Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Luso-Camera di Commercio Italiana punta ad avvicinare Italia e Portogallo – Luso-Camera di Commercio Italiana

UN Luso-Camera di Commercio Italiana (CCLI) è quello di contribuire allo sviluppo delle relazioni commerciali, di investimento e di cooperazione tra Italia e Portogallo e di ampliare le opportunità di business per una rete di partner.

Shanti Sianci, Presidente della Camera di Commercio Luso-Italiana, in un’intervista affronta le sfide e gli obiettivi dell’azienda, al servizio delle imprese dal 1916.

Quanti membri sono iscritti all’associazione?

Attualmente abbiamo circa 250 aziende registrate portoghesi e italiane che godono della rete privilegiata in cui abbiamo sviluppato meccanismi per promuovere il business.

È un mandato per il trio 2021-2023 alla presidenza della Ccli. Quali sfide affronti?

Sebbene CCLI sia un’organizzazione senza scopo di lucro, i servizi che offriamo, gli eventi e i progetti che realizziamo ci mantengono sul mercato. Quindi, da questo punto di vista, le nostre sfide sono simili a quelle di altre aziende che hanno bisogno di innovarsi di fronte alle sfide epidemiche: essere competenti nel creare e implementare servizi e programmi di maggior valore, sia in Italia che in Portogallo.

Quali obiettivi vi siete posti per la Camera di Commercio in questi tre anni?

I nostri obiettivi per questo periodo includono il passaggio a una presenza più digitale per CCLI senza perdere il valore del contatto diretto con i nostri clienti e l’aumento delle operazioni nel nord del Portogallo attraverso una delegazione esistente a Porto. Un altro aspetto importante del nostro sviluppo è espandere le nostre operazioni in settori focalizzati sull’innovazione: nuove tecnologie utilizzate nell’industria, tecnologie digitali per migliorare i processi aziendali e tecnologie applicabili alla protezione della salute e dell’ambiente, collegando le grandi aziende con le startup.

Nel 2010 l’Italia è stato l’8° mercato per le esportazioni di merci portoghesi. Nel 2019 è salita al 6° posto come mercato di riferimento per l’export nazionale. Qual è questo sviluppo?

Tale crescita è dovuta alla maggiore vicinanza tra i due Paesi, in quanto l’interscambio commerciale, in generale, ha registrato un aumento significativo (+44%) tra il 2010 e il 2019. A causa dell’enorme aumento dei collegamenti aerei disponibili tra i due paesi, una vicinanza e una relazione culturale già esistenti si sono fuse in una più ampia vicinanza “fisica”. Come trading board, siamo spesso consapevoli delle dinamiche “decisionali” dei nostri partner commerciali, quindi sappiamo che questo fattore, in pratica, ha un’influenza sensibile, oltre ai fattori più evidenti legati alle dinamiche di mercato.

READ  L'Italia mantiene lo "stile italiano" spagnolo, vince i rigori e azzera l'euro - 06/07/2021 - Sport

In effetti, la performance portoghese ha contribuito in modo significativo all’aumento del fatturato commerciale negli ultimi anni, con le esportazioni portoghesi in Italia che sono aumentate in media del 14,2% nel periodo 2015-2019. Le importazioni dall’Italia, nello stesso periodo, sono aumentate in media del 6%. Di conseguenza, nel 2018, l’Italia è passata al 6° posto dopo aver rappresentato per molti anni l’8° Paese cliente del Portogallo.

Quali settori funzionali hanno maggiormente contribuito a questo sviluppo?

I settori principali per questa crescita nella vendita di merci dal Portogallo all’Italia sono principalmente l’industria automobilistica e alimentare.

Questi articoli in etichetta, insieme a “macchinari e macchinari” e “tessile e abbigliamento”, rappresentano attualmente oltre il 50% delle esportazioni di merci portoghesi verso l’Italia. Tuttavia, i prodotti del settore automobilistico e alimentare hanno registrato i maggiori cambiamenti anno su anno: +335% per i veicoli e +206% per i prodotti dell’industria alimentare tra il 2010 e il 2019.

La grande variazione in termini di veicoli si spiega principalmente con l’esportazione di alcuni nuovi modelli Volkswagen realizzati nell’Autorepa di Pamela.

E nella direzione opposta? Che ruolo ha il Portogallo nel mercato estero italiano e come si è sviluppato questo rapporto commerciale nell’ultimo decennio?

La bilancia commerciale tra i due Paesi è da molti anni favorevole all’Italia. Nel 2020, l’Italia è diventata il quinto fornitore del Portogallo.

Che impatto ha avuto l’epidemia sui rapporti commerciali tra i due Paesi?

Impatto significativo sui rapporti commerciali: un calo del 12,1% del valore totale delle esportazioni dal Portogallo verso l’Italia e un calo del 13,7% delle esportazioni dall’Italia al Portogallo. In termini di transazioni commerciali totali, abbiamo registrato una crescita del 44,3% nel periodo pre-epidemia negli ultimi 10 anni (dal 2010 al 2019). Nello stesso periodo, le esportazioni portoghesi sono quasi raddoppiate, passando da 37,37 miliardi a 6,68 miliardi.

Con l’inizio della normalizzazione dell’attività economica, come recuperare investimenti ed esportazioni tra Portogallo e Italia? Aumenta alla stessa velocità in entrambe le direzioni?

Per quanto riguarda gli investimenti, l’evoluzione può essere studiata solo alla fine dell’anno perché è un flusso lento. In termini di transazioni commerciali, i numeri mostrano una ripresa nella prima metà del 2021, anche se l’epidemia continua. Le esportazioni totali accumulate nei primi quattro mesi del 2021 indicano già che l’anno si chiuderà con numeri simili al 2019 e in alcune categorie di prodotti, ad esempio, il valore delle esportazioni portoghesi nel segmento dei trasporti raggiungerà un valore superiore a quello registrato nel 2019.

READ  Federazione Italiana Sport Equestri

Quali diverse iniziative promuove CCLI per aumentare il proprio potenziale di innovazione e aumentare la propria catena del valore?

Abbiamo compreso il valore del networking tra i nostri partner e per questo motivo abbiamo sviluppato un veicolo di comunicazione chiamato Vitrin Dos Associates, attraverso il quale promuoviamo i prodotti ei servizi dei nostri partner e promuoviamo il business tra le aziende. Inoltre, attraverso una seria e proficua collaborazione con l’Ambasciata d’Italia a Lisbona, abbiamo condotto negli ultimi mesi una serie di webinar informativi con argomenti di interesse per le aziende portoghesi e italiane. Questi webinar hanno sempre avuto una pagina di generazione di business. Un grande esempio che abbiamo fatto a marzo è stato quando abbiamo presentato cinque aziende italiane che si oppongono al Covit-19 per produrre tecnologie innovative.

Quali nuovi mercati guidano le operazioni di CCLI?

Siamo molto attenti agli obiettivi proposti dalla Commissione Europea, che hanno portato alla preparazione di un piano di recessione e ripresa per il Portogallo, privilegiando alcune aree strategiche, ovvero le tecnologie finalizzate alla trasformazione digitale, alla ristrutturazione e all’ambiente e alle energie rinnovabili. In questo senso, abbiamo sviluppato due progetti specifici, Tech Challenges e Horizon Europe 2021, che mobilitano le aziende di questi segmenti.

Quanto è importante il piano Harrison 2021 per l’evoluzione della competitività dell’economia europea?

Il progetto European Horizon è importante perché contribuisce ad accelerare la trasformazione verde e digitale, contribuendo a una ripresa sostenibile dalle epidemie e alla recessione dell’UE contro le crisi future. L’importo totale da investire in progetti approvati è di 0,7 14,7 miliardi nel periodo 2021-2022.

CCLI sta preparando un evento il 7 luglio sui nuovi meccanismi del progetto Horizon Europa. In cosa consisterà l’evento?

READ  Covit-19 in Italia: la campagna vaccini si rivela un "disastro" in Lombardia

Il nostro obiettivo è aumentare la partecipazione delle aziende portoghesi e italiane, delle istituzioni di ricerca e educative nel consorzio creato per realizzare progetti finanziati con queste risorse europee. Il contenuto dell’evento è stato generato dal feedback che abbiamo ricevuto dalle aziende e organizzazioni partner e membri del CCLI, che, in risposta al breve questionario, hanno identificato quali dipartimenti sono interessati ea quali vorrebbero affrontare il webinar.

Ospiteremo una presentazione della società italiana Enco Consulting, che sta partecipando a 19 progetti attualmente finanziati dalla Commissione Europea attraverso la sua sede a Bruxelles, tre dei quali sono project leader. Questo sarà un evento molto istruttivo. Le iscrizioni sono ancora aperte.

Chi può partecipare a questo evento?

Possono partecipare tutte le aziende, indipendentemente dal settore in cui opera e dalle sue dimensioni. La registrazione è gratuita e si effettua tramite il sito. http://www.ccitalia.pt/horizon21.

Un altro passo per lo sviluppo del business sono le sfide tecniche che CCLI crea a questo proposito sono le sfide iniziali. In cosa consiste questa iniziativa?

Basato sul concetto di open innovation, Technology Challenges è un progetto innovativo della Camera di Commercio Luso-Italiana. Attraverso questo progetto creiamo un ponte di collegamento tra la realtà di una grande azienda alla ricerca di soluzioni innovative con start up italiane e portoghesi.

In questa prima edizione, Ceda Ibarica, filiale della multinazionale italiana Ceda International Packaging Group, uno dei principali attori nel settore del packaging, presenterà le sfide tecniche che devono affrontare la startup italiana e il pubblico portoghese attraverso un webinar il 21 luglio. . Nella seconda fase del progetto, le start-up potranno presentare i propri progetti all’azienda in incontri privati ​​che si terranno online il 3 e 4 agosto.

Chi può partecipare a questa sfida?

Aziende che sviluppano soluzioni tecnologiche per il settore, siano esse start-up o meno. Le iscrizioni sono aperte e possono essere effettuate gratuitamente tramite il sito web http://www.ccitalia.pt/techchallengees.