Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Morti in Colombia: capire come il proposto aumento delle tasse abbia innescato un’ondata di proteste nel paese | Scienziato

Nei sei giorni di protesta, almeno 18 civili e un agente di polizia sono stati uccisi durante le proteste a Colombia. un Organizzazione delle Nazioni Unite Le Nazioni Unite hanno condannato, martedì 4, l ‘”uso eccessivo della forza” nel Paese e un ministro si è dimesso. Sui social media sono presenti video e foto di azioni violente della polizia colombiana.

La crisi della violenza è iniziata il 28 aprile, quando si è svolta la prima protesta contro la riforma fiscale del governo.

Il governo ha presentato il piano al Congresso il 15 aprile come misura per finanziare la spesa pubblica.

Le Nazioni Unite condannano la repressione delle proteste antigovernative in Colombia

Il progetto ha ricevuto critiche dall’opposizione politica e dagli alleati del presidente Evan Duque. Ben presto, il malcontento si diffuse tra la popolazione.

I lavori stradali sono iniziati a metà della scorsa settimana. I manifestanti hanno affermato che la riforma fiscale punirebbe la classe media con misure come l’aumento dell’imposta sul valore aggiunto su beni e servizi.

I sindacati, gli studenti, gli indigeni, l’opposizione e altre organizzazioni della società civile sono scesi nelle strade delle principali città del paese: è stato a Cali che sono stati segnalati più casi di abusi. Ci sono state proteste anche a Bogotà e Medellin.

Il governo ha ordinato il dispiegamento di personale militare in alcune città.

Diciotto civili e un agente di polizia sono stati uccisi dall’inizio delle proteste contro la riforma fiscale il 28 aprile, secondo un rapporto dell’Ufficio del Difensore civico.

Non c’è consenso sul numero di morti a causa delle violenze nelle proteste. L’ufficio del pubblico ministero del paese ha detto che stava indagando su 14 morti violente. Un gruppo locale per i diritti umani ha detto che ci sono stati più di 20 morti.

Migliaia di persone stanno protestando in Colombia contro il progetto di riforma fiscale

Migliaia di persone stanno protestando in Colombia contro il progetto di riforma fiscale

Il governo attribuisce la violenza all’opposizione

Il ministro della Difesa Diego Molano ha attribuito le violenze solo a chi ha partecipato alle manifestazioni. Secondo lui, Queste azioni sono state premeditate, organizzate e finanziate da gruppi scissionisti delle FARC che hanno rotto l’accordo di pace firmato nel 2016..

Sotto pressione, domenica (2) Duque ha ordinato il ritiro della proposta di riforma fiscale che era stata messa in discussione al Congresso. Un grande settore ha rifiutato il progetto rivolto in particolare alla classe media.

Il presidente ha proposto di mettere in atto un nuovo progetto che ignora i principali punti di contesa: aumentare le tasse su servizi e beni e ampliare la base dei contribuenti con l’imposta sul reddito.

La veglia si è svolta domenica a Cali (2) in onore delle vittime delle proteste in Colombia – Foto: Luis Robayo / AFP

Domenica (2) il presidente Ivan Duque ha annunciato il Ritiro della proposta di riforma fiscale.

Il ministro delle finanze colombiano Alberto Carrasquilla ha rassegnato le dimissioni lunedì (3).

“Il mio governo continuato renderà difficile costruire il consenso necessario in modo rapido ed efficiente”, ha detto Carrasquilla in una dichiarazione. Il presidente Duque ha annunciato che sarebbe stato sostituito dall’economista Jose Manuel Restrepo, l’attuale ministro del Commercio.

Evan Duque durante un annuncio sul ritiro del progetto di riforma fiscale, 2 maggio 2021 – Foto: Divulgazione / Presidenza della Colombia / via Reuters

A Ginevra, la portavoce dell’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Marta Hurtado, ha affermato che l’agenzia “era preoccupata per gli eventi accaduti nella città colombiana di Cali, ieri sera, quando la polizia ha aperto il fuoco sui manifestanti. protestando contro la riforma fiscale, uccidendo e ferendo diverse persone, secondo le informazioni.

Hurtado ha anche chiesto la calma in un nuovo giorno di proteste in programma mercoledì.

“Il nostro ufficio in Colombia sta lavorando per verificare il numero esatto delle vittime e determinare le circostanze di questi orribili incidenti a Cali”, ha detto Hurtado.

La portavoce ha aggiunto che “i difensori dei diritti umani hanno anche riferito di essere stati oggetto di persecuzioni e minacce”.

Hurtado ha insistito sul fatto che “data la situazione estremamente tesa, con soldati e polizia schierati per monitorare la protesta, chiediamo calma”.

“Ricordiamo alle autorità statali la loro responsabilità di proteggere i diritti umani, compreso il diritto alla vita e alla sicurezza personale, e di facilitare l’esercizio del diritto alla libertà di riunione pacifica”, ha aggiunto la portavoce.

Ha sottolineato la necessità che i responsabili dell’attuazione della legge rispettino i principi di legalità, precauzione, necessità e proporzionalità durante l’osservazione delle manifestazioni.

Hurtado ha concluso che “le armi da fuoco possono essere utilizzate solo come ultima risorsa di fronte a una minaccia imminente di morte o lesioni gravi”.

Guarda i video più visti di G1