Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Obiettivo vaccinale dell’OMS minacciato, il Brasile potrebbe essere colpito – 17/05/2021

Con i vaccini concentrati in alcuni paesi ricchi, l’Organizzazione mondiale della sanità riconosce che è improbabile che il meccanismo istituito per distribuire le dosi in tutto il mondo sia in grado di soddisfare il piano di fornitura originale nei paesi in via di sviluppo per maggio e che il suo obiettivo per il 2021 è minacciato.

La crisi potrebbe colpire il Brasile. Il vertice dell’OMS sta cercando di garantire 4 milioni di nuove dosi di vaccini AstraZeneca per il paese tra la fine di maggio e l’inizio di giugno, oltre ad altre 800.000 dosi di Pfizer. Ma non c’è ancora una data confermata.

Tedros Ghebreyesus, direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, stima che a partire da giugno la distribuzione nel mondo sarà di 190 milioni di dosi inferiore al previsto. Secondo l’UNICEF, finora sono stati inviati 65 milioni di vaccini in oltre 130 paesi. Ma l’obiettivo era che la distribuzione totale di questa settimana raggiungesse i 170 milioni.

Nel caso del Brasile, aprile ha già visto un ritardo nelle consegne di vaccini. Ma all’inizio di maggio è arrivata nel Paese una spedizione di 4 milioni di dosi. Il Brasile ha aderito al meccanismo internazionale, dopo esitazioni da parte dell’ex cancelliere Ernesto Araujo. Quando il Paese ne è entrato a far parte, il governo ha acquistato 42 milioni di dosi, che saranno consegnate entro la fine del 2021.

Ma la crisi non riguarda solo il Brasile. La concentrazione di vaccini nei paesi ricchi e le barriere all’esportazione in India di fronte alla crisi sanitaria interna hanno causato un terremoto nel processo di distribuzione. Gran parte dei vaccini robotici internazionali, noti come Covax, proverranno da AstraZeneca e sono prodotti dal Serum Institute in India.

READ  Un missile cinese incontrollato cadrà a terra sabato in un luogo sconosciuto

Il governo di Nuova Delhi ha iniziato a vietare l’esportazione di dosi, vista l’entità dell’epidemia nel Paese. Ciò, in termini pratici, significa che Covax viene tagliato di 140 milioni entro maggio e potrebbe subire un ulteriore ritardo di 50 milioni a giugno.

Nel caso brasiliano, la fornitura proverrà dalla Corea del Sud. Ma con la carenza globale di fronte allo scoppio dell’epidemia in India, c’è pressione per reindirizzare parte delle dosi coreane verso paesi che non hanno altro tipo di fornitura.

Dei 130 paesi che hanno beneficiato di Covax, almeno 30 dipendono esclusivamente dall’Organizzazione mondiale della sanità per immunizzare le loro popolazioni.

Bruce Aylward, rappresentante dell’OMS per i vaccini, la verità è che l’obiettivo di vaccinare il 20% della popolazione nei paesi in via di sviluppo entro il 2021 è minacciato. “Non siamo in questa fase”, ha detto. Secondo lui, anche se l’agenzia avesse dei fondi, non ci sarebbe modo di acquistare pozioni. “L’obiettivo è attualmente minacciato”, ha dichiarato.

Aylward pensa che questo scenario possa essere invertito. Secondo lui, i paesi ricchi sono in grado di vaccinare le loro popolazioni e stanno ancora rilasciando dosi per ridistribuirle ai paesi più poveri. L’agenzia stima che i paesi europei, gli Stati Uniti e il Giappone potrebbero rilasciare 153 milioni di dosi dalle sue scorte se rinunciano solo al 20% dei loro acquisti già per giugno, luglio e agosto.

L’OMS chiede inoltre, dopo numerose promesse da paesi che hanno vaccinato in massa la propria popolazione, che i governi inizino a tradurre le donazioni in realtà. Questo, secondo l’agenzia, dovrebbe avvenire entro poche settimane. Aylward ha avvertito: “Non abbiamo mesi da aspettare”.

READ  La minaccia di eruzione del vulcano porta la Repubblica Democratica del Congo a svuotare una parte della città | Scienziato

L’appello all’azione è per il G7, che si riunisce a giugno. Ma l’organizzazione chiede anche alle aziende farmaceutiche di modificare rapidamente i loro contratti e consentire ai paesi con dosi extra di donare.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha criticato anche i governi dei paesi ricchi che hanno iniziato a valutare la vaccinazione dei bambini, mentre nei paesi più poveri del mondo nemmeno gli anziani ei medici sono stati vaccinati.

Secondo Tedros, la scorsa settimana è stata la seconda settimana consecutiva che ha registrato una diminuzione del nuovo numero di persone infettate dal virus Covid-19. Anche le vittime sono state ridotte. Tuttavia, dice, c’è una disparità crescente tra il caso dei paesi in cui gran parte della popolazione ha avuto vaccini e quelli in cui l’epidemia è ancora in espansione.

Secondo lui, l’Organizzazione mondiale della sanità oggi non ha le risorse per affrontare la realtà della crisi del 2021 e la fornitura di vaccini per Covax potrebbe essere concentrata principalmente sulle promesse delle aziende per la seconda metà dell’anno.

Tedros, nella sua conferenza stampa di lunedì, ha invitato le aziende a espandere i propri impegni e ha indicato che una volta ridotta la crisi in India, chiederà nuovamente al Serum Institute di esportare.

L’UNICEF avverte inoltre che mentre la situazione ha iniziato a stabilizzarsi in alcuni paesi ricchi, la situazione rimane critica in India, Nepal, Sri Lanka, Maldive, Argentina e Brasile.