Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Studio: gli investimenti nelle infrastrutture del Brasile devono raddoppiare per fare un salto di competitività | Economia

Il Brasile ha bisogno di raddoppiare il livello degli investimenti infrastrutturali per raggiungere un livello adeguato e fare un salto di competitività internazionale dell’economia brasiliana, osserva il rapporto annuale di Infra 2038, un movimento volto allo sviluppo del settore delle infrastrutture che riunisce consulenti e leader aziendali .

studiando Un investimento annuo stimato di 339 miliardi di R$ che sarà perseguito fino al 2038 per aumentare la qualità e la disponibilità locale, collocando le infrastrutture brasiliane tra le prime 20 al mondo nella classifica competitiva globale del World Economic Forum (WEF).

Il rapporto, preparato dalla società di consulenza Pezco Economics, stima che gli investimenti nel settore siano scesi da 122,4 miliardi di R$ a 115,8 miliardi di R$ nel 2020 a causa della pandemia di coronavirus, che corrisponde a una proporzione dell’1,55% del PIL (prodotto interno lordo). ). Brasile. Tuttavia, la previsione per il 2021 è che il valore salirà a 137 miliardi di R$, o 1,69% del PIL, per riprendersi dal livello del 2019, ma essere ancora a un livello molto basso e al di sotto del picco dei primi anni 2000.

Investire nelle infrastrutture in Brasile – Foto: G1 Economy

Per raggiungere un valore medio annuo di 339 miliardi di R$ entro il 2038, il tasso di crescita degli investimenti in infrastrutture deve essere “almeno il 5,5% annuo”, secondo lo studio. Mantenendo la media degli ultimi 25 anni (1,6%), il Brasile impiegherebbe 64 anni per raggiungere il livello desiderato e la cifra nel 2038 sarebbe ancora di 163 miliardi di R$, ovvero la metà di quanto necessario.

Il rapporto afferma che “Date le medie di crescita storiche, non è chiaro se il Brasile raggiungerà l’obiettivo proposto per il 2038 e, data quest’ultima situazione, anche lo scenario di espansione e mantenimento di tassi di crescita elevati solleva dubbi”.

Fondato nel 2017, il movimento Infra 2038 funge da think tank per discutere e promuovere franchising e partnership pubblico-privato. Il gruppo sostiene l’aumento degli investimenti nelle infrastrutture come un modo per ottenere guadagni di produttività, ridurre i costi di produzione e logistici e quindi aumentare la competitività internazionale e creare posti di lavoro.

Nel 2020, secondo il rapporto, il Brasile è salito al 70° posto della classifica

Le proiezioni tengono conto della posizione del Brasile nel pilastro “infrastruttura” del Global Competitiveness Ranking del World Economic Forum.

A causa della pandemia, il World Economic Forum non ha diffuso i risultati per il 2020. Nell’ultima edizione, pubblicata nel 2019, Il Brasile si è classificato 71° assoluto e 78° classificato nella categoria Infrastrutture. Più basso è il numero, maggiore è la posizione in classifica.

Singapore è in cima alla classifica, seguita da Paesi Bassi, Hong Kong, Svizzera, Giappone, Corea, Spagna, Germania e Francia. Il pilastro dell’infrastruttura valuta aspetti quali qualità, accesso, completezza, densità, efficienza e affidabilità nelle aree dei trasporti, dell’elettricità, dei servizi igienico-sanitari e delle comunicazioni.

Infra 2038 afferma che il volume degli investimenti è diminuito in Brasile meno che in altri paesi durante la pandemia e stima che le infrastrutture brasiliane siano salite di 3 posizioni nella classifica lo scorso anno, essendo riuscite a riconquistare la 70a posizione nel 2021. Vedi la tabella seguente:

Brasile nella classifica delle infrastrutture – Foto: G1 Economy

“Il miglioramento nel 2021 è stato molto marginale, siamo ancora in una pandemia, ma investimenti impegnati e progressi negli investimenti indicano una ripresa molto importante nel 2022”, afferma Frederico Torola, economista di Pizzo, coordinatore del rapporto, evidenziando l’accelerazione L’agenda delle concessioni e dei partenariati pubblico-privato nelle infrastrutture, in particolare nelle ferrovie e nei servizi igienico-sanitari, che ha visto grandi aste anche durante la pandemia.

Confronto con altri paesi

Nel confronto internazionale, la dimensione degli investimenti brasiliani, in termini di percentuale del PIL, supera quanto osservato in altre economie della regione come Messico e Colombia, ma è molto inferiore a quanto osservato nei paesi asiatici emergenti come India e Cina , che equivalgono a investire oltre il 6% del prodotto interno lordo.

“L’investimento richiesto per il Brasile in infrastrutture è molto maggiore che in altri paesi perché le distanze sono maggiori e le parti disabitate del territorio sono molto più grandi”, afferma Torola. “Date le dimensioni del paese, il Brasile dovrà investire il doppio di quanto investe attualmente per entrare in questi primi 20 paesi e dovrebbe investire più del 4% del PIL”.

Secondo lo studio, le sfide principali risiedono nel campo della logistica del trasporto di merci pesanti, in cui carenze e bassa produttività continuano a incidere sulla competitività internazionale delle esportazioni brasiliane.

“Per avere un’idea della situazione attuale, il Brasile ha attualmente un indice ferroviario di soli 3,57 chilometri di linee ferroviarie disponibili per mille chilometri quadrati di territorio, mentre il Giappone, il Paese con la più alta densità al mondo, ha un indice di 46.57”, evidenzia il rapporto.

Tra gli sviluppi chiave, Infra 2038 indica miglioramenti in alcuni quadri normativi come i servizi igienico-sanitari, l’aumento del volume degli studi di fattibilità per i progetti di concessione e l’avanzamento delle bollette volte a rendere gli investimenti nel settore più appetibili per i capitali stranieri.

“Mancano più pianificazione, piani di investimento pluriennali, assunzione di persone qualificate per aiutare a sviluppare l’ingegneria del progetto e studi di buona domanda in modo da non dover apportare molte modifiche in futuro. Progetti che sono stati eseguiti male o realizzati con il tocco monetario sono la radice dei problemi nelle aggiunte Costo principale del business”, valuta Marlon Airey, un avvocato specializzato in infrastrutture e membro del Comitato Esecutivo Infra 2038.

Il numero di aste nel 2021 supera già il totale nel 2020

Nel 2021, 37 aste sono state condotte nell’ambito del Programma di investimento in partenariato (PPI), concentrandosi su privatizzazione Cedae, Concedere Ferrovia dell’integrazione occidentale e orientale (Fiol), Oh 22 aste aeroportuali è il Asta di linee di trasmissione dell’energia elettrica Questo è mercoledì (30). In tutto lo scorso anno sono stati messi all’asta solo 29 progetti.

Bahia Mineração vince l'asta per la concessione ferroviaria Ovest-Est

Bahia Mineração vince l’asta per la concessione ferroviaria Ovest-Est

Le 37 aste tenutesi nel primo semestre hanno già assicurato investimenti in appalto per circa 50 miliardi di R$, secondo i dati del Ministero dell’Economia, e PPI prevede che tale importo possa superare i 260 miliardi di R$ in considerazione del verificarsi delle aste pianificate. fine anno.

Dal 2019, più di 100 progetti federali e subnazionali già rimossi dal giornale da PPI si aggiungono a una previsione di investimento di 536 miliardi di R$ per la durata delle concessioni, secondo il governo. L’esito delle recenti aste dovrebbe riflettere ulteriormente il volume degli investimenti annuali in infrastrutture a partire dal 2022.

Il portafoglio di PPI comprende attualmente 235 progetti di concessione e privatizzazione in costruzione, tra cui ferrovie, autostrade, porti e parchi nazionali, nonché aste per petrolio e gas, energia, miniere, fognature e illuminazione pubblica, tra gli altri.

Tra le aste più grandi in programma per quest’anno ci sono la BR-163/230 (prevista per l’8 luglio), 3 aste della nuova energia (luglio e settembre), la concessione del sistema idrico e fognario di Amaba (2 settembre) e il 17° ciclo. Blocchi di petrolio e gas (7 ottobre) e blocchi in eccedenza dai diritti di trasferimento (17 dicembre).

Investimenti pubblici contro investimenti privati

“Se vogliamo fare affidamento sugli investimenti pubblici, torniamo al PAC[ProgrammadeAcceleraçãodoCrescimentodosgovernosLulaeDilma)eeparamentoinheirlacomainãofirma”diceTorola[برنامجتسريعالنمو،لإداريتيلولاوديلما)وكيفتمذلك:لايستثمرأيشيء،ويخصصالكثيرمنالأموال،ولكنلايخرجالاستثمار”،كمايقولتورولا[ProgramadeAceleraçãodoCrescimentodosgovernosLulaeDilma)eparacomosefazia:nãoinvestenadaalocamuitodinheiromasoinvestimentomesmonãosai”afirmaTurolla

Tuttavia, altre entità come l’Istituto per gli studi sullo sviluppo industriale (Iedi) sostengono un certo livello di ripresa degli investimenti pubblici come un modo per superare più rapidamente le strozzature nelle infrastrutture brasiliane e accelerare la ripresa economica.

“Sebbene l’investimento privato sia indubbiamente indispensabile, l’insufficienza degli investimenti pubblici si presenta come un serio fattore limitante al progresso delle infrastrutture del Paese”, ha evidenziato Iedi in uno studio pubblicato la scorsa settimana, valutando che anche se il settore privato riuscisse a superare, raddoppiando investimento, ci sarà ancora un divario per soddisfare i bisogni immediati del paese.

“Il ruolo dello Stato come investitore è importante in molti Paesi, anche per la presenza di uno stock di asset che non ha attrattiva economica per il settore privato”, aggiunge l’istituto.

Una recente indagine condotta dall’economista Manuel Perez, coordinatore dell’Ibre/FGV Fiscal Policy Monitor, ha mostrato che il tasso di investimento complessivo nell’economia, misurato dagli investimenti fissi lordi (GFCF), Si è quasi dimezzato negli ultimi dieci anniDal 4,56% del PIL nel 2010 al 2,58% nel 2020.

READ  Il presidente colombiano invia rinforzi a Cali dopo nuovi scontri nella regione | Scienziato