Elliot Richardson di licenziare Archibald Cox, il procuratore speciale incaricato delle indagini sul Watergate. Richardson e il suo vice, William Rockelshaus, si rifiutarono di farlo e presentarono le loro dimissioni.

READ  Salvataggio del padre della band Joanna Treptow da un edificio crollato a Miami | Famoso

Leggi di più:Le teorie del complotto sul ritorno di Trump alla presidenza ad agosto sollevano l’allarme dell’FBIBI

preoccupazione per la violenza

Leonage e Rucker, che hanno intervistato più di 140 persone – incluso Trump, per più di due ore – raccontano il loro lavoro dietro le quinte l’anno scorso per il repubblicano alla Casa Bianca. L’attenzione si concentra sulle settimane tra il 3 novembre, data delle elezioni, e l’inaugurazione del 20 gennaio, quando la crociata dell’allora presidente per invertire il voto popolare ha messo la democrazia americana al suo più grande stress test nella storia moderna.

Il libro dice che le preoccupazioni di Millie sulle possibili manovre del presidente sarebbero aumentate subito dopo le elezioni, con… Una serie di purghe di funzionari del Pentagono, sostituendoli con alleati, e Il segretario alla Difesa Mike Esper si dimette, è a Il procuratore generale William Barr si dimette.

Ingiustizia: Trump annuncia azioni legali contro Facebook, Twitter e Google

Nei giorni precedenti l’invasione del Campidoglio del 6 gennaio, dicono gli autori, Milley era preoccupato di agitare il presidente contro la sua base, “ha detto alla sua squadra che credeva che Trump stesse fomentando problemi, forse sperando di avere una scusa per invocare la legge dell’insurrezione e rilasciare i militari”.

Il generale si riferiva alla legislazione federale del 1807 che conferiva al presidente il potere di mettere i soldati e la guardia nazionale nelle strade in circostanze come ammutinamento, anarchia o ammutinamento.

e altro ancora: Trump ha pagato 2,7 milioni di dollari agli organizzatori della manifestazione che ha portato all’invasione del Campidoglio

“Il Vangelo fa un leader”

Secondo El Young e Roker, Millie vedeva Trump come un “leader autoritario senza nulla da perdere” e trovava somiglianze tra la sua retorica e quella di Adolf Hitler:

“Questo è un momento del Reichstag”, secondo quanto riferito, riferendosi alle dichiarazioni del presidente che lo dipingevano falsamente come vittima di una cospirazione e salvatore degli Stati Uniti. “Il Vangelo del Fuhrer”.

READ  Il bilancio delle vittime della pioggia in Europa supera i 120, i leader avvertono dell'impatto del cambiamento climatico

vigilia Una manifestazione indetta dal presidente poco dopo le elezioniHa chiamato i suoi sostenitori per protestare contro la vittoria di Biden, e secondo quanto riferito Milley temeva che i più forti alleati dell’allora presidente sarebbero stati gli oratori americani dello “Street Salvation Army”. Era un riferimento allo Sturmabteilung, il gruppo paramilitare che contribuì a portare Hitler al potere.

Questioni legali:Il direttore finanziario della Trump Organization, accusato di frode e reati fiscali, si consegna alla giustizia

In un evento di prova per l’inaugurazione di Biden nei giorni successivi all’invasione del Campidoglio, affermano gli autori, Milley stava ancora una volta paragonando i sostenitori del presidente ai nazisti quando parlava con un gruppo di leader al timone del potere americano. All’epoca, le aree intorno alla Casa Bianca e al Campidoglio erano circondate dalla minaccia di nuove scene di violenza:

“Ecco la verità: questi ragazzi sono nazisti, sono Bogallo e sono i ragazzi orgogliosi”, ha detto, riferendosi a due gruppi estremisti americani. “Queste sono le stesse persone che abbiamo combattuto nella seconda guerra mondiale. Metteremo una recinzione di ferro intorno a questa città e questi nazisti non entreranno”.

Milley non ha ancora commentato le accuse nel libro, che lo ritrae come disposto a opporsi a quello che considerava un comportamento antidemocratico da parte del capo dello stato. La popolarità dei militari, come ricorda la CNN, era bassa dopo la sua partecipazione, nel giugno dello scorso anno, in La visita organizzata di Trump alla chiesa episcopale di San Giovanni, al culmine delle proteste contro il razzismo e contro la violenza della polizia in In risposta all’omicidio di George Floyd.

tempo: Con democratici e repubblicani “dissidenti” nel fuoco incrociato, Trump riprende la sua campagna negli Stati Uniti

conforto in possesso

Affinché il presidente potesse raggiungere a piedi la chiesa alla periferia della Casa Bianca e farsi fotografare con una Bibbia in mano, i manifestanti pacifici sono stati dispersi con proiettili di gomma e gas lacrimogeni. Dopodiché, il generale si è scusato e ha detto che non avrebbe dovuto essere presente.

READ  Scontri tra manifestanti e polizia a Gerusalemme | Scienziato

Dopo il raid del 6 gennaio al Campidoglio, Milley ha avuto telefonate quotidiane con Mark Meadows, capo dello staff di Trump, e il segretario di Stato Mike Pompeo, che ha usato la conversazione per valutare gli stati d’animo e i rischi di trasformazione. potere pacifico. Funzionari del governo hanno detto ai giornalisti che il tono del trio era che il passaggio del bastone sarebbe avvenuto “indipendentemente dal fatto che piova o che splenda”.

accelerazione: I gruppi di cospirazione di destra accelerano i preparativi per il giorno del crollo del sistema

Durante una visita privata a casa di Milley poco prima delle elezioni, si dice che Pompeo abbia detto: “Sai, i pazzi stanno prendendo il sopravvento”. L’ex segretario, rimasto in carica fino alla fine del mandato di Trump, ha smentito gli autori, tramite un intermediario, dopo aver fatto il commento.

Se la carica di capo di gabinetto durante il periodo post-elettorale era apparsa ora in pubblico, non era un segreto per il nuovo governo. Secondo Leonnig e Rucker, dopo la fine dell’inaugurazione di Biden, in cui Trump ha rotto una tradizione secolare per impostazione predefinita, il vicepresidente avrebbe ringraziato il generale, dicendo: “Sappiamo tutti cosa state facendo voi e pochi altri.

Poco prima che Biden prestasse giuramento, secondo quanto riferito ha ammesso il sollievo in una conversazione con l’ex First Lady Michelle Obama:

Secondo gli autori, “oggi nessuno ha un sorriso più grande del mio”. “Non puoi vedere a causa della maschera, ma io sì.”