Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Perché sopravvalutare gli incompetenti? L’effetto Dunning-Kruger | Scienza e matematica

“Una delle cose dolorose del nostro tempo è che coloro che si sentono certi sono stupidi, e quelli che hanno immaginazione e comprensione sono pieni di dubbi e indecisioni”. [1]

È comune avere difficoltà nell’autovalutare un’abilità e discrepanza tra il risultato di tale autovalutazione e l’opinione degli altri.

È normale essere eccessivamente ottimisti quando valuta le sue prestazioni in compiti sociali o intellettuali. Diversi studi dimostrano che la persona media, quando gli viene chiesto, afferma di essere sopra la media [2], Che è statisticamente impossibile. Altri studi [3]E il [4] Indica che il 42% degli ingegneri dell’azienda ritiene di rientrare nel 5% più ricco e il 94% dei professori universitari intervistati considera la qualità del proprio lavoro superiore alla media.

M 1999, Dunning E Krueger [5], Due psicologi sociali, hanno affrontato questo problema e hanno concluso che gli incompetenti di solito sopravvalutano le loro capacità. Sono state addotte due ragioni per spiegare questo fenomeno: l’inefficienza porta a conclusioni sbagliate e priva gli individui delle capacità necessarie per realizzare i propri difetti. Notano, ad esempio, che addestrando i loro intervistati a risolvere enigmi logici, hanno aumentato la loro capacità di valutare correttamente il loro livello di competenza.

Negli anni successivi, numerosi studi hanno confermato i risultati di Dunning e Kruger in vari contesti. I partecipanti a ciascuno di essi hanno ricevuto due punteggi che misurano la loro competenza in un’abilità intellettuale. Il primo rappresenta l’autovalutazione del partecipante e il secondo è stato fornito da un comitato del punteggio del test o dell’intervista. Successivamente, i partecipanti sono stati raggruppati in quattro gruppi della stessa dimensione. Il primo, il gruppo Q1, era composto dal 25% degli intervistati che hanno ottenuto i migliori punteggi assegnati dalla banca. In secondo luogo, il gruppo Q2, composto dal 25% degli intervistati che ha ottenuto i migliori punteggi assegnati dalla banca, ad eccezione del gruppo Q1. E così via fino al gruppo Q4, che ha unito i partecipanti con i punteggi peggiori assegnati dalla banca.

Dopo aver formato i quattro gruppi, sono state calcolate le medie dei punteggi assegnati e assegnati in ciascun gruppo. Il grafico seguente mostra il risultato tipico.

04-12

READ  Marcos Pontes vuole incoraggiare il settore privato a investire nella scienza

Sull’asse x, i quattro gruppi e sull’asse delle coordinate medie. In rosso, i punteggi medi per ciascun gruppo attribuito alla banca e in nero i punteggi medi per l’autovalutazione di ciascun gruppo. Mentre nel quartile inferiore l’autovalutazione media è superiore alla media del test, nel quadrante superiore la relazione è invertita.

Dunning, Krueger e gli autori successivi evidenziano un aspetto del diagramma. Mentre i partecipanti che eseguono i test sopravvalutano notevolmente le loro capacità, quelli che ottengono risultati migliori sottovalutano le loro capacità. Questa caratteristica divenne nota come effetto Dunning-Kruger.

Nel 2016, nuovi studi hanno contestato i risultati di Dunning e Kruger, indicando che il grafico sopra potrebbe anche essere modellato da rumore casuale [6]. Genera 1154 coppie di numeri casuali compresi tra 0 e 100, che rappresentano la prima componente della coppia, l’autovalutazione e la seconda componente del risultato della valutazione; Quindi calcolando le medie per ciascun gruppo, gli autori hanno prodotto grafici simili a quelli di Denning e Kruger.

Metodi alternativi di misurazione della differenza tra l’autovalutazione e la misurazione proposti da questi autori hanno mostrato differenze simili a quelle dell’effetto Dunning-Kruger, ma in misura minore. Questa controversia e il successo della teoria Dunning e Kruger hanno finito per vincere l’Ig Nobel 2020.

[1] “È la cosa dolorosa del nostro tempo che coloro che si sentono sicuri siano stupidi e quelli che hanno un po ‘di immaginazione e comprensione siano pieni di dubbi e indecisioni “. Bertrand Russell

[2] J. Brown: Valutazioni di sé e degli altri: pregiudizi per l’auto-rinforzo nei giudizi sociali. Percezione sociale. 1986; 4: 353–376.

[3] T. Zinger: Perché i datori di lavoro premiano solo le prestazioni elevate? Esamina le relazioni tra prestazioni, salari e fatturato. Scienze gestionali trimestrali. 1992; 37: 198-219.

[4] P. Croce: Non posso però volere Migliorare l’insegnamento universitario? Nuove direzioni per l’istruzione superiore. 1977; 17: 1-15

[5] C. Kruger, D. Dunning: inesperto e inconsapevole: come le difficoltà nel riconoscere la sua inefficienza gonfiano le autovalutazioni. Giornale di personalità e psicologia sociale. 1999; 77: 1121-1134 10.1037 // 0022-3514.77.6.1121

[6] E. Nuhfer, C. Cogan, S. Fleischer, E. Gaze, K. Wirth: le simulazioni di numeri casuali rivelano come il rumore casuale influenzi le misurazioni e le immagini grafiche di autoefficacia. L’account. 9 (1) 2016. Risuonare:10.5038 / 1936-4660.9.1.4

READ  Scatta una foto del tuo piatto e aiuta la bandiera