Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Puoi amare il bambino e non amare la maternità?

L’antropologa israeliana Orna Donath, 44 anni, ha intervistato persone determinate a non avere figli, quando ha iniziato a chiedersi: ci sono donne che si pentono di essere madri?

Non ha trovato studi su questo argomento e ha deciso di porre la domanda anche nei forum virtuali, negli articoli pubblicati sulla stampa e nei convegni accademici. A poco a poco, queste donne hanno iniziato a chiamare. “Volevo capire meglio questo triangolo tra rimpianto e maternità/non maternità e società. Volevo sapere perché non era stato scritto nulla sulla possibilità che le donne si pentissero di essere madri”.

Durante il sondaggio condotto tra il 2008 e il 2013, ho sentito che 23 donne di età compresa tra 26 e 73 anni avevano una cosa in comune: amavano i loro figli, ma odiavano l’esperienza e gli impegni. della maternità. E per molti, questo ha causato molta sofferenza.

Donath spiega che questo non è un paradosso, perché queste madri amano i loro figli come esseri umani e vogliono che crescano felici e sani. D’altra parte, queste donne lamentano la gravidanza e la madre, odiano la responsabilità della cura dei figli e lamentano la perdita della vita che vivevano prima. Il pentimento della madre poi si chiama:

Il pentimento materno è la scoperta e la sensazione di aver commesso un errore nel prendere la decisione di avere figli o adottare; È la consapevolezza che per te tutte le difficoltà che derivano dalla maternità non ne valgono la pena.

La ricerca israeliana si è rivolta al libro “Mães Arrependidas” (Civilização Brasileira), tradotto in diverse lingue e che ha suscitato polemiche in molti paesi. In questa intervista composito, Donath cerca di smantellare il tabù associato al rimpianto per le madri, per dimostrare che queste non sono donne “egoiste” o “cattive”, ma persone comuni con diverse esperienze di maternità. Parla anche della sua decisione di non essere madre e della pressione sociale della maternità forzata.

READ  I cani da terapia aiutano i parenti delle vittime dell'edificio di Miami a riposare | Scienziato

UNIVERSA: Nella tua ricerca, hai sentito donne di diversi gruppi ed età, comprese le nonne, che si sono pentite di essere diventate madri. Come le donne percepiscono e sentono questa sensazione? Qual è il pentimento delle madri?
Orna Donath: Il pentimento materno è la scoperta e la sensazione di aver commesso un errore nel prendere la decisione di avere figli o adottare; È la consapevolezza che per te tutte le difficoltà che derivano dalla maternità non ne valgono la pena.

Molte delle donne intervistate hanno sottolineato la differenza tra i loro sentimenti per la maternità ei loro figli: si pentono di essere madri, ma amano i loro figli.

Questa distinzione indica che si relazionano ai propri figli separatamente e indipendentemente, come esseri umani con diritto di vivere. Allo stesso tempo, si pentono di essere madri e responsabili della vita di qualcun altro.

In che modo il pentimento materno influisce sulla vita di queste donne?
Le madri che non vogliono essere madri sembrano avere una doppia responsabilità: per il benessere dei loro figli, a causa delle aspettative personali e sociali che saranno accuditi, ma anche per il senso di responsabilità nell’avere un figlio.

Quindi, sebbene molte madri sentano il bisogno di prendersi cura degli altri, al punto da cancellare i propri bisogni e sentimenti, questo è esacerbato, tra l’altro, perché si pentono di essere diventate madri.

Nel mio studio, la discrepanza tra il voler essere una madre per nessuno e la tua realtà crea un conflitto tra le identità mentre cercano di fare del loro meglio per prendersi cura dei propri figli.

Alcune donne affrontano questa lotta per anni prima di poter parlare apertamente della loro avversione per la maternità. Gli altri non potranno parlare. Perché è ancora un tabù?

Questo è ancora un tabù perché non voler essere madre e rimpiangere la maternità rompe alcuni dei concetti centrali della nostra società contemporanea. In primo luogo, è la prova che la maternità ha significati diversi per donne diverse e che, contrariamente a quanto ci è stato detto, non è un’esperienza una per tutte.

Secondo, perché ci fa trattare la maternità come una relazione e non come un regno mitico. E come ogni relazione umana, contiene tutti i tipi di emozioni, come gioia, noia, odio, gelosia, amore, rabbia e sì anche rimpianto.

Terzo, ricorda alla società che le donne sono in grado di valutare, immaginare, pensare, sentire e autodeterminarsi. La società patriarcale preferiva possedere tutte queste capacità.

In quarto luogo, il rimpianto della madre interrompe una storia scritta, secondo la quale è solo questione di tempo prima che le donne desiderino essere madri e/o valutino la maternità e la riconoscano come l’unico nucleo della loro vita. Le madri pentite – alcune quando erano già nonne – non rispondono allo sfogo del “lieto fine” quando dicono: “Ci sentiamo ancora allo stesso modo riguardo alla maternità, è stato un errore”.

Molte delle persone che ho intervistato hanno affermato di amare i propri figli e nipoti, ma odiano la maternità. Com’è possibile?
In effetti, quasi tutte le donne che hanno preso parte allo studio hanno affermato più e più volte di amare i loro figli come esseri umani, amano chi sono i loro figli, ma odiano essere in questa relazione come madre.

Con così tante di loro che provano rimorso dal momento in cui sono rimaste incinta, possiamo capire che non si tratta della personalità del bambino, ma piuttosto del rendersi conto che la maternità potrebbe non essere giusta per loro.

Riconoscere la maternità come una relazione dinamica e in continua evoluzione tra due temi specifici permette di ignorare l’aspettativa che tutte le madri abbiano gli stessi sentimenti nei confronti dei propri figli e di se stesse in quanto madri. Pertanto, siamo in grado di comprendere meglio la maternità come parte di uno spettro umano di esperienze e relazioni, piuttosto che pensare a un legame unilaterale in cui le madri influenzano la vita dei loro figli senza essere influenzate dalla maternità.

Credi che sia possibile evitare il rimpianto di una madre?
Non credo che ci sia un modo per liberarsi del rimorso materno, perché il pentimento è umano e le madri sono soggette ai propri bisogni, sogni, capacità e mancanze. Ma penso che siano necessari molti cambiamenti per ridurre la sofferenza nella vita di tante donne e madri.

Il primo passo è ridurre la pressione sulla donna per diventare madre. Per eliminare questa necessità aggressiva, che spinge un numero imprecisato di donne a diventare madri con il loro consenso ma contro la loro volontà, sia lui il decisore.

Dobbiamo continuare a chiedere cambiamenti urgenti e necessari per alleviare alcune delle difficoltà, come un’altra divisione del business dell’assistenza, un cambiamento nel modo in cui gli uomini sono socializzati verso la paternità e l’importanza del sostegno istituzionale, attraverso benefici fiscali, alloggi a prezzi accessibili, e centri diurni. . In altre parole, dobbiamo continuare a comprendere le difficoltà specifiche affrontate dalle donne a basso reddito, single, nere, lesbiche o immigrate, nonché dalle madri con disabilità fisiche o mentali.

Il pentimento è un problema personale o collettivo? Come può la società sostenere le madri pentite?
Questo è un problema personale e collettivo allo stesso tempo.

Se assegniamo il rimpianto, come se fosse il fallimento di alcune donne nell’adattarsi alla maternità (indicando che queste madri dovrebbero fare uno sforzo maggiore), dimenticheremmo il modo in cui molte società occidentali spingono le donne non solo verso la maternità, ma anche. Poiché si sentono soli, devono affrontarne le conseguenze.

Penso che il primo passo per fornire supporto sia riconoscere la donna come soggetto, non come oggetto. Qui sto spiegando ciò che è chiaro nello stato patriarcale: che siamo umani, carne e sangue. Significa anche che possiamo sbagliare.

Carla Tenorio - clone / Instagram - clone / Instagram

L’attrice e scrittrice Carla Tenorio, 38 anni, di SP, ha creato il movimento Mãe Arrependida

Foto: riproduzione / Instagram

Il secondo passo è rendersi conto che la maternità è una relazione, non un mondo mitico. Una relazione in cui molti di noi si impegnano e che possono, come qualsiasi altra, attingere a tutti i tipi di sentimenti. E se le persone in questa relazione sono disposte ad ascoltare attentamente ea scusarsi occasionalmente, probabilmente non sarà un’esperienza traumatica. Pertanto, una percezione più “realistica” delle madri può dare alle donne la capacità di respirare meglio sia fisicamente che simbolicamente, e questo ridurrà la sofferenza nelle loro vite e nella vita dei loro figli.

Personalmente, cosa c’entra la ricerca con la tua decisione sulla maternità?
A sedici anni ho capito che non sarei diventata madre. Non ho mai considerato questo qualcosa da risolvere. Mi sembrava logico che alcune donne volessero essere madri e altre no.

Tuttavia, non mi ci è voluto molto per capire che la società si relaziona con me come se avessi un problema. Dal mio punto di vista, il problema è la società e non la mia riluttanza ad avere figli.

Qui in Israele le donne che non vogliono diventare madri sono ancora condannate e viste come “donne vere”, “poco femminili”, “infantili” ed “egoiste”. In diversi post su di me, è stato detto che ho deciso di fare ricerche sul motivo per cui ero stanca di sentire una minaccia comune alle donne che non volevano essere madre. Non l’ho detto né l’ho mai sentito.

Quello che è successo è che sono rimasta affascinata dalla minaccia comune e dall’uso politico delle emozioni per allinearci, come donne, alla maternità. Volevo capire meglio questo triangolo tra rimpianto e maternità/non maternità e società.

Volevo sapere perché non è stato scritto nulla sulla possibilità che le donne si pentano di essere una madre.

Il suo libro “Mães Arrependidas” è stato persino tradotto in giapponese. Come è stato accolto il testo in questi paesi?
Dal 2015, quando ho rilasciato la mia prima intervista sui miei studi, ci sono state molte discussioni in luoghi diversi, ma erano più o meno le stesse in quanto includevano discussioni accese, dalla condanna di queste madri alle tante testimonianze confortanti delle penitenti della maternità . Inoltre, un numero imprecisato di donne e madri ha sottolineato l’importanza di rivelare, attraverso il pentimento, i propri timori riguardo al dovere di diventare madri o di servire come prime caregiver per i propri figli.

Sei stato attaccato o hai ricevuto minacce a causa del tuo libro? Perché le reazioni possono essere aggressive quando le donne parlano del rimorso di una madre?
Non ho ricevuto minacce dopo aver pubblicato il libro, ma alcuni commenti erano in realtà piuttosto aggressivi. Le risposte aggressive sono legate al fatto che il rimorso materno è considerato tabù.

Qual è la tua ricerca attuale?
Insegno alcuni corsi sulla prospettiva sociale della non maternità e della maternità in alcuni college in Israele. Negli ultimi quattro anni ho supervisionato gruppi di donne che non erano sicure di voler diventare madri o meno. Ci incontriamo per dieci settimane e insieme discutiamo dei loro sentimenti e riflessioni su questo argomento. Inoltre, è stato avviato un nuovo studio sulla vita delle donne anziane (tra i 70 e gli 86 anni) che non sono madri.