Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Senza pensione Bruno, il figlio di Samudio vuole affrontare l’ex portiere del Flamengo | calcio

divulgazione

Bruno

All’età di undici anni, Bruninho Samudio ha una biografia degna del thriller psicologico, uno di quelli che Hollywood ama ritrarre. La madre di Elisa Samudio è stata uccisa dal padre, il portiere Bruno Fernandez, secondo testimoni oculari, in sua presenza. Dopo più di un decennio di un delitto ancora da chiarire del tutto (il corpo del modello non è ancora apparso), un ragazzo che vive a Campo Grande, Mato Grosso do Sul, sta cercando di avere l’infanzia di qualsiasi bambino della sua età. …tranne per il fatto che ora vuole saperne di più sul suo passato e affrontarlo.

“Un giorno mi ha chiesto della morte di sua madre perché si sentiva in colpa per il crimine. Non l’ho mai visto ribelle o scosso. Ho visto mio nipote picchiare forte il letto… Ho detto che non era colpevole di nulla. L’unico colpevole in questa storia è il padre», racconta Sonia Mora, madre di Elisa, che dalla scomparsa della figlia alleva il nipote: «Per la prima volta ha espresso il desiderio di incontrare Bruno. Ma dice che questo giorno arriverà solo quando sarò alla sua stessa altezza, per guardarlo negli occhi».

(Vedi la galleria di foto della modella Eliza Samudio sotto)

Se dipende da quanto tempo e da quanto tempo arrivi, quel giorno non sarà lungo. A 1.65, ne indossa 41, Bruninho cresce davanti ai suoi occhi. Che gli è valso tanti elogi nella scuola calcio dove si allena – ironia della sorte – come portiere nelle categorie U-11 e U-13.

Dopo che Bruno ha parlato del Dna, la madre di Elisa Samudio ha cominciato a sfogarsi: “Le mani di mia figlia non sono insanguinate”

READ  Quiroga afferma che la Copa America non richiederà la vaccinazione dei giocatori

“Nessuno lo sa, ma Elisa era anche portiere della scuola. Da quando aveva otto anni si appassiona al calcio, sogna di giocare da professionista e incontrare il suo idolo, Rogerio Ceni, che è anche mio nipote”, racconta Sonia: “Ho proprio negato che volesse. Diventare portiere. Ma non posso interferire con ciò che vuole e ne ho la competenza. Ho anche provato il karate. È una cintura arancione. Ma il calcio parla più forte. È San Paolo come sua madre”.

Sonya è commossa quando ricorda sua figlia, morta all’età di 25 anni. Dice di stare attento a non far conoscere a Bruninho i dettagli del delitto, ma sa che sarà inevitabile. Intanto lotta da dieci anni in tribunale perché Bruno svolga almeno le funzioni burocratiche del padre. Ma senza successo.

“Il servizio di custodia dei figli è stato aperto quando mia figlia era ancora in vita. Ad oggi Bruno non ha depositato un centesimo per suo figlio. Il verbale non può citarlo. La curiosità è che anche il mio indirizzo non ha un indirizzo e la magistratura… ci ho provato ricevere per mio nipote l’aiuto carcerario che i figli dei prigionieri meritano e che è stato anche negato. Tutti i diritti di Bruninho sono stati violati da prima che nascesse.

Con tutto ciò che circonda la storia della sua origine, Bruninho si sottopone a cure una volta alla settimana. Si allena come portiere ogni giorno, così come la scuola che frequenta con una borsa di studio completa per essere un atleta. Tutto si paga con i guadagni del nonno che lavora Capotera.

READ  Correzione: Armínio Fraga: lo spazio del budget SUS non è mai stato quello che era stato immaginato

Ora nella pandemia ci stiamo stringendo. Ho la mia fattoria in campagna, ma non posso viverci a causa della scuola del ragazzo. Pago l’affitto e tutte le sue bollette. Dalla morte di mia figlia, ho vissuto per crescere mio nipote. Avevo troppa paura che fosse solo e che facesse qualcosa per lui. Proteggo davvero”, si giustifica.

Sonya è orgogliosa dei successi del ragazzo sul campo, anche se si preoccupa e sente persino la mancanza quando era un bambino piccolo. “Deve avere almeno due scarpe da ginnastica ogni giorno. Ognuna costa circa R$ 600. Con la sua rapida crescita, perde anche velocemente. La proiezione dei medici è che sarà di due metri”, dice.

Senza l’aiuto finanziario di suo padre, e il suo nome è sul suo certificato di nascita, Bruninho cresce sotto la cura dei nonni e mangia cibo semplice come strogov con patatine e cioccolatini il giorno della morte della madre, per alleviare un po’ il vuoto ha lasciato indietro. …nella storia di tante domande e poche risposte:

“Non è facile. Non lo è stato. Cerco di tenerlo il più possibile lontano da questo dolore. Non voglio che dimentichi la sua morte. Anche se ricorda solo una persona. Non voglio che mio nipote soffrire i traumi che ha avuto per tutta la vita. È un karma molto pesante. Pace solo il giorno in cui ripristinerà il corpo di mia figlia. Anche se è il suo mignolo. Fino ad allora, continuerò a rivendicare la tua responsabilità il più possibile .”