Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

‘Onorato’ in Nazionale, Gabriel Martinelli non pensa più all’Italia

Convocato per le Olimpiadi, Gabriel Martinelli ora pensa solo alla nazionale brasiliana. L’attaccante ha la cittadinanza italiana e l’anno scorso non aveva escluso di difendere per la nazionale europea, ma ora la sua preferenza è più chiara. in conversazione con UOL SportDice di essere onorato di andare a Tokyo 2020.

“Sono brasiliano e il mio sogno è giocare per il Brasile, vincere titoli: Copa America, i Mondiali, le Olimpiadi stesse ora. Voglio vincere titoli in nazionale”, ha detto Martinelli, rendendosi conto della pressione sull’attuale Campione olimpico.

E aggiunge: “È un sogno competere alle Olimpiadi per il Brasile. Abbiamo vinto l’ultima partita, quindi siamo venuti con questa responsabilità di giocare bene. Sono molto orgoglioso e onorato e non vedo l’ora di farlo”.

Martinelli è salito alla ribalta all’Ituano ed è stato venduto all’Arsenal all’età di 18 anni, nel luglio 2019. Le due stagioni in Europa sono state accidentate, a causa della pandemia, un infortunio al ginocchio e un’artroscopia che lo hanno messo fuori combattimento per sei mesi. È tornato a giocare a dicembre e, da allora, ha segnato due gol in 23 partite per il club londinese.

Prima della pandemia e dell’infortunio, Martinelli aveva avuto un inizio fulmineo all’Arsenal e ha segnato sette gol in otto partite. Con la cittadinanza, ha preferito lasciare a dopo la decisione tra Brasile e Italia. “Questo è solo un risultato, vediamo cosa ci aspetta”, ha detto. UOL Sport nella stagione.

Martinelli è arrivato questa settimana in Serbia, dove la squadra olimpica sta facendo gli aggiustamenti prima di recarsi in Giappone, e l’ultima amichevole preparatoria è stata contro gli Emirati Arabi Uniti, alle 16 (GMT) di domani (15), mentre le Olimpiadi sono in programma iniziare alle Olimpiadi. 22, ripetizione finale di Rio 2016 contro la Germania.

READ  I Corinthians schiacciano Minas con uno spettacolo di Gabi Nunes e garantiscono la leadership della brasiliana femminile

La FIFA ha cambiato le regole per la naturalizzazione

A settembre, la Conferenza FIFA ha cambiato le regole del giocatore per cambiare la sua scelta. In precedenza, era un gioco ufficiale che rendeva impossibile la naturalizzazione. I criteri sono ora più flessibili: fino a tre partite ufficiali, a condizione che il giocatore in questione le abbia giocate all’età di 20 anni o meno, tra gli altri dettagli.

La convocazione alle Olimpiadi non è nemmeno inserita in questo conto, perché non è la squadra principale o il torneo organizzato dalla FIFA. In questo modo Martinelli può ancora difendere ufficialmente l’Italia se cambia idea.

L’Italia ha vinto la Coppa dei Campioni domenica scorsa (11) con tre giocatori di origine brasiliana: Emerson Palmieri, nipote dell’italiano; Jorginho, che si è trasferito in campagna all’età di 15 anni; e Rafael Toloi, che gioca nell’Atalanta dal 2015 e ha ottenuto la cittadinanza.

Guarda le altre risposte di Martinelli:

Martinelli ha giocato 842 minuti per l’Arsenal dopo essersi ripreso da un intervento chirurgico al ginocchio sinistro

Immagine: David Price / Arsenal FC via Getty Images

UOL: La scorsa stagione è stata dura sia per te che per l’Arsenal, ma sembra che la squadra sia migliorata nelle ultime partite. Qual è la tua valutazione degli ultimi mesi?

Gabriele Martinelli: “Ho perso circa cinque mesi per infortunio, ma penso che alla fine abbiamo fatto bene, abbiamo fatto una delle migliori campagne del campionato dopo Natale. È una squadra nuova, anche con un nuovo allenatore, ma ha già esperienza e lo considero uno dei migliori giocatori. Già al mondo. Abbiamo fatto buone partite a fine stagione, i giocatori sono fiduciosi, quindi sta cercando di fare lo stesso percorso, quindi dobbiamo iniziare bene la stagione .”

UOL: Com’è stato il ritorno dell’infortunio al ginocchio? Ti ci è voluto per ritrovare la stessa fiducia di prima?

Martinelli: “L’infortunio è stato molto tranquillo, ma i medici hanno optato per un recupero conservativo per prevenire problemi futuri. Quando sono tornato, ero, sì, un po’ insicuro per le prime settimane, ma poi è tornata la fiducia. Avevo ancora un po’ di dolore , è fastidioso, ma anche normale perché ha passato molto tempo senza giocare. Adesso è finita”.