Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Rossi vede la concorrenza calare ed è vicino al ritiro dalla MotoGP

Valentino Rossi utilizzerà le sue vacanze per decidere il suo futuro

Foto: SRT / Gran Premio

È ora che Valentino Rossi saluti la MotoGP? Il 42enne italiano prevede di utilizzare le prossime settimane per decidere se interrompere o continuare il Campionato del Mondo MotoGP nel 2022, ma a giudicare dalla sua prestazione nella prima metà del campionato di quest’anno, le possibilità dell’italiano di scegliere di essere un professionista non sono molti.

Rossi ha condizionato a lungo la sua permanenza in MotoGP sui risultati. Lo scorso anno, a causa della pandemia di Covid-19, il pilota non ha avuto modo di mettersi alla prova prima di scegliere di passare alla MotoGP e correre con SRT, con il pieno supporto di Yamaha. Ma questa volta lo scenario è diverso.

Valentino Rossi utilizzerà le vacanze per decidere se seguirlo o meno in MotoGP

Valentino Rossi utilizzerà le vacanze per decidere se seguirlo o meno in MotoGP

Foto: SRT / Gran Premio

analizzando

Dopo aver completato la prima parte del campionato 2021, Valentino ha concluso 19° nel Mondiale Piloti, con soli 17 punti, 139 punti dietro a Fabio Quartararo, leader del campionato. Dopo nove gare, il figlio di Graziano e Stefania ha avuto tre pullback e il decimo miglior risultato.

Anche con Bike of the Year, Rossi non ha ottenuto gli stessi risultati di prima. Da qui l’indicazione che il 2021 sarà effettivamente l’anno dell’addio.

Se ti fermi, non sarà per mancanza di alternative. SRT ha detto che non ha ancora escluso la continuità di Valentino, ma anche se così fosse, è stato confermato l’ingresso di VR46 in Serie A per il prossimo anno, che potrebbe rappresentare il piano B. Oltre a possedere la squadra, Rossi ha l’approvazione dello sponsor. A prendere in mano la bici con il fratellastro Luca Marini. La Ducati ha lasciato la porta aperta per vedere il pluricampione tornare sulla Desmosedici.

“Non ho ancora deciso – ha detto Rossi – durante le vacanze penserò più a fondo. Devo parlare anche con la Yamaha e il team. Vogliamo provare a fare meglio e, ovviamente, ottenere risultati migliori”. “L’inizio della stagione finora non è stato eccezionale da questo punto di vista. Penso che sarà molto difficile per me correre anche il prossimo anno”.

“il principe [patrocinador da VR46] Mi spinge sempre a correre il prossimo anno con la mia squadra e la Ducati ma al momento penso che sarà molto difficile”.

Tuttavia, con la partenza di Maverick Vinales alla fine dell’anno, sono emerse ipotesi secondo cui Rossi potrebbe posticipare il suo ritiro per aiutare il diapason Factory Three. Ancora una volta, però, Vale ha sottolineato che saranno i risultati a determinare le sorti della MotoGP.

“La mia decisione per il prossimo anno dipende molto dai risultati. E i risultati della prima metà della stagione non sono stati quelli che ci aspettavamo. Ci aspettavamo di essere più forti, lottando per posizioni migliori, quindi il risultato non ci aiuta” ammesso. “Ho detto fin dall’inizio della stagione che deciderò nelle prossime settimane rispetto al prossimo anno. E così sarà. Saprete quando deciderò”, ha sottolineato.

“Per me non cambia la mia decisione, perché la mia decisione è legata ai risultati. Quindi quello che succede con le altre squadre o con le altre Yamaha non è un grosso problema”, ha aggiunto.

Con l’arrivo di Fabio Quartararo, la Yamaha ha spianato la strada alla successione di Rossi, assicurandosi un giovane talento che aveva il potenziale per riconquistare il titolo di Prima Divisione ed essere la stella della squadra. Ora, tuttavia, la partenza inaspettata di Maverick rappresenta una sfida per l’impianto. Se prima era necessario pensare a un pilota in una tappa russa, ora potrebbe essere necessario considerarne due. Del resto Franco Morbidelli è una possibilità concreta per il team ufficiale, che potrebbe culminare nella scoperta dell’intera SRT.

Ma niente di tutto questo è un problema russo. Se i risultati non sono più soddisfacenti per te, è ora di smettere. Le vacanze – più lunghe del solito – consentiranno al numero 46 di pensare con calma e calma alle opzioni. Se rimane, rimarrà uno dei migliori nomi di questo sport e quello che fa muovere la folla. Ma se alla fine Valentino deciderà che è ora di fermarsi, lascerà a tutti il ​​riconoscimento dell’importanza fondamentale che ha avuto nella promozione dello sport, i ricordi delle sue tante vittorie e anche la sua eredità a beneficio dello sport italiano, come fanno parte della sua storia anche nomi come Morbidelli e Francesco Bagnaia.

Forse i fan non sono pronti a dire addio. Ma ora è Rossi che valuterà se è lo stesso.

La MotoGP è in vacanza per cinque settimane e correrà di nuovo l’8 agosto, alla Red Bull, per il GP della Stiria. Segui la nostra copertura del Gran Premio del Campionato del Mondo MotoGP.

Dai un’occhiata al canale Grand Prix su YouTube.

Segui il Gran Premio su Twitter Instagram.

Guarda anche

READ  "Vive sull'orlo dell'impossibile."