Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Lo sceicco ammette di essere stato danneggiato e dice che un membro dello staff tecnico di Corinthians dovrebbe essere licenziato

Emerson Sheik ha lavorato come coordinatore calcistico del Corinthians nel 2019, ma ha chiesto di partire all’inizio di novembre di quell’anno dopo alcuni problemi interni e anche perché il suo nome è stato menzionato durante la protesta dei tifosi.

partecipare a tavolo a forma rotondaDare Gazzetta TVE l’ex attaccante ha rivelato, domenica, la sua tristezza per il modo in cui è stato trattato da alcune persone all’interno del club, e ha detto che Mauro da Silva doveva lasciare il Corinthians.

Mauro è conosciuto come Van Basten. È osservatore tecnico nel Comitato Tecnico Permanente e, come atleta, ha fatto parte della squadra del Corinthians, campioni del Brasile nel 1990.



Altri video in
videos.gazetaesportiva.com

“Quando dico che credo in Doilio, è perché Doilio conosce molto bene le persone che sono là fuori che devono andarsene. E ci sono ancora persone che devono lasciare il club”.

“Mauro è un nome che deve apparire. Continuo a non capire il suo ruolo in Corinthians. Mauro è un nome che deve apparire”. Oh, ma è carino, è un amico. “Vai nei club. Lì è il posto di lavoro, non vedo Mauro, da tanti anni, che si aggiunge alla crescita del Corinto”.

“Ad esempio, un membro dello staff è partito da Corinthians e ha occupato lo stesso posto di Mauro, e questo professionista, quasi, ha preso tutti i ragazzi che sono passati dalla base al professionista. Partirà, ne sono abbastanza sicuro, e occuperà il stesso ruolo di Mauro. E la mia domanda è: cosa ci fa lui (Mauro) lì? Non subentra (come allenatore). Quando ha bisogno di un timer, non lo fa, non subentra e poi assumono qualcuno delle risorse umane per prendere il posto di Corinthians, ma non inseriscono Mauro.”

READ  Gabriel Medina è l'eroe di Naraben. Tate Weston Webb occupa il secondo posto | Il mondo del surf

Nell’attuale divisione calcistica del Timão, lo stesso ruolo di Mauro da Silva è interpretato da Alisson Marins, che in realtà ha lavorato alla base del club fino al 2017. Ha trascorso alcuni mesi lontano ed è tornato sotto la gestione di Andres Sanchez per lavorare con i professionisti.

“Mi è stato chiesto un nome, dico 10. Alcuni sono già partiti, e spero che escano di più, perché vedo Corinth in futuro tra due o tre anni”.

Mauro da Silva è spesso chiamato ad aiutare i tecnici provvisori (Foto: Ag.Corinthians)

chi altro?
Emerson Elder ha anche sottolineato di aver chiarito chi fossero le persone di cui si fidava e credeva a Corinto.

“Ho sempre avuto un rapporto molto bello con Andres, era un uomo importante per me, proprio come Duilio, pochi sanno, ma Duilio è stato quello che mi ha portato al Corinthians, che mi ha assunto, ho sempre avuto un ottimo rapporto con Andres e Duilio, ma le persone Sotto Andrés e Duilio non li inviterei a venire a casa mia. Non li ho mai invitati, ma sono persone che non hanno la carta verde per entrare in casa mia, non Non voglio che si avvicinino di nuovo a me, non aggiungono nulla di quanto siano simpatici e professionali.”

Nel 2019, oltre ad Andres Sanchez e Dolio Montero Alves, Sheikh è stato in contatto con il vicedirettore Jorge Khalil e Edo Ferreira, nonché con il direttore Felson Menezes. Il terzetto fu escluso dall’amministrazione guidata da Duilio.

“Alessandro, Alex, Danilo, oggi credo molto in questi professionisti là fuori, nel potenziale di Danilo come allenatore, penso che abbia una grande presa, ha tutto per alzarsi un giorno e prendere il comando della squadra principale, questa non è la tempo ancora. Ma i Corinzi sono in buone mani.” : Duilio come capo, Alessandro, Roberto, Alex alla base. Adesso, il resto, prepara un pacco e sbarazzati di tutto. Butta tutto, perché non ne verrà fuori niente .”

READ  Dopo un periodo frustrante al Tricolore di Pici, Nem è vicino alla chiusura con la squadra di Serie B

danno
Alla domanda sui dolori che porta ancora per il suo tempo al Parque São Jorge come regista, Emerson Sheik ha mantenuto il suo tono critico.

“Cercherò di rispondere in un modo che non sembri male e non mi addolori. Contrariamente a quanto mi hanno fatto, e lo hanno fatto, cercherò di parlare educatamente, e più educatamente, sottolineando quanto caro Sono ovunque sono stato”.

“Ovviamente non ero d’accordo su alcune cose, vedevo come sempre, ho un carattere molto forte, e c’erano cose con cui non ero d’accordo. Indipendentemente da chi era vicino in quel momento, anche io non ero d’accordo. condividere situazioni, nel mio modo di vedere ignorante e con la mia inesperienza.Nella posizione di coordinatore calcistico, penso che ci fossero molte persone che non hanno aggiunto nulla alla Fondazione Corinthians, che erano lì solo per succhiare e fare soldi dal club”.

“Ho fatto tutta la mia carriera nello sport, nel calcio. La parte che ho adottato dopo l’addio al promotore è stata quella di non restare a casa senza fare nulla. Sì, ero un po’ seccato, un po’ deluso da alcune persone, e ho Ho sempre sentito il mio incantesimo nella vita, quelli che si preoccupano di muoversi, sono uscito dalla porta e sono entrato più volte, attraverso la parte anteriore, ma sono stato infastidito da alcune situazioni che sono accadute all’interno del club”.

In tre periodi con il Corinthians come giocatore, Emerson Sheik ha vinto titoli: Paulista (2013 e 2018), brasiliano (2011 e 2015), Libertadores (2012), Club Mundial (2012) e Recopa Sud Americana (2013).

Con due gol e un assist alla finale Libertadores 2012, l’ex maglia numero 11 è entrata per sempre nella storia del Corinthians.

READ  Scopri dove guardare la decisiva partita tra Corinthians e Inter de Limeira al Campeonato Paulista

Lascia il tuo commento