Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

L’impollinatore “branco” sconvolge le restrizioni di New York Scienziato

Questo martedì (15) è diventato un giorno storico per New York: dopo un anno e tre mesi tra il lockdown e regole di distanziamento sociale meno draconiane, Lo stato ha finalmente raggiunto il 70% di vaccinazione (con almeno una dose) tra le persone dai 18 anni in su..

“Oggi è un giorno importante, dopo un lungo e lungo viaggio”, ha affermato il Governatore Andrew Cuomo. Ha promesso di far scoppiare fuochi d’artificio in tutto lo stato alle 21:15 come tributo ai lavoratori essenziali che, nei mesi più difficili, si sono presi New York sulle spalle.

In pratica i ristoranti non dovranno più spostare i tavoli di due metri l’uno dall’altro o utilizzare distanziatori fisici. Teatri e cinema Le stanze possono già riempirsi. Gli edifici commerciali, i parrucchieri, le palestre e i negozi non devono più misurare la temperatura a tutti coloro che entrano o escono in coda all’esterno mentre il maggior numero di clienti viene spinto all’interno. Sono sparite quasi tutte le restrizioni che si erano create con l’arrivo del Covid. Insomma, salvo poche eccezioni (come l’obbligo di indossare la mascherina in metropolitana e negli ambulatori), la vita è tornata alla normalità.

Ma in pratica quello che dice Cuomo è: almeno qui, almeno per ora, festeggiamo e…

Un anno fa, il 14 giugno 2020, New York si stava riprendendo dalla prima ondata. Era ancora il posto peggiore del mondo, l’epicentro del nuovo coronavirus: 623 nuovi casi sono stati confermati nello stato entro 24 ore e il Covid ha registrato almeno 40 morti.

All’epoca questi numeri erano impressionanti. Oggi sappiamo che peggiorerà prima di migliorare. Ieri ci sono stati 320 nuovi casi e sette decessi. L’epidemia non è ancora finita. E per chi ha I bambini di età inferiore ai 12 anni, che non possono ancora essere vaccinati, persistono nella paura e nell’insicurezza.

Ma è innegabile: New York ha aperto i battenti. La metropolitana è tornata al servizio 24 ore su 24 il mese scorso. Bar e ristoranti funzionano al 100% e non devono chiudere prima di mezzanotte. Tornano i concerti, gli spettacoli e gli stadi.

Sfortunatamente, la celebrazione è ancora agrodolce. Oggi ha attraversato gli Stati Uniti 600.000 morti per Covid. Più di 300 persone muoiono ancora nel paese ogni giorno a causa del nuovo coronavirus. Cinque volte più incidenti stradali. In almeno dieci stati il ​​numero di nuovi casi è nuovamente aumentato mentre è diminuita la velocità delle vaccinazioni.

Forse è per questo che, anche a New York e negli altri 14 stati dove è già stato vaccinato più del 70% degli adulti, le persone fanno fatica a smettere di indossare le mascherine.