Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Le famiglie di De Thien che hanno invaso la CRE affermano di essere “rinchiuse” nello spazio – Diário do Grande ABC

Circa 70 famiglie rimosse dai terreni dell’edificio De Thien, demolito nel 2018, sabato notte (5) hanno invaso il CRE (Clube Recreativo Esportivo), a São Cayetano. Gli individui sostengono che, contrariamente a quanto riferito dal consiglio comunale – annunciando che si registreranno per ospitare i residenti – da ieri sera, sono stati “rinchiusi” nello spazio con due veicoli custoditi dalla GCM (Guardia Civile Comunale) , oltre ad essere impedito dal roaming, soprattutto per l’ingresso e l’uscita dall’indirizzo.

Gli ex residenti di De Thien hanno preso il posto dopo la decisione della Provincia di São Caetano nel TJ-SP (Corte di Giustizia dello Stato di São Paulo), emessa ieri, quando il consiglio comunale ha acquisito Cras (Riferimento Sociale Centro di assistenza) Heloísa Pamplona, ​​​​nel quartiere di Fundação, dove c’erano quasi 50 invasori da mercoledì scorso (2).


Sebbene il municipio stesse preparando un’istituzione CRE, compreso l’arredamento familiare per ospitare le famiglie che sono state espulse dall’edificio, l’ex residente di Di Thiene Leandro Gonçalves Montijo, 38 anni, ha spiegato che i funzionari comunali stavano “rotolando” per sistemare il posto, Con le famiglie aspettando alla porta di entrare per “più di un’ora”.

“Il consiglio comunale ha avuto tempo fino alle 16:30 di ieri per farci uscire da Cras, altrimenti avrebbe dovuto pagare una multa di 10.000 R$ al giorno (per ordine). Quando lasciammo Cras e arrivammo alla porta del club, stavano rifacendo i letti. Siamo rimasti fuori per più di un’ora, con bambini sul marciapiede, vecchi e tutti affamati e volevano usare il bagno. Non volevano farci entrare (NESSUNA CRE) ”, spiegando il motivo della loro conquista dello spazio.

READ  "La scienza non può perdere la sua credibilità".

Con un’ordinanza del tribunale emessa venerdì scorso (4), la provincia di Santo André ha obbligato il consiglio comunale a trasferire le persone che occupavano il Carso in un “luogo dignitoso, con cibo e igiene”, oltre a pagare una multa giornaliera di R$. 10mila in caso di inadempienza, su richiesta del Procuratore Generale dello Stato di São Paulo. Tuttavia, l’ultima decisione ha sospeso completamente la decisione.

Ieri mattina e pomeriggio il consiglio comunale aveva già iniziato a rinviare circa 50 persone che si trovavano a Cras per conformarsi alla decisione di ieri. Pertanto, le famiglie non utilizzavano più le attrezzature di assistenza sociale quando l’ordinanza è stata sospesa.


Secondo il consiglio comunale, i funzionari che hanno preparato il posto sono stati sorpresi dagli invasori che, secondo l’amministrazione comunale, non sono di De Thien, ma piuttosto un movimento guidato da un partito politico di opposizione.

L’amministrazione comunale informa, con un comunicato, che sono allo studio le opportune procedure per ritenere responsabili i “colpevoli del fatto”, nonché la confisca dei beni, che è già stata distribuita d’urgenza al giudice di turno di Santo . Andrea.

Storico

Mercoledì scorso, le famiglie sono state rimosse dal terreno su cui si trovava l’edificio De Thien, che è parzialmente crollato ed è stato demolito nel 2018. Le famiglie dicono di aver pagato gli appartamenti, ma la città ha considerato il sito un’invasione. Hanno ricevuto 18 rate – l’ultima delle quali è stata pagata a gennaio – di aiuto all’affitto.

Il terreno che abitava De Thien sarà destinato alla costruzione di condomini da CDHU (The Housing and Urban Development Corporation), ma non c’è una scadenza per l’inizio dei lavori. Infatti, nella domanda presentata sabato dal comune, il procuratore generale si chiede se, di fatto, ci sarà tale costruzione, poiché la società pubblica è stata estinta dal governo dello stato ad aprile, come pubblicato dallo stesso Diario. Sebbene l’amministrazione abbia affermato che la politica abitativa non sarà interessata, il futuro rimane incerto.

READ  L'eliminazione di Dudu e Palmeiras attende Al Duhail che definisce il futuro dell'attaccante | palme

Nella decisione relativa al ripristino del terreno, il giudice Ana Lucia Fusaro ha stabilito che l’allontanamento delle persone sarebbe avvenuto solo quando il consiglio comunale avrebbe potuto fornire un sostegno a tutti coloro che erano stati allontanati. Senza un’anteprima del dialogo, la gente si è rifiutata di lasciare Cras. L’amministrazione comunale ha bloccato l’accesso all’interno dei servizi pubblici e dei servizi igienici, per evitare la perdita di documenti, e i residenti sono rimasti nel cortile della proprietà. Delle rivolte c’era un verbale, perché la GCM (Guardia Civile Comunale) non permetteva a chi lasciava la proprietà di portare cibo e acqua per tornare.