Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Marta ispira un film che vuole essere un modello per superare le difficoltà attraverso lo sport لال

Victoire Kojvina, 29 anni, portavoce delle Nazioni Unite per l’uguaglianza di genere nel calcio, è in Portogallo, a Porto, su invito della UEFA, per partecipare alla finale di Champions League, tra Chelsea e Manchester City, e ha evidenziato Marta Silva, eletta sei volte il miglior giocatore del mondo, “per fare un esempio”.

L’attaccante brasiliano, che è anche ambasciatore delle Nazioni Unite per lo sport, è il volto più informativo del cortometraggio realizzato nell’ambito di un progetto per le Nazioni Unite in Brasile, la cui uscita è prevista per novembre, secondo Victoire Cogevina.

“La storia che andremo a raccontare non è la storia di Marta, ma può essere la storia di tante ragazze e di come possono nascere opportunità attraverso lo sport”, ha affermato l’ex manager giocatore e fondatore del social network Gloria dedicato esclusivamente al calcio. ..

Secondo Cogevina, come Marta Silva, conosciuta in tutto il mondo, “lo sport può essere uno strumento con cui guadagnare uno stipendio e andare avanti”.

Il produttore ha sottolineato che per veicolare il messaggio e renderlo più accessibile si è cercato di raccontare una storia “in modo coinvolgente, in cinque minuti, con contenuti forti”.

“È il percorso di una ragazza sconosciuta e vi racconteremo come quella ragazza è uscita dal contesto della violenza domestica ed è diventata una professionista dello sport, attraverso il quale si è emancipata. È un esempio per le ragazze brasiliane e per tutte le donne”, Victoire Cojvina ha detto a Lusa.

L’imprenditore tecnologico argentino e greco, che vive negli Stati Uniti, è stato anche il produttore esecutivo di “Nando”, che è stato selezionato per essere proiettato a giugno al Tribeca Festival di New York.

READ  Corinthians x Peñarol-URU: Possibile allineamento, assenza e posizione da vedere

Dello stesso regista “Uma Vitoria Leva Otra”, Alec Cutter, “Nando” narrato dall’attore e cantante brasiliano Su Jorge racconta la storia di un bambino di dieci anni che vive in una favela di Mangueira, vicino al Maracana, ma che ha mai visto una partita Proprio all’interno del leggendario stadio di Rio de Janeiro e un giorno aspira a giocare in quello stadio.

“Mi sono innamorata del progetto quando l’ho visto”, ha detto Victoire Cogivina del film, prodotto anche dal difensore della nazionale brasiliana Dani Alves.

Victoire Kojvina, figlia di un ambasciatore greco e di una madre argentina, ha detto di vivere in 11 città. “Il calcio è stata una costante nella mia vita”, ha detto la cheerleader, che non era una giocatrice prima, ma afferma di essere impegnata a dare uno spettacolo più grande al calcio femminile, che crede abbia un grande potenziale, in particolare in termini di pubblicità.

L’imprenditrice possiede la piattaforma Gloria, dedicata esclusivamente al calcio, in fase di sperimentazione, con duemila utenti sparsi nei cinque continenti, “metà uomini, metà donne”, che “sarà disponibile sul mercato fino alla fine dell’anno”.

Il nuovo social network si rivolge a giocatori, professionisti, dilettanti, club, tifosi e all’intera community interessata allo sport, con la possibilità di creare community tematiche su vari argomenti, dallo scambio di carte alla discussione su uno specifico giocatore o logo.

Come giocatore manager, Victoire Kojvina ha riconosciuto il desiderio di molti giovani di voler avere l’opportunità di mostrare le proprie capacità, la piattaforma sta inoltre sviluppando funzionalità tecnologiche che consentono non solo di condividere talenti o abilità, visti da un’ampia comunità calcistica, ma anche identificare tratti e caratteristiche che possono, in particolare, interessare i club, a seconda delle loro esigenze.

READ  Lorena Improta parla del motivo per cui è finita con Léo Santana

“Non è difficile pensare che il prossimo Messi o Cristiano del futuro possa essere trovato su Internet”, ha detto Kojvina.

Secondo la fondatrice del social network dedicato allo sport, “Gloria è uno spazio digitale dove puoi vivere la tua passione per il calcio”, ha detto.

Nello spazio di condivisione, ma che vuole essere molto di più, il calcio è il denominatore comune tra gli utenti.