Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Le donazioni internazionali ai vaccini non daranno priorità al Brasile – 14/06/2021

Il Brasile dovrebbe essere escluso dall’elenco prioritario per le donazioni di vaccini COVID-19 da parte dei paesi ricchi, sebbene di volta in volta possa trarre vantaggio dai gesti di alcuni governi.

Questo fine settimana i leader del Gruppo dei Sette nazioni industrializzate hanno firmato un accordo affinché, entro la fine del 2022, 870 milioni di dosi possano raggiungere direttamente i Paesi in via di sviluppo. Dopo aver contato tutte le promesse dall’inizio del 2021, i governi di blocco indicano che questo significa un miliardo di dosi. Ma non c’era alcun chiarimento su chi avrebbe fornito questa differenza di 170 milioni di dosi.

In una dichiarazione rilasciata dalla Kovacs Facility dopo l’incontro, il consorzio istituito dall’Organizzazione mondiale della sanità per garantire il trasporto dei vaccini in tutto il mondo ha indicato che una parte significativa delle donazioni sarebbe stata convogliata attraverso il meccanismo di distribuzione internazionale.

Ma fonti dell’agenzia hanno confermato alla rubrica che il piano prevede la distribuzione delle dosi a due gruppi di paesi più poveri, di cui circa 92 inclusi nell’elenco. Il Brasile non fa parte di questi gruppi e nelle Americhe solo Haiti, El Salvador, Bolivia, Honduras e Nicaragua fanno parte dei posti prioritari.

Governo Joe BidenQuando ha annunciato la donazione di 500 milioni di dosi, ha già chiarito che paesi come il Brasile non sono nell’elenco delle destinazioni prioritarie.

Sia a Washington che nelle agenzie delle Nazioni Unite, la percezione è che il governo brasiliano possa pagare i vaccini, e quindi una donazione in questo momento significa che altri paesi si trovano in una situazione ancora più tragica lasciata senza alcun tipo di fornitura.

READ  La Francia e il Regno Unito trasferiscono navi da guerra all'isola di Jersey a causa di una controversia sui diritti di pesca | Giornale

All’Organizzazione Mondiale della Sanità, si stima che la donazione aiuterà a liberare altre dosi, dalla disponibilità del mercato, che saranno destinate al Brasile e ad altri paesi del mondo. Ma questo sarà solo un effetto indiretto.

Il Brasile può beneficiare di “gesti una tantum”

Non è escluso che il Brasile possa beneficiare di qualche consegna nei tempi previsti, e infatti sono in corso trattative in merito. Il governo spera di garantire che una volta ottenuta l’immunità di gregge in Europa, negli Stati Uniti e altrove, le dosi possano essere ridistribuite in tutto il mondo.

Ma per ora le prime indicazioni sono già che il Paese non potrà contare su questo afflusso per accelerare la campagna di vaccinazione. Negli Stati Uniti la Casa Bianca ha indicato che stanzierà 6 milioni di dosi di vaccini che verranno distribuite in 12 Paesi, Brasile compreso. Il risultato è un piccolo numero di dosi per soddisfare le esigenze nazionali comunque da Covax.

Un altro fatto che ha un grande impatto: per quanto i governi ricchi pubblicizzino la donazione di vaccini, il Brasile ha acquistato solo 43 milioni di dosi di Covax, che equivale al 10% della sua popolazione. Pertanto, anche se il meccanismo si riempirà di donazioni nei prossimi mesi, la priorità sarà quella di rispondere prima ai contratti già firmati.

In altre parole, se i paesi africani o asiatici richiedono una copertura del 20%, 30% o 40% della loro popolazione, la fornitura di dosi soddisferà prima tali obblighi. Solo dopo questa fase ci sarà spazio per la rinegoziazione degli accordi.

Fonti dell’OMS hanno anche confermato che dal suo insediamento, il ministro della Sanità Marcelo Quiroga ha parlato con i membri dell’agenzia della possibilità che il governo ampli i suoi acquisti di Kovacs. Ma con le attuali carenze e la priorità di garantire le dosi per quasi 100 paesi in più, qualsiasi rinnovo del contratto per il 2022 dovrà aspettare.

READ  I costruttori di pozzi trovano 516 milioni di R$ per incidente - Notizie

Il personale senior dell’OMS stima inoltre che, nonostante l’acuta crisi in Brasile, il paese sarà rifornito principalmente con la propria produzione nazionale di vaccini. Nell’entità, la percezione è che pochi posti nel mondo in via di sviluppo siano industrializzati e, quindi, il focus nel caso brasiliano non può essere l’attesa di donazioni straniere.

Per Bruce Aylward, uno dei nomi principali dell’entità alla Covax, il paese sta facendo un “lavoro eccezionale” sulla produzione nazionale e quella produzione sarebbe molto al di sopra di ogni aspettativa di donazioni internazionali.

Insufficiente

Tuttavia, leader e organizzazioni internazionali hanno criticato pubblicamente l’annuncio del G7 che garantirà 1 miliardo di dosi entro la fine del 2022 all’unisono. Per l’OMS, l’UNICEF e altre istituzioni, il volume è insufficiente e troppo tardivo. C’è stata anche una raffica di domande sulla mancanza di un piano chiaro e di una tempistica per quando tali vaccini raggiungeranno i paesi più poveri.

Nonostante il mondo abbia somministrato più di 2,3 miliardi di dosi, dozzine di paesi soffrono ancora di gravi carenze. In Iraq solo l’1% della popolazione è stato vaccinato, contro l’1,9% del Guatemala e l’1,1% della Costa d’Avorio e del Kenya.

Il tasso scende sotto lo 0,5% in paesi come Mali, Niger, Zambia, Mauritania, Camerun e decine di altri. Oggi solo 16 dei 193 Stati membri delle Nazioni Unite sono riusciti a vaccinare più del 40% della loro popolazione.