Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Non fare un vaccino con una penna Flag Hour

La catena di produzione del vaccino Pfizer inizia in uno stabilimento nel Missouri, negli Stati Uniti. Lì, sono immagazzinati plasmidi – frammenti circolari di DNA – che contengono le informazioni genetiche per la proteina S, da SARS-CoV-2. Per avviare la produzione del vaccino, il plasmide viene sciolto e replicato nei batteri. I batteri sono vere fabbriche: producono di tutto, dall’insulina umana e gli enzimi del formaggio ai vaccini.

saperne di più: Guarda come si sta diffondendo l’epidemia di Covid-19 nel tuo caso

I fermentatori da 300 litri, pieni di batteri, generano trilioni di plasmidi, che verranno estratti, purificati e tritati, lasciando solo il DNA che servirà da modello per l’mRNA che va nella dose del vaccino.

Per produrre mRNA, Pfizer ha due opzioni: un impianto in un’altra parte degli Stati Uniti o uno stabilimento in Germania.

L’mRNA già pronto deve ora essere trasferito in un’altra fabbrica, dove verrà “confezionato” in una capsula adiposa che lo proteggerà fino a quando non entrerà nella cellula della persona da vaccinare. Ci sono due strutture nel mondo che forniscono questo servizio per Pfizer: una nel Michigan (USA) e una in Belgio. Dopodiché, un altro viaggio, verso la destinazione, dove il vaccino verrà confezionato e confezionato su ghiaccio secco. Ogni scatola contiene cinque vassoi da 195 tazze di polline contenenti 20 kg di ghiaccio secco.

Altezza: Lo stato di Rio registra il suo record di casi di Covid-19 entro 24 ore dalla diffusione dell’intera epidemia

Altri vaccini basati sulla tecnologia più recente, come Novavax, per le proteine, richiedono procedure complesse che solo poche aziende al mondo hanno le competenze e le attrezzature per eseguirle in modo sicuro ed efficiente. Ogni fase include anche un rigoroso controllo di qualità.

READ  I lavori di ristrutturazione degli spazi dovrebbero iniziare entro 120 giorni, afferma il segretario del SISEP

Rompere il brevetto su questi vaccini non installa magicamente queste attrezzature e competenze nei paesi in via di sviluppo, insieme all’accesso a input e tecnologie ausiliarie che garantiscono la capacità di produzione.

Ad esempio, Novavax ha firmato un contratto di trasferimento di tecnologia con la società farmaceutica giapponese Takeda, che non ha ancora avviato la produzione perché il trasferimento di tecnologia e la sufficienza dell’impianto richiedono troppo tempo. Moderna ha chiarito che non addebiterà commissioni sulla proprietà intellettuale e non stiamo vedendo il mercato inondato di farmaci Moderna.

formazione scolastica: Con il doppio della popolazione studentesca, le università federali hanno lo stesso budget per il 2004 e potrebbero fermarsi a luglio

Per i paesi che hanno già una grande industria di vaccini comprovata, come Cina e India, la violazione dei brevetti può essere vantaggiosa, ma al momento, la capacità di questi paesi è già stata presa dai loro contratti di produzione e licenza. In Brasile, coloro che avranno la capacità di produrre alcuni di questi vaccini multinazionali saranno Botantan e Bio-manguinhos, già impegnati in CoronaVac, Butanvac e Oxford / Astrazeneca.

Per i vaccini genetici, ci manca la capacità di produrre in serie. Potremmo anche avere fermentatori batterici, ma per quanto riguarda gli altri passaggi? Purificazione dell’MRNA? Produzione di imballaggi grassi?

Mutazione P1: A Rio de Janeiro è stato identificato un nuovo tipo di coronavirus

La violazione dei brevetti può e deve essere discussa come una strategia a lungo termine per evitare carenze in futuro. Ma non è correlato all’emergenza attuale. I colli di bottiglia della produzione sono tecnici, industriali e non legali. I vaccini non possono essere fatti con una penna, è imperativo investire nella scienza, nello sviluppo e nell’industria.

READ  Firma di un accordo tra Brasile e Israele