Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Un incontro con il Presidente della Confederazione Brasiliana alimenta la rivoluzione della Nazionale contro la Copa America – 06/04/2021 – Sport

Quando il presidente della Confederazione calcistica brasiliana, Rogerio Capoclo, incontra i miei giocatori Nazionale brasiliana ال, è stato avvertito prima dell’incontro dell’insoddisfazione degli attori, ma ha pensato di potersi voltare. peggiorare le cose.

L’incontro si è svolto alla vigilia della partenza della delegazione per Porto Alegre, mercoledì scorso (2).

un Foglia Ha sentito che il modo di parlare di Kapoklo, che tratta gli atleti come se fossero parte dell’establishment, ha causato ancora più irritazione. La denuncia è diventata una disputa di proporzioni storiche nella selezione.

I giocatori non si lamentano solo di Organizzare la Copa America in Brasile Durante l’epidemia.

Si lamentano della mancanza di dialogo con i rappresentanti sul cambiamento del Paese. Hanno anche colto l’occasione per lamentarsi di dover giocare nel torneo un anno fa Coppa del Mondo, Dopo una stagione estenuante e aggrappato ai playoff. Le partite che considerano più importanti della Copa America.

Venerdì (4), il Brasile ospita l’Ecuador a Porto Alegre. Martedì prossimo (8), va ad Asuncion per affrontare il Paraguay. La Copa America inizierà il 13 quando la squadra affronterà il Venezuela a Brasilia.

dalla lista Inserito da Titi In queste due partite sono 21 i nomi attivi del calcio europeo.

Caboclo ha spiegato che il cambio di paese è avvenuto così urgentemente che non c’era quasi tempo per avvisare nessuno. Anche Tite e Juninho Paulista, il coordinatore della squadra, hanno fatto arrabbiare Hat perché non sono riusciti a spezzare la rivoluzione. Tate non ci ha nemmeno provato. Ha solo chiesto a tutti di concentrarsi sui playoff.

Informazioni che atleti e allenatori di altre squadre, come Ricardo Gareca (allenatore del Perù), Sergio Aguero (attaccante dell’Argentina) e Luis Suarez (attaccante dell’Uruguay) contro la trasferta in Brasile, hanno solo rafforzato le menti dei brasiliani.

READ  Daniel Alves dà il "settimo voto" alla prestazione e spiega il gol mancato

C’è ancora una voce che Lionel Messi Avrebbe detto al presidente della Federcalcio argentina, Claudio Tapia, che giocare la Copa America sarebbe stato scomodo.

La questione è diventata rapidamente politica, poiché i giocatori della nazionale hanno contattato squadre di altri paesi alla ricerca di una dichiarazione congiunta. C’è stato anche un riavvicinamento tra gli atleti e la FifPro, la Federazione Internazionale dei Calciatori. L’organizzazione si era lamentata dell’istituzione della Copa America e aveva ricevuto una risposta dal presidente della CONMEBOL, Alejandro Dominguez.

In una lettera inviata a FifPro, Top Hat ha ricordato che il Sud America è stato il primo continente a paralizzare il calcio a causa della pandemia di Covid-19 e ha fornito protocolli per il suo utilizzo in Copa America. Ma questi si riferivano alle competizioni dei club di entità, come la Copa Libertadores.

Opinione Presidente Jair Bolsonaro (apartitico), che era impegnata al 100% per l’istituzione della Copa America, non è stata presa in considerazione dagli atleti, ma è anche un elemento politico.

Quando il Brasile era campione nel 2019, al Maracana, il politico è sceso in campo per ricevere il trofeo e alcuni giocatori lo hanno definito “il mito”. Dei 24 membri della squadra che affronteranno l’Ecuador, 13 sono nella competizione da due anni: Ederson, Alisson, Alex Sandro, Eder Militao, Marquinhos, Thiago Silva, Casemiro, Lucas Paqueta, Everton, Neymar, Firmino, Gabriel Jesus, Richarlison .

Dietro le quinte, i direttori delle Società Nazionali e della CONMEBOL si preparano ad ospitare la Copa America nonostante il boicottaggio. Possono essere convocati altri giocatori, cosa senza precedenti nella storia della manifestazione, iniziata nel 1916.

READ  La pioggia ferma il debutto di Marcelo Melo al Montecarlo Masters 1000 - Sport