Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

L'app di monitoraggio COVID-19 sta salvando vite nel Regno Unito;  Il Brasile ha ignorato la misura - 16/05/2021

L’app di monitoraggio COVID-19 sta salvando vite nel Regno Unito; Il Brasile ha ignorato la misura – 16/05/2021

Un nuovo studio suggerisce che l’uso di sistemi di tracciamento dei contatti ha contribuito a salvare migliaia di vite nel Regno Unito. Il sondaggio, pubblicato su Nature, afferma che quasi 9.000 persone in Inghilterra e Galles sono state salvate grazie a un programma NHS Covid-19, che utilizza il sistema di segnalazione dell’esposizione alle malattie sviluppato da Apple e Google. Il Brasile ha una soluzione simile con Coronavirus-SUS, ma non era disponibile Grande successo a causa della mancanza di spiegazioni e pubblicazione dello strumento.

un Ricerca Spiega che l’app NHS, il sistema sanitario pubblico britannico, potrebbe aver salvato tra 4.200 e 8.700 vite: il Regno Unito ha registrato finora più di 128.000 decessi a causa del Coronavirus, secondo lo studio, ogni punto percentuale di aumento nell’utilizzo dell’app ha portato a un Diminuzione dello 0,79% rispetto ai casi.

Lo studio aggiunge: “La nostra analisi indica che un gran numero di casi di infezione da COVID-19 sono stati prevenuti rintracciando i contatti tramite l’app NHS, che vanno da circa 100.000 a 900.000, a seconda dei dettagli metodologici”.

I ricercatori hanno valutato l’utilizzo dell’app tra settembre e dicembre 2020. In totale, 16,5 milioni di persone hanno installato l’app (pari al 28% della popolazione del Regno Unito) e sono stati inviati 1,7 milioni di avvisi di esposizione.

Integrazione con i test

Lo studio indica che l’integrazione dell’applicazione con i test COVID-19 era importante per controllare la diffusione della malattia. Questo perché “i test sono richiesti automaticamente attraverso le procedure di avvio dell’applicazione, senza che l’utente debba inserire il risultato nell’applicazione”, il che accelera il tracciamento dei contatti.

Inoltre, lo studio sviluppa teorie su come le funzioni dell’applicazione contribuiscono alla sua efficacia. Il sondaggio indica che chi ha installato l’app tende a mantenere le distanze sociali più alte di quanto avrebbe fatto se non avesse l’app, perché si renderebbe conto che “monitora la distanza e può consigliarli di mettere in quarantena in un secondo momento”.

READ  Galaxy A72 o Redmi Note 9 Pro? Guarda il confronto e vedi quale acquistare | cellula

Lo studio conclude: “L’uso degli smartphone è veramente globale e, pertanto, le app di tracciamento dei contatti che mantengono la privacy dovrebbero essere integrate nel toolkit di salute pubblica”.

In Brasile, l’applicazione non è riuscita per mancanza di utilizzo

Non molte persone lo sanno, ma a marzo 2020 il governo ha lanciato l’app Corona virus-SUS, che in seguito divenne la funzione di tracciamento dei contatti. Il processo era simile all’app NHS, ovvero sarebbe stato possibile sapere quando una persona malata vicino a te è arrivata utilizzando la funzione Bluetooth dei telefoni cellulari.

Tuttavia, questo La domanda nazionale “non è riuscita” principalmente perché nessuno ha spiegato come funzionava lo strumento E la mancanza di una campagna che spieghi i vantaggi dell’applicazione.

Coronavirus-SUS ha iniziato a utilizzare la tecnologia Apple e Google nell’agosto dello scorso anno. Lo ha rivelato principalmente la stampa e il canale YouTube del Ministero della Salute, che all’epoca ha registrato meno di 10.000 visualizzazioni.

Le piccole rivelazioni potrebbero essersi riflesse nella minima adesione dei brasiliani al fornitore. Ad aprile di quest’anno, Coronavirus-SUS era stato scaricato 61,5 milioni di volte, secondo i dati del Dipartimento della Salute di Tilt. Ma c’erano solo 2,3 milioni di utenti attivi fino a febbraio 2021, meno dell’1% della popolazione brasiliana.

Tuttavia, Claudio Mesili, Professore di Sistemi e Ingegneria Informatica presso l’UFRJ (Università Federale di Rio de Janeiro), non attribuisce il fallimento del Coronavirus-SUS esclusivamente alla non divulgazione. Sostiene che il tracciamento dei contatti si scontra con un problema tecnico che affligge i brasiliani: la batteria smart phone.

Ha spiegato: “In generale, il brasiliano di solito non lascia il bluetooth acceso, perché scarica la batteria. L’applicazione ha senso dal punto di vista tecnologico, ma in pratica probabilmente non sarà sufficiente per il Brasile”.

READ  Controlli Dualsense nuovi per PS5 su Amazon

Un altro punto che ha sollevato è che ogni brasiliano ha uno smartphone e che l’app SUS ha una compatibilità limitata: per usarla, è essenziale che tu abbia I phone Con iOS 13 o versioni successive cella di prigione Con Android 6.0 o versioni successive.