Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Un attacco a una petroliera iraniana al largo della Siria | Scienziato

L’Osservatorio siriano per i diritti umani con sede a Londra non è stato in grado di determinare l’origine dell’attacco: un drone o un missile. Non ci sono informazioni sulle vittime.

Un’immagine che mostra il fumo che esce da uno dei serbatoi di una petroliera iraniana – Foto: Reuters / Clone SANA

“Inoltre, non è noto se sia stato un attacco israeliano o meno”, ha detto all’AFP il direttore dell’OSDH Rami Abdel-Rahman. La stessa fonte ha affermato che “la petroliera iraniana proveniente dall’Iran si è fermata non lontano dal porto di Banias al momento dell’attacco” e uno dei suoi carri armati è stato colpito.

La Repubblica islamica dell’Iran è un paese alleato con il regime siriano di Bashar al-Assad, ma un nemico di Israele, che periodicamente prende di mira i siti iraniani in Siria. Circa dieci giorni fa, l’Iran ha accusato gli israeliani di “sabotare” il suo impianto di arricchimento dell’uranio a Natanz.

A Damasco, l’agenzia ufficiale di Sana’a ha citato il Ministero del Petrolio per aver affermato che un incendio è scoppiato in uno dei serbatoi di una petroliera non identificata, “molto probabilmente” attaccata da un drone al largo delle coste di Banias. Ha detto che il fuoco era ora “sotto controllo”.

Questo è il primo attacco di questo tipo dallo scoppio della guerra in Siria nel 2011.

Israele, che confina con la Siria, ha effettuato centinaia di attacchi dal 2011, anche con droni, contro le posizioni delle forze siriane e dei suoi alleati, delle forze iraniane e dei combattenti libanesi di Hezbollah, un altro nemico dello stato ebraico.

Israele dice che vuole impedire all’Iran di stabilirsi in Siria. L’esercito israeliano raramente riconosce pubblicamente i suoi attacchi sul suolo siriano.

Un funzionario siriano è stato ucciso giovedì vicino a Damasco in attacchi israeliani, secondo OSDH. Israele ha affermato di aver risposto a un missile sparato dalla Siria e che si era schiantato nel sud di Israele vicino a un impianto nucleare.

Diverse installazioni di idrocarburi sono state attaccate in Siria.

Nel febbraio 2020, quattro siti di petrolio e gas nel Governatorato centrale di Homs sono stati attaccati da droni armati, provocando incendi e danni materiali.

Gli attacchi, che non sono stati adottati, sono avvenuti una settimana dopo che estranei hanno sabotato le condutture della raffineria marina di Baniyas. Un analogo processo di sabotaggio, effettuato con esplosivi collocati in condotte, è avvenuto sei mesi fa.

La guerra in Siria, iniziata nel 2011 a causa della repressione delle proteste a favore della democrazia, è costata all’industria petrolifera decine di miliardi di dollari.

Prima del conflitto, la produzione di petrolio greggio della Siria era di quasi 400.000 barili al giorno. Nel 2020, secondo il ministero del Petrolio, ha totalizzato solo 89.000 barili al giorno.

Le sanzioni occidentali sul trasporto di petrolio, così come le misure punitive statunitensi contro l’Iran, hanno complicato le importazioni.

READ  L'Australia rinuncia all'obiettivo della vaccinazione dopo aver avvertito di ictus