Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Spagna e Italia cercano un posto nella finale di Coppa dei Campioni per confermare il “Rinascimento”

Fuori dalle finali dei principali tornei internazionali dal 2012, Spagna e Italia faranno questo martedì a Wembley alle 16:00 (GMT) la loro prima semifinale di Coppa dei Campioni, ma per molti esperti la decisione sarà troppo presto. Allenatori e giocatori non accettano questa etichetta, ma le ultime stagioni delle due squadre e nella competizione stessa hanno permesso alle due squadre di ottenere questo favore su Danimarca e Inghilterra, avversarie da mercoledì nell’altra fila per un posto in finale.

L’unico campione d’Europa nel 1968, gli italiani assenti dall’ultimo Mondiale, non perdono da settembre 2018, in 32 partite. Dal momento in cui il tenore Andrea Bocelli ha entusiasmato la folla allo Stadio Olimpico di Roma con il Nessun Dorma giocato nella cerimonia di apertura, gli Azzurri sono stati perfetti, collezionando tre impressionanti vittorie nella fase a gironi senza subire gol. Poi una coraggiosa vittoria sull’Austria, la migliore del previsto, agli ottavi di finale, e la sfida contro il Belgio nei quarti di finale.

Molte cose sono cambiate da quando Roberto Mancini ha assunto la guida della Nazionale, nel maggio 2018. La squadra mostra una difesa forte e una grande energia per mettere pressione all’avversario, sempre a un ritmo veloce. La difesa ha l’esperienza di Leonardo Bonucci e Giorgio Chiellini, quindi ha subito solo due gol. In attacco Ciro Immobile e Lorenzo Insigne fanno il trucco.

Pur non assumendo favoritismi, lunedì l’allenatore Luis Enrique ha dichiarato che nessuna squadra sta andando meglio della Spagna in Coppa dei Campioni. La fiducia del tecnico si è accumulata dopo una sola sconfitta nelle ultime 29 partite. Sono 13 gli imbattuti nella sequenza, anche se la formazione difensiva continua, al cospetto di Aymeric Laporte. In attacco, Alvaro Morata continua a frustrare i tifosi, che hanno dovuto affrontare una disputa su rigore per superare la Svizzera agli ottavi di finale.

READ  Huddersfield avanza nell'interesse di Lazaro ed è vicino al contratto con il gioiello Flamingo, che Huddersfield anticipa a favore di Lazaro e sta per contrattare con il gioiello Flamingo | La colonna di Vinnie

Ma il vincitore della partita uscirà in mezzo al campo dove la Spagna può seriamente sfidare l’Italia. Jorginho, Nicola Parilla e forse Marco Verratti contro Sergio Busquets, Pedri Gonzalez e Cook sarebbe un duello che vale un biglietto.

Nove anni fa, la Spagna ha vinto 4-0 a Kiev, in Ucraina, e sono rimasti due giocatori di ogni paese: Bonucci e Chiellini per l’Italia e Jordi Alba e Busquets per la Spagna. Il momento delle due squadre è un momento di riemergere per onorare titoli europei (tre a uno per gli spagnoli) e mondiali (quattro a uno per gli italiani).

Gli spagnoli dovrebbero avere più possesso palla, ma forse non quanto sono abituati, mentre gli italiani potrebbero correre in contropiede, cercando di sfruttare il ritmo lento di Busquets.

“E’ uno stile di calcio che la Spagna ha giocato negli ultimi quindici o vent’anni con incredibili successi”, ha detto Mancini. “Il nostro stile di gioco è un po’ diverso. Siamo l’Italia. Non possiamo necessariamente diventare spagnoli dall’oggi al domani. Abbiamo un modo di giocare vincente e cercheremo di essere fedeli a quello”, ha aggiunto il tecnico, che non saprebbe contare su quello. Con il terzino sinistro Leonardo Spinazzola, con un grave infortunio al tendine d’Achille. Emerson Palmieri deve riempire il vuoto.

La vittoria della Spagna, che ha la squadra più giovane del torneo, pone la prospettiva di un terzo titolo europeo in quattro edizioni e forse l’inizio di un nuovo periodo di successi per un paese che ha dominato il calcio mondiale nel 2008/12.