Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

SBPC tiene le elezioni in uno scenario paradossale per la scienza nell’epidemia – 20/06/2021 – Science

La SBPC (Società brasiliana per l’avanzamento della scienza), l’organismo più influente per la raccolta di ricercatori nel paese, lunedì (21) elegge il suo nuovo consiglio di amministrazione di fronte a uno scenario contraddittorio.

D’altra parte, l’impatto del Covid-19 ha reso la ricerca scientifica al centro del dibattito pubblico in Brasile e nel mondo. D’altra parte, tuttavia, questa ricompensa per l’attenzione e l’esposizione è arrivata con il fardello di notizie false e teorie del complotto. Adottando un atteggiamento di negazione e, allo stesso tempo, esacerbando lo scenario lungo anni di sottofinanziamenti per la ricerca nazionale, il governo federale ei suoi fedeli sostenitori hanno inserito la maggior parte degli scienziati brasiliani nella lista dei nemici.

Le elezioni alla SBPC, che si svolgono online dalla fine di maggio, sono contestate da due liste. Uno è guidato da Renato Janine Ribeiro, professore di etica e filosofia politica presso l’Università del Sud Pacifico ed ex ministro dell’Istruzione, e l’altro è guidato da Carlos Alexandre Neto, medico di formazione e professore di biochimica presso l’UFRGS ed ex rettore di l’Università Federale del Rio Grande do Sul.

Ci sono molte somiglianze tra i cartelli portati avanti dai due candidati presidenziali, a cominciare dalla lotta per ricostruire il bilancio federale per la scienza e la tecnologia, una richiesta che la comunità scientifica ha mobilitato negli ultimi anni da vacche magre. I due fogli suggeriscono di mobilitare la grande posizione dell’organismo in difesa delle libertà democratiche minacciate dall’enclave e dall’inclusione sociale, nonché di intensificare le iniziative di divulgazione scientifica in cui il Consiglio legislativo palestinese è un pioniere.

“Non vedo, in questa campagna, un conflitto di piatti”, ha detto Janine Ribeiro. Foglia. “Direi che il nostro progetto si concentra sul post-tragedia, sul post-horror”, afferma il professore dell’Università del Sud Pacifico, riferendosi agli effetti del Covid-19 in Brasile. “La somiglianza non è sorprendente. Siamo entrambi consulenti SBPC, con una storia di coinvolgimento della comunità e una solida vita accademica”, osserva Neto, il cui “Brasile ha bisogno di ricostruire” dopo la disastrosa gestione della pandemia.

READ  "Un grande giocatore con un grande allenamento"

Per entrambi i candidati, la prospettiva che il Paese vivrà nei prossimi anni una lenta fase di ripresa economica, che significa meno soldi da investire in ricerca, non è motivo per cui alcune aree della scienza, considerate prioritarie o strategiche, ricevano maggiore sostegno di altri.

“Penso che dobbiamo scommettere su tutti i settori. Ma ciò non significa che non possiamo avere un ruolo più chiaro in alcuni, come abbiamo già visto nel caso del settore agricolo o del settore della biodiversità”, riflette Janine Ribeiro. “Invece di ritenere alcuni settori più importanti di altri, un percorso interessante sarebbe quello di organizzare una collaborazione interdisciplinare attorno a problemi nazionali chiave”, afferma Netto.

I tentativi di invertire i tagli ai finanziamenti e alle borse di studio per gli studenti laureati durante i primi anni del governo Bolsonaro sono stati viziati dagli attacchi del presidente, che spesso ripete l’errore che le università pubbliche brasiliane non producono ricerche rilevanti (in realtà, solo pochissime) a piccola parte della ricerca nazionale proviene da enti privati).

“Nel bilancio, nei discorsi e nelle decisioni esecutive, è un governo anti-educazione e anti-scienza. C’è stato anche un ritorno alla censura dei dati nel caso dell’Enppi [Instituto Nacional de Pesquisas Espaciais, responsável pelo monitoramento do desmate na Amazônia]”, afferma Neto. “In un certo senso, è stato umiliante fare ogni sforzo per non lasciare gli studenti laureati senza le borse di studio da cui dipendono per la loro sopravvivenza. Il ruolo dell’SBPC dovrebbe essere imparziale e orientato al dialogo, indipendentemente dal governo, ma le conseguenze di un secondo mandato per Bolsonaro sono difficili da immaginare”.

Per Janine Ribeiro, la povertà dell’attuale dibattito politico suggerisce che è necessario investire molto nella conoscenza scientifica della popolazione, ampiamente compresa, che includa non solo le scienze naturali ma anche solide conoscenze umanistiche. “Questa è l’unica cosa che impedirà alle persone di chiamare chiunque un ‘comunista’ se non c’è proprio nulla di comunista, come è successo negli ultimi anni, o se abbiamo così tanti presunti sostenitori del liberalismo che i liberali non ne hanno quasi nessuno”, dice . . ..

READ  Con attaccante e terzino vicini al Cruzeiro, Mozart accoglie rinforzi