Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Scopri la nano-arte, un incontro di arte, scienza e tecnologia – notizie

Le arti plastiche e le scoperte fatte dai microscopi possono, all’inizio, essere due campi senza una comunicazione chiara. Tuttavia, negli ultimi anni è emersa una cosiddetta nanoarte come una sorta di produzione artistica composta da immagini raccolte da strumenti scientifici.

Leggi anche: NFT: Capire il record digitale che influisce sul mondo dell’arte

Nanoart può essere inteso come un modo per collegare arte, scienza e tecnologia con la produzione di opere digitali nella maggior parte dei casi. Vengono create attraverso immagini in bianco e nero catturate da microscopi elettronici a scansione, che quando si raggiungono gli artisti prendono vita e colori con l’ausilio di programmi per computer.

“Nel mio caso, dopo il disegno al computer, stampo e poi faccio un’altra colorazione con vernice acrilica in modo che il lavoro acquisisca più volume e più spirito”, sottolinea Ino Longo, un artista plastico brasiliano che produce nanoart dal 2012.

Enio sottolinea che è uno dei pochi artisti che lavorano con la nanoart in Brasile oggi, e questo è dovuto al fatto che l’arte digitale, qui nel paese, non è ancora ben compresa come qualcosa di valore nella scena artistica.

“La nano arte in Brasile è ancora molto orientata verso le università e il mondo scientifico. Il mondo artistico non ha ancora assorbito questo tipo di lavoro. Penso che gli artisti in generale non lo accettino ancora molto perché credono che l’arte plastica debba essere sempre attiva. schermo. “Come dice l’artista.

Primo contatto

Il produttore di arti digitali ha avuto il suo primo contatto con questa nuova disciplina artistica quando suo fratello, Elson Longo, Direttore del Center for Development of Functional Materials (CDMF) presso l’Università di Sao Carlos (UFSCAR), gli ha inviato alcuni lavori di uno straniero. Artisti.

READ  In un incontro, il Flamengo e la Confederazione brasiliana decidono di posticipare le partite alla data della FIFA | Fenicottero

A quel tempo, Inoue, che aveva già prodotto lavori nella gamma considerata più tradizionale per le arti plastiche, iniziò a ricercare e implementare alcuni lavori sulle immagini microscopiche inviate da suo fratello.

“Mio fratello mi manda le materie prime, io scatto le foto al computer, e aumento i pixel perché raggiungono una scala molto piccola e poi inizio a disegnare nel programma attraverso i livelli”, sottolinea.

Nel 2015 ha esposto i suoi lavori alla Pinacoteca de São Paulo realizzati con ingredienti utilizzati nella produzione della birra.

Per saperne di più: guarda le 7 foto della luna che gli astronauti hanno scattato dallo spazio

Nel 2017, l’artista ha avuto l’opportunità di presentare alcuni dei suoi lavori alla mostra collettiva Exposition Inovanças: Creations for Brazilians, tenutasi al Museum of Tomorrow, a Rio de Janeiro. Inoltre, nel corso degli anni ha partecipato a mostre di nano-arte in paesi come Grecia, Israele e Romania, tutte sponsorizzate dall’artista su scala nanometrica Chris Urfsko.

Grazie al suo successo in quest’area delle arti visive, lo scorso anno Enio è stato invitato a partecipare alla mostra digitale France-China Arte Expo. Ha sottolineato che “l’artista francese Jean-Jacques ha visto i miei lavori recenti e mi ha invitato a partecipare alla mostra nel 2020. Nell’edizione di quest’anno, ho ripetuto di nuovo l’invito e ho deciso di introdurre la nano-arte”.

“L’arte su scala nanometrica che ho scelto per questo evento si concentra sull’interesse per la foresta pluviale amazzonica. Non creo arte in modo che sia solo un dipinto, voglio sempre che abbia una connessione con il contesto attuale, non è solo un ornamento ,” Aggiunge.

Argomenti attuali e nanoarte in Brasile

READ  L'eliminazione di Dudu e Palmeiras attende Al Duhail che definisce il futuro dell'attaccante | palme

Poiché si impegna sempre a produrre queste arti sulla base di temi attuali, Enio e altri colleghi del CMDF hanno recentemente iniziato a realizzare alcuni video in cui il lavoro di nanoarte è elencato in numeri scientifici. L’obiettivo, ha detto, è restituire credibilità alla scienza in un momento in cui rimangono così tante domande durante la pandemia.

In questi prodotti, l’artista include anche informazioni sulle cure che le persone dovrebbero prestare per evitare di contrarre il Coronavirus, come stare a casa, non essere affollate e lavarsi sempre le mani.

Enio ritiene che nanoarte in Brasile sia ancora agli inizi verso un ulteriore riconoscimento, soprattutto tra gli artisti plastici. Tuttavia, crede che questo sarà il lavoro di una formica di coloro che producono una sorta di arte digitale qui nel paese.

Ha detto: “All’Expo di Francia e Cina, ad esempio, potrei non possedere la nanotecnologia, ma penso che mettendo un seme qui, là, questo movimento possa crescere gradualmente”.

L’artista comprende anche che è normale che le nuove opere vengano inizialmente rifiutate a causa della difficoltà di ricevere cose nuove. Tuttavia, crede nel potere che l’arte ha per cambiare il mondo in qualche modo.

“Dobbiamo sempre lottare per un mondo migliore, aggiungere un po ‘di colore, renderlo meno grigio. L’arte in generale ha quel ruolo”, ha detto Enyo Longo.

* Stagista R7 Sotto la direzione di Fabio Florey