Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

L’omicidio di un giovane brasiliano scatena le proteste contro l’omofobia in Spagna

Il giovane assistente infermieristico Samuel Luis Muniz, 24 anni, è stato brutalmente picchiato a morte nelle prime ore da venerdì a sabato ad A Coruña, in Spagna, in un caso che ha scatenato un’ondata di proteste contro l’omofobia nel paese.

La polizia sta indagando se la morte del giovane – che secondo la stampa spagnola sarebbe di origine brasiliana, ma arrivato in Spagna all’età di 1 anno – sia stato un crimine d’odio, come indicato dalle testimonianze.

Il delitto è avvenuto davanti a una discoteca, la seconda notte che A Coruña ha aperto le sue discoteche fino alle prime ore del mattino. Il giorno prima, anche Samuel era uscito, godendosi l’arrivo dell’estate.

Secondo Lina, l’amica di Samuel che ha assistito al crimine, ha riferito al quotidiano spagnolo El Mundo, la coppia ha lasciato la discoteca poco prima delle 3:00 per fumare e fare una videochiamata con l’amica di Lina Vanessa.

Leggi di più: Mantenere la salute mentale è una sfida per le persone LGBT

Ma a un certo punto della conversazione, sono stati intimiditi da un giovane che camminava con una donna e si è lamentato di essere stato fotografato. Mentre stavano cercando di spiegare che stavano conversando, Samuele fu minacciato:

“O smetti di registrare o ti uccido, frocio”, ha detto Lina a El Mundo, ricordando gli episodi.

Notazione audio: LGBTQIAP+…Un’alleanza di 52 anni in difesa della diversità

Inoltre, secondo il testimone, Samuel ha avuto solo il tempo di rispondere con “Cosa stai facendo omo?” , prima di attaccarlo con un forte pugno. Lina e un giovane sconosciuto sono riusciti a separare l’aggressore e a fermarlo.

READ  Incidente al parco divertimenti un morto e 3 feriti | Scienziato

Tuttavia, pochi minuti dopo, torna con un gruppo numeroso stimando Lina in 12 persone. Si dice che questo gruppo abbia picchiato a morte Samuel, urlando come “il dannato pervertito”. Allora scappa. Le squadre di soccorso hanno cercato di salvarlo per due ore senza alcun risultato.

Politica: La destra vince le elezioni a Madrid con retorica anti-quarantena, sconfiggendo la carica di Primo MinistroS

Il padre di Samuel, Maxwood Louise, ha lasciato una lettera scritta ringraziando i servizi sanitari “per tutto lo sforzo”, esprimendo l’angoscia della famiglia per aver “rimosso l’unica luce che abbia mai illuminato le nostre vite. Sappiamo che abbiamo ancora molta strada da fare; saremo supportati dalla nostra famiglia, amici e colleghi che ci aiuteranno a uscire da questo percorso oscuro”.

La polizia sta indagando sul caso, ma non ha ancora confermato alcun arresto. Il rappresentante del governo galiziano, Jose Menones, ha affermato che la polizia agirà “con assoluta cautela e segretezza”, senza confermare l’ipotesi omofoba, ma senza escluderla.

“Siamo in un momento cruciale delle normali procedure in cui ottenere certificazioni e dettagli sono molto importanti”, ha spiegato.

Migliaia di persone hanno protestato a Barcellona chiedendo giustizia per Samuel Luiz. Foto: NACHO DOCE / REUTERS

Il caso, che si è verificato nel bel mezzo della Pride Week, ha scosso il paese e lunedì migliaia di persone si sono radunate in diverse città, da Madrid ad A Coruña. Sui social sono stati pubblicati messaggi di solidarietà con l’hashtag #JusticiaParaSamuel.

Anche la classe politica spagnola ha reagito. “Tutto il mio amore e sostegno alla famiglia e agli amici di Samuel. E tutte le mie convinzioni su questo crimine d’odio. Vogliamo un paese libero dalla violenza in cui tutti si sentano liberi per quello che sono. Lascia che #JusticiaParaSamuel lo faccia”, ha scritto il ministro dei Sociali. Diritti e segretario generale del partito di sinistra Vamos, Ioni Pillara.

READ  Covid in India: 3.600 vittime, lo Stato batte il record di morti in un giorno Corona virus

Il ministro per le Parità, Irene Montero, le ha inviato la sua “emozione in questi tempi difficili”: “Dobbiamo costruire tra tutti noi una società più libera, in cui non si lascia spazio all’odio”, ha sostenuto.

L’organizzazione Avante LGTB+, che ha indetto gli incontri, ha invitato i social media a “chiarificare se si trattasse di un omicidio omofobico, come indicato da testimoni oculari”.