Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

L’immigrazione italiana a Chobradinho raccontata in un libro speciale – GAZ – Notizie da Santa Cruz du Sul e dalla regione

L’autrice Clara Louisa Montagner è stata responsabile della rappresentazione della storia degli immigrati italiani a Chopradino, Arroyo do Tigre ed Estrela Velha nel libro “150 anni di immigrazione italiana nel Rio Grande do Sul”. L’opera è composta da un cofanetto di tre volumi di oltre 1.200 pagine scritti da circa 200 autori che raccontano la storia dell’immigrazione italiana in ambiti molto diversi tra loro.

Secondo l’autore, nell’agosto 2017, l’organizzatore del libro, Adamir Antonio Paca, consulente nominato dalla Regione del Veneto, e Romeo Grande do Sul (Comverse), accompagnati dal Comitado Veneto, Caesar Augusto Presi, hanno visitato i municipi e il circolo. “Non potevano o non volevano unirsi allo sforzo. Hanno presentato questo progetto e possiamo occupare tutte le pagine che vogliamo. In quella riunione era già stato deciso che sarei stato responsabile della stesura di questo rapporto perché ho già un libro creato dall’Associata Culturale Italiana de Chopradinho (Assiso) che ho scritto, ha radici italiane e ha già una base in questa materia”, spiega.

Pertanto, secondo Clara, è stato deciso che sarebbero state quattro pagine, due pagamenti Azizo e le altre due pagine sarebbero state a carico del municipio di Chopradinho. Durante quell’incontro, l’ammiraglio Antonio Paca informò lo scrittore dell’arrivo degli italiani Arroyo du Tigre ed Estrela Velha. Per quanto riguarda la ricerca di informazioni, Clara insiste sul fatto che non è difficile perché sta conducendo ricerche in questo settore della storia e ha già fatto ricerche nei comuni preposti alla segnalazione della storia. “Avevo già fatto un libro di Estrela Velha. Arroyo do Tigre Ho molta conoscenza perché ho vissuto lì per una parte della mia vita, anche da bambina, ma ho sempre dei parenti, mia madre è di lì, figlia di italiani. Sapevo molto di Chopradinho, quindi non è stato difficile per me “, dice.

READ  L'abbigliamento maschile torna con il pubblico sulle passerelle di Milano - Internazionale

Clara sottolinea che lo scopo del libro è quello di illustrare che gli immigrati non sono solo di Serra Gaza, ma che provenivano da molti comuni: “Quando si parla di immigrati italiani, la nostra idea è dimostrare che non lo è. Serra, molte delle prime generazioni che sono venute qui erano italiane o nate in Brasile. La storia nel libro è molto breve, ma questi immigrati hanno dato un enorme contributo ai comuni qui”.

Secondo l’autore, è molto piacevole che il suo nome sia incluso in questo libro. Laureata in lettere, ma con uno spiccato interesse per la storia, Clara cercherà sempre una maggiore conoscenza. “Mi sento come se stessi compiendo una missione. A quel punto penso che saremo in grado di raccogliere più raccolti per le generazioni future, perché se lo lascio più tardi, la storia sarà ancora più difficile da recuperare per loro”, dice.

Clara sottolinea il contributo di Azizo al progetto perché l’associazione ha deciso che presto sarebbe diventato uno scrittore, dicendo che l’autore ha già tutti gli elementi e può scrivere sull’argomento. È grata per la fiducia.

L’autore sottolinea anche che Chopradinho non può essere lasciato fuori dal libro perché c’è molta cultura italiana nella storia della città: “Abbiamo Azizo, Gemmelo, Leo Aldo al centro, abbiamo tanta roba italiana”.

LEGGI ANCHE: La raccolta differenziata: un passo importante per proteggere l’ambiente

Inizia nella quarta colonia

Sabato scorso, 29, Clara ha partecipato a un evento di presentazione del libro presso l’Hotel Recondo Business presso il Recondo Maestro / Restinga Saga. All’evento hanno partecipato Filipe Dolberto, vicepresidente di Assisi, e Mario Augusto Lazari, presidente onorario di Rawat, nonché il vicesindaco, segretario alla Pubblica Istruzione, Cultura, Turismo e Sport, Chopradinho ed Evan Travison.

READ  Dove guardare, tabella e righe (05/08)
Mario Augusto Lazari, Felipe Dolberto e Clara Louisa Montagner hanno partecipato alla pubblicazione del libro in Quarta Colonia.

Orgoglio

Ingrid Hermes, direttore culturale di Chopradinho, afferma che il contributo della scrittrice Clara è incommensurabile: “È dedicata, intelligente e possiamo fidarci di tutto ciò che scrive. Per Chopradinho è un dono, è la nostra più grande invenzione “, insiste.

Ingrid dice che Chopradinho non sarebbe stato menzionato nel libro se non fosse stato per Clara. “Nel momento in cui questo progetto è stato presentato, si è subito offerto volontario per farlo. Ora siamo debitori all’Eterno Debito di Gratitudine. La Storia è grata per questo contributo. È davvero un orgoglio per il nostro Comune”.

LEGGI ANCHE: Video: Una sedia motorizzata e il sorriso di Ryan