Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Un nuovo ceppo indiano potrebbe aumentare la terza ondata di covid-19 a Campinas, dice Side - ogni giorno

Un nuovo ceppo indiano potrebbe aumentare la terza ondata di covid-19 a Campinas, dice Side – ogni giorno

Azione su Rua 13 de Maio questo mese a Campinas (Foto: Luciano Claudino / Código19)

Il nuovo ceppo indiano – confermato giovedì dal governo del Maranhão nello stato (20) – potrebbe sostenere la terza ondata di COVID-19 a Campinas, secondo Divisa (Dipartimento di sorveglianza sanitaria). Ad oggi, non vi è alcuna traccia di commercio di questa alternativa nel comune o nello stato di San Paolo. Ieri, i primi casi della variante sono stati rilevati in Brasile nei membri dell’equipaggio della MV Shandong di Zhi che rimangono isolati.

In totale, ci sono sei casi di questo nuovo ceppo indiano, con cinque delle persone infette messe in quarantena sulla nave. A Campinas è attualmente in circolazione il ceppo originale di coronavirus, variante P.1, quest’ultimo prevalente tra i casi e i decessi. È stato confermato a Campinas il 31 marzo.

Secondo il manager di Devisa de Campinas Andrea von Zuben, se il ceppo indiano inizia a diffondersi nel comune, c’è la possibilità di rafforzare una potenziale terza ondata di covid-19. Inoltre, c’è stato un leggero aumento – considerato lieve – nei casi confermati della malattia nell’ultima settimana e una limitata vaccinazione contro la malattia.

Leggi anche: Cento persone vengono monitorate per evitare la trasmissione della variante indiana in MA

Altre vaccinazioni

Finora Campinas ha applicato 266.212 prime dosi contro il Coronavirus. La seconda dose, chiamata richiamo, è stata somministrata a 145.117 residenti. Ad oggi, uno studio ha indicato che Campinas potrebbe impiegare fino a due anni per completare la vaccinazione contro il Coronavirus. (Leggi di più qui).

“C’è preoccupazione, sì. Penso che il modo in cui non esiste una terza ondata sarebbe se ci fosse una vaccinazione maggiore della capacità di trasmettere. Tuttavia, abbiamo ancora dei limiti nella vaccinazione. Sulla base delle indicazioni che stiamo monitorando, ci sono un leggero aumento del sistema respiratorio e delle sindromi influenzali. “.

Farina

Questo aumento è ancora lieve e si è manifestato solo nell’ultima settimana. Uno di questi, ad esempio, è un leggero aumento dei test di laboratorio positivi. In precedenza, c’erano circa 25-30 test di laboratorio positivi per ogni 100 test eseguiti per covid-19 a Campinas. Questa settimana, il numero è di circa 31 (ogni 100).

Andrea ha detto: “È un numero che cattura l’attenzione. È molto preciso, non possiamo ancora dire nulla perché i nostri dati sono stabili. Ma ci rende molto attenti. La possibilità di una terza ondata è reale”.

READ  TikTok, Facebook e Instagram tra le app più scaricate di aprile | Applicazioni

Oggi il Comune ha presentato al FNP (Fronte Nazionale dei Sindaci) uno studio che evidenzia il rapporto tra le buone prestazioni di Campinas durante la seconda ondata di Covid-19 grazie ad un’analisi dei primi indicatori di monitoraggio condotta dal Comune sanitario.

Cura

A causa di questo scenario, Devisa rafforza la necessità di mantenere le cure che la pandemia richiede, inclusa una distanza sociale di 1,5 metri e l’uso obbligatorio di maschere e igiene per le future mamme, specialmente in ambienti esterni.

“Sappiamo che c’è la stanchezza da pandemia, il che è del tutto comprensibile. Abbiamo 14 mesi di epidemia e c’è esaurimento. Le persone vogliono vedere parenti e amici, e c’è la sensazione sbagliata che sia sicuro. Ma vediamo molti focolai in famiglia ”. Il manager ha detto che è di Quindi è necessario partire consapevolmente, indossare una maschera ed evitare il contatto fisico”.