Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Un missile cinese incontrollato colpisce il suolo questo fine settimana – Notizie

Rischio “basso” o addirittura “basso”, ma non zero: un missile cinese dovrebbe tornare nell’atmosfera terrestre questo fine settimana, senza controllo, senza controllo. Tuttavia, la Cina e molti esperti ritengono che la probabilità di danneggiare la Terra sia molto ridotta.

Il paese asiatico ha messo in orbita la prima unità della sua stazione spaziale il 29 aprile, grazie al missile Long March 5B, il più potente lanciatore cinese.

È la prima parte di questo missile, attualmente in orbita, che dovrebbe tornare sulla Terra. Sta gradualmente perdendo la sua altezza e il suo punto di atterraggio è ancora sconosciuto.

La Cina è stata molto cauta su questo problema e non ha fatto previsioni su quando la rampa di lancio entrerà nell’atmosfera terrestre, o dove dovrebbe disintegrarsi in tutto o in parte.

Per l’agenzia spaziale russa Roscosmos, l’ingresso potrebbe avvenire oggi alle 23:30 GMT (20:30 GMT) nel sud dell’Indonesia.

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti stima che saranno le 23:00 GMT (20:00 GMT), con un margine di errore di nove ore.

Dopo un lungo silenzio imbarazzante dallo spazio cinese e dai funzionari diplomatici cinesi, Pechino ha finalmente risposto venerdì.

“La maggior parte dei componenti (del missile) verranno bruciati quando tornerà nell’atmosfera”, ha detto Wang Wenbin, portavoce del ministero degli Esteri cinese.

“La possibilità di danneggiare le attività aeree o (a persone, edifici e attività) a terra è molto bassa”, ha detto.

La stampa segreta

La stampa cinese non ha parlato molto dell’evento e ha solo ribadito le dichiarazioni rilasciate dal portavoce diplomatico sabato scorso.

Se parti del razzo rimangono intatte dopo essere rientrate nell’atmosfera, ci sono buone probabilità che cada in mare, poiché il 70% del pianeta è acqua.

READ  Il moderatore annuncia la morte dello "scrittore" William Shakespeare sulla prima vaccinazione del virus Covid nel Regno Unito | Scienziato

“Speriamo che cadano da qualche parte dove non feriscano nessuno”, ha detto venerdì il portavoce del Pentagono Mike Howard.

Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin ha detto questa settimana che il suo paese non ha intenzione di distruggere il missile. Tuttavia, ha accennato al fatto che il suo lancio non era stato pianificato diligentemente dalla Cina.

Diversi esperti intervistati dall’Agence France-Presse hanno affermato che il rischio che i detriti di un bombardiere entrino in collisione con un’area popolata esiste, ma questo è improbabile.

Florent Delphi, astronomo dell’Osservatorio PSL di Parigi, prevede che “date le dimensioni dell’oggetto, rimarranno sicuramente grandi”.

Ma il potenziale di impatto su un’area popolata è “minuscolo, meno di uno su un milione, senza dubbio”, afferma Nicolas Bubriensky, capo dell’ingegneria e dell’innovazione presso l’Agenzia spaziale europea (ESA).

“Non devi preoccuparti troppo”, dice Jonathan McDowell, astronomo dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics negli Stati Uniti ed esperto di detriti spaziali.

“Ma il fatto che una tonnellata di schegge metalliche raggiunga la Terra a centinaia di chilometri all’ora non è una buona pratica, e la Cina dovrebbe rivedere le sue missioni per evitarlo”.

Nel 2020, i detriti di un altro missile Long March si sono schiantati contro i villaggi della Costa d’Avorio, provocando danni ma non feriti.

Nell’aprile 2018, il laboratorio spaziale cinese Tiangong-1 si è disintegrato entrando nell’atmosfera, due anni dopo che era fuori servizio.

La Cina investe miliardi di euro nel suo programma spaziale da diversi decenni.

Il paese asiatico ha inviato il suo primo astronauta nello spazio nel 2003. All’inizio del 2019, un robot è atterrato dall’altra parte della luna.

READ  Sopravvissuti cinesi del Titanic che arrivarono negli Stati Uniti e furono respinti | Scienziato

L’anno scorso, ha portato campioni dalla luna e ha terminato il sistema di navigazione satellitare Beidou (un concorrente del GPS statunitense).

La Cina prevede di far atterrare un robot su Marte nelle prossime settimane e ha anche annunciato la sua intenzione di costruire una base sulla superficie della luna con la Russia.